Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Archivio Telegiornaliste anno IX N. 22 (366) del 3 giugno 2013
 
indice della pagina: Tgiste | Nonsolomoda | Tutto TV | Pink News | Donne
TGISTE Roberta Ammendola: l’affetto dei fan mi ripaga di tante difficoltà di Giuseppe Bosso

Questa settimana incontriamo un volto noto e apprezzato del Tgr Lazio, Roberta Ammendola.

Ricorda la sua prima esperienza giornalistica?
«Impossibile dimenticarla: erano i primi anni di università, e tra un corso di danza e il teatro cominciavo a collaborare con il giornale del mio paese e con una televisione locale della periferia a nord di Napoli, un’esperienza che mi è rimasta nel cuore. Lì sono arrivate le mie prime avventure in cronaca, attualità, l’apertura di un mondo nuovo dopo quello ‘artistico’ che fin da piccola mi ha affascinato».

Com'è arrivata al Tgr Lazio?
«Di anni ne sono trascorsi, tra le più svariate esperienze: dalla parentesi americana, con conduzioni di serate e trasmissioni, alle prime esperienze in Rai; dopo una collaborazione a Radio Uno e a Gr Parlamento - dove ho curato e condotto Il Parlamento e le arti - è arrivato il Tg regionale della Sardegna, straordinaria avventura umana e professionale; solo dopo il Tgr Lazio dove mi trovo attualmente».

In questi anni di crisi economica e politica quale dovrà essere il ruolo dell'informazione secondo lei?
«Non dovrebbe mai cambiare; è soprattutto in momenti di crisi come questi che il giornalismo deve fare la sua parte, traducendo e rendendo leggibile la realtà. Abbiamo il privilegio di seguire e capire la notizia, siamo l’occhio e l’orecchio di chi ci segue ed è per questo che è nostro dovere essere più trasparenti e chiari possibile».

Anni fa le è capitato di condurre un programma dedicato al football americano, Li chiamavano Briganti: cosa ricorda di quell'esperienza e come si è avvicinata ad una disciplina non proprio diffusissima nel nostro Paese?
«Molti anni fa: ero il volto dell’associazione internazionale Italiani nel Mondo, e tra i tanti progetti e programmi che ho condotto per i nostri connazionali all’estero mi hanno proposto di far parte della squadra de Li chiamavano Briganti, un format dedicato alla squadra di football partenopea Briganti Napoli American Football Team, che nel 2009 si è aggiudicata anche il XVI Silver Bowl. “Vivendo” l’America per lavoro ho avuto la possibilità di incontrare anche i guru di questo sport e da lì nacque una nuova esperienza indimenticabile».

Lavorando a Gr Parlamento ha modo di interloquire con molti esponenti politici: avverte in loro reale volontà di risolvere i problemi che ci attanagliano?
«Negli anni precedenti sono stata anche assistente parlamentare. Quel che sicuro è che, oggi come allora, sono in pochi tra chi ci governa - o vorrebbe farlo - ad aver voglia di cambiare veramente le cose. La maggior parte non ha intenzione di farlo, o non ne ha le capacità».

Lei è una delle tgiste più seguite dai nostri lettori, che le hanno anche dedicato un fan club: cosa le suscita questo interesse nei suoi confronti?
«Mi lusinga e trovo sia un’opportunità: anche questo in fondo è un modo di comunicare. Proprio attraverso il fan club ho avuto modo di conoscere tante storie, tante realtà, persone speciali, ‘ragazzi speciali’ e le loro famiglie. Il loro affetto mi ripaga del tanto lavoro e delle tante difficoltà di un mestiere bello come il nostro».

Il suo sogno nel cassetto?
«Di sogni nel cassetto ne ho tanti: mutano, crescono, evolvono. Le mie passioni, il teatro, la musica e la danza sono un punto fermo; rappresentano il cassetto che è rimasto sempre socchiuso e negli anni si apre sempre di più. Dopo MusicCall da me ideato e diretto e tante esperienze teatrali ho recentemente curato la regia de La Prima di Primiano, uno spettacolo che ho nel cuore. Il vero sogno è ‘raccontare’ quelle che per me sono passioni al grande pubblico, integrandole alla cronaca, all’attualità, al sociale di cui con grande entusiasmo mi occupo».

Ha mai subito o avvertito condizionamenti?
«Hanno provato a farmi credere che avrei avuto vita più facile se fossi stata più ‘malleabile’, ma non ci sono riusciti: ho preferito anche sbagliare, ma con la mia testa. Dignità prima di tutto, personale a lavorativa: su questo non transigo».
indice della pagina: Tgiste | Nonsolomoda | Tutto TV | Pink News | Donne
NONSOLOMODA Notizie e Delizie. Idee per le tavole estive di Michela Tortolano

Con la nostra rubrica Notizie e Delizie proponiamo piatti più colorati e più leggeri per la stagione calda, anche se tarda ad arrivare. Ci allontaniamo perciò dal rosso del pomodoro e proponiamo un semplice menù leggero. La leggerezza, naturalmente, dipende anche dalle porzioni!

Rotolini di fesa con formaggio light
8 fette di fesa di tacchino
Una vaschetta di formaggio fresco spalmabile
4 pomodorini pachino
Una manciata di rucola

Sminuzzare la rucola e tagliare a metà ogni pachino. Spalmare su ogni fetta di fesa il formaggio light e la rucola. Chiudere a rotolino ogni fetta ben stretta, posizionarvi sopra una metà del pomodoro pachino e fissare con uno stuzzicadenti. Possono essere serviti su un letto di radicchio.

Lasagne al pesto
1 kg di lasagne pronte per essere infornate
1 lt di besciamella
600 gr di pesto
1 lt di latte
100 gr di parmigiano

Le dosi sono sufficienti per due teglie da otto porzioni.
Unire in una casseruola la besciamella, il pesto ed il latte. Riscaldare a fiamma debole senza portare ad ebollizione. Mescolare bene tutti gli ingredienti.
Preparare la prima teglia mettendo uno strato di lasagne sul fondo, versarvi sopra una quantità sufficiente di condimento e spolverare sopra il parmigiano grattugiato. Procedere per quattro o cinque strati. Se si desidera un sapore più leggero si può scegliere il pesto senza aglio.
Infornare a 180° per circa 40 minuti.

Involtini di melanzane e cotto
2 melanzane grandi
2 fette di prosciutto cotto
7 sottilette
1 spicchio d’aglio
prezzemolo
olio
sale

Le dosi sono sufficienti per 14 involtini
Tagliare le melanzane secondo la lunghezza, mettere un primo strato in uno scolapasta e spargervi del sale. Permetterà all’acqua contenuta nelle fette di scivolare via e anche di togliere il gusto amarognolo. Lasciare a riposo per circa un’ora. Sciacquare e posare su un panno ed asciugare.
Ricavare dalle sottilette e dal prosciutto cotto 14 strisce.
In una ciotolina mettere 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva, unirvi il prezzemolo e l’aglio ben tritati. In ogni fetta di melanzane spalmare un poco di condimento ottenuto, posizionare il prosciutto cotto, la sottiletta e chiudere ad involtino fermando con uno stuzzicadenti.
Cuocere in padella con un pochino di olio e coperchio, oppure nel forno a 180° per circa 30 minuti.
Il prosciutto cotto può essere sostituito con una purea di patate.

Crema pasticcera e more
6 tuorli d’uovo
500 ml di latte
130 gr di zucchero
50 gr di farina
1 bustina di vanillina

Lavorare i tuorli e lo zucchero con una frusta elettrica finché la consistenza risulterà chiara e spumosa. Aggiungere la farina setacciata. Mettere in un pentolino il latte, la bustina di vanillina e tutto il composto preparato con la frusta elettrica. Girare il tutto a fiamma bassa fino ad ottenere una consistenza cremosa. Girare continuamente la crema eviterà la formazione di grumi.
Versare in otto coppette e lasciare raffreddare. Porvi sopra due o tre more fresche e lasciare in frigo per almeno due ore. Spolverare di zucchero a velo prima di servire.
indice della pagina: Tgiste | Nonsolomoda | Tutto TV | Pink News | Donne
TUTTO TV Chi è salito, chi è sceso di Giuseppe Bosso

A ben guardare la stagione televisiva che si è conclusa non ha riservato particolari scossoni: i personaggi di punta del piccolo schermo, chi più chi meno, hanno sostanzialmente confermato il loro ruolino di marcia.

Antonella Clerici è ancora una volta la regina di Rai 1, padrona di casa esemplare sia a La prova del cuoco che a Ti lascio una canzone; sul finire dell'annata ha saputo tenere testa, con La terra dei cuochi, nella sfida del venerdì, alla coppia Scotti-Hunziker di Paperissima.

Al mattino si confermano padroni di casa Elisa Isoardi e Franco Di Mare di Uno Mattina. Ma qualcosa in autunno dovrebbe cambiare, a cominciare dal probabile ritorno, dopo due anni di Linea Verde, di Eleonora Daniele, che però dovrebbe curare la fascia attualmente in mano a Georgia Luzi, lasciando al suo posto la Isoardi e forse un nuovo partner con un Di Mare pronto per altre esperienze.

Così come il buon Gerry, su Canale 5, si è confermato protagonista del telequiz The Money Drop, alternandosi con Paolo Bonolis di Avanti un altro! ha tenuto testa nella sfida a Carlo Conti; la bionda Michelle anche quest’anno, con due nuove veline, non ha sfigurato al fianco di Ezio Greggio nella prima parte della stagione di Striscia la notizia, per poi cedere il passo, come di consueto, a Enzo Iacchetti.

Ma le signore per eccellenza di Canale 5 sono ancora una volta Maria De Filippi e, malgrado le consuete polemiche sulla tv trash e su qualche intervista ad esponenti politici non proprio ‘tagliente’, Barbara D’Urso.

Tornando agli schermi Rai, ancora una volta la domenica sono Lorella Cuccarini e Massimo Giletti i padroni di casa di Domenica In; mentre su Raidue, foraggiata da un cast esplosivo che va dal Trio Medusa all’effervescente Virginia Raffaele, Victoria Cabello tiene il passo a Quelli che il calcio.

Gradita novità, se vogliamo definirla così, è il ritorno in grande stile di Raffaella Carrà come giudice della versione italiana di The Voice.

La prima serata di Rai 3 è ancora all’insegna delle interviste di Fabio Fazio; su La 7 si confermano protagonisti Crozza, Lilli Gruber e la squadra di Servizio Pubblico.

Passando ai programmi comici, bene ha fatto il nuovo duo di Zelig Teresa Mannino-Mago Forrest, mentre Paolo Ruffini, ‘orfano’ di Belen – alle prese con la maternità – non ha sfigurato a Colorado, anche in primavera con un partner diverso a puntata.

Nelle fiction, ancora una volta sono Gabriel Garko e Manuela Arcuri le punte di diamante di casa Mediaset, mentre ‘mamma Rai’, tra un nuovo Montalbano e qualche storia pescata nella storia d’Italia, ha riproposto le avventura di Un medico in famiglia richiamando Nonno Libero-Banfi in azione.

Ma ormai, da qualche anno a questa parte, le novità vere vanno cercate nei nuovi canali che, con il continuo sviluppo del digitale terrestre, si stanno progressivamente ampliando a macchia d’olio. Sono ormai lontani i tempi del duopolio e della tv generalista
indice della pagina: Tgiste | Nonsolomoda | Tutto TV | Pink News | Donne
PINK NEWS Ti lascio… a mezzo stampa! di Ludovica Virgili

La love story a bordo vasca tra Federica Pellegrini e Filippo Magnini è durata due anni: dopo una serie infinita di copertine patinate, medaglie, gossip, ecco che arriva l’epilogo della fine con un comunicato stampa.

É il portale Ansa a trasmettere il comunicato della fine della relazione della coppia: «siamo molto dispiaciuti nel comunicare che la nostra storia d’amore è finita. Tra noi è finita per motivi personali che non c’entrano niente con le cose scritte nelle ultime settimane. A volte è solo il sentimento che va scemando. Continueremo da professionisti il nostro percorso sportivo comune fino a Barcellona, concentrandoci solo su quello».

Sembra una vera e propria moda quella di lasciarsi tramite comunicato stampa: al tempo anche Elisabetta Canalis e George Clooney decisero di finire la loro storia sotto i riflettori tramite mezzo stampa, e così anche la loro storia d’amore tanto chiacchierata, ma anche la meno credibile degli ultimi anni era finita con un gelido comunicato in cui si annunciava la rottura tra i due.

Questa è anche una conseguenza dell’evoluzione del mondo tecnologico: sono cresciute a dismisura le possibilità di scoprire i tradimenti tramite social network o smartphone.

Su queste bellissime storie d’amore cala ufficialmente il sipario, ed ora che si apre l’estate, il gossip da ombrellone è sicuramente assicurato.
indice della pagina: Tgiste | Nonsolomoda | Tutto TV | Pink News | Donne
DONNE Il ritorno di Ornella Vanoni con “Buona vita” di Ludovica Virgili

Ornella Vanoni torna con un nuovo singolo dal sapore italo-greco, grazie al duetto con Kaiti Garbi: il singolo del debutto è “Buona vita”, che anticipa il nuovo album della popstar ellenica, in uscita in Italia il 10 giugno.

Questa canzone rappresenta un gemellaggio artistico in rappresentanza di due nazioni amiche della musica mediterranea: in alcuni brani del cd la Garbi duetta inoltre con altre voci italiane molto famose come Toto Cotugno e Maurizio Lauzi, figlio del celebre Bruno.

Kaiti Garbi, è una delle cantanti greche più amate e seguite, contattata l’anno scorso dal produttore discografico italiano Alberto Zeppieri, è rimasta affascinata di come le sue canzoni in ellenico, risuonassero molto bene anche in italiano.

Ed è nata così la collaborazione con i grandi della musica italiana, facendo riscoprire a tutti l’importanza della musicalità della lingua patriottica all’estero.

Il primo singolo estratto è appunto “Buona vita”, che vede la collaborazione della Vanoni, che ha prestato la sua voce in questo meraviglioso duetto tra due vocalità straordinarie.
indice della pagina: Tgiste | Nonsolomoda | Tutto TV | Pink News | Donne

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster