Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Archivio Telegiornaliste anno XI N. 32 (463) del 12 ottobre 2015
 
indice della pagina: Tgiste | Nonsolomoda | Tutto TV | Pink News | Donne
TGISTE Ghilda Pensante. Più spazio alle nostre atlete di Giuseppe Bosso

Dal 2009 volto di Sky Sport, intervistiamo Ghilda Pensante.

Sky Sport per lei ha rappresentato il raggiungimento di un traguardo o l’inizio di una nuova scalata?
«Nonostante mi occupassi di sport da diversi anni, farlo a Sky Sport ha rappresentato un passaggio, un’evoluzione verso una dimensione diversa dalle precedenti, più stratificata e con maggiori opportunità di crescita e di confronto».

Gioie e dolori che porta lavorare per un network come questo?
«Non contrapporrei queste due sfere, ma le racchiuderei nella consapevolezza che è necessario dare il massimo e mettere sempre qualcosa di extra in ciò che si fa. La soddisfazione è una conseguenza di questo atteggiamento quotidiano».

Giornalista sportiva per caso o per passione?
«Per passione! Da adolescente giocavo a calcio, ho sempre adorato lo sport, e lo seguivo tanto sia dal vivo sia in televisione. Nei primi anni da aspirante giornalista, nei giornali locali, lo sport però era sempre già coperto da colleghi “senior”, quindi mi trovavo a occuparmi di tutto il resto: cronaca, politica di zona, cultura… ma ho sempre sognato di dedicarmi a tempo pieno alla narrazione sportiva».

Negli ultimi anni molte soddisfazioni hanno portato all’Italia le nostre atlete, dalla pallavolo alla scherma, eppure talvolta si ha la sensazione che i media tendano a considerarle più personaggi di immagine che sportive da apprezzare, come dimostra per esempio la grande attenzione attorno a Federica Pellegrini: cosa ne pensa?
«Credo che i media italiani a tutti i livelli dovrebbero e potrebbero valorizzare di più lo sport al femminile che per sforzi, sacrifici e risultati soprattutto in certe discipline equivale e supera quello fatto da uomini. Ma non ritengo negativo che alcune atlete diventino anche personaggi mediatici, anzi! Il loro essere note, magari attente al look, brave coi social network, “cool” in una parola, può incoraggiare tante giovanissime ad avvicinarsi a uno sport. Perché in fondo secondo me a servire è una crescita della base delle praticanti: più bambine e ragazze cominciano a divertirsi in palestra, su un campo da calcio o su una pista di atletica, più in futuro si faranno portavoce dei valori che tutto lo sport - senza alcuna distinzione - è in grado di veicolare».

Tra gli eventi che ha avuto modo di seguire e raccontare, quale le è rimasto maggiormente impresso.
«Tra giugno e luglio 2014 ho avuto l’incredibile opportunità di lavorare all’International Broadcasting Center di Rio de Janeiro durante tutta la Coppa del Mondo di calcio. Un’esperienza indimenticabile per intensità, incontri e lavoro di squadra! A tale proposito tengo soprattutto a sottolineare che il mio ruolo principale all’interno di Sky Sport24 è rappresentato dall’ufficio planning: quattro giornalisti (oltre a me Valentina Fass, Luisa Gamberini e Luca Bordoni) chiamati a organizzare il lavoro della redazione nella sua quotidianità. Stesura dei turni, pianificazione della copertura degli eventi, raccordo tra i vari reparti di una realtà così eterogenea. Un compito impegnativo, che svolto in un gruppo coeso dà una formazione e una forza impareggiabili».

Riesce a conciliare lavoro e affetti?
«Sì, lavoro a tempo pieno in questo settore da oltre 11 anni, quindi ho imparato a gestire i ritmi che lo stesso impone e talvolta la diversa disponibilità in termini di tempi e organizzazione del privato. Ed essere contenti e appagati aiuta a riuscirci!».

Il suo auspicio da giornalista per la nuova stagione?
«Continuare a fare al meglio al mio lavoro e divertirmi. Che sia come planner, conduttrice o redattrice della rubrica settimanale SportStyle, che curo insieme alla collega Valentina Fass, ho voglia di migliorare le mie competenze e sperimentare nuove forme per esprimere e raccontare lo sport da diversi punti di vista».

Come si vede nel domani?
«Sogno di conservare la passione che mi ha sempre sostenuta e di continuare a lavorare con entusiasmo».
indice della pagina: Tgiste | Nonsolomoda | Tutto TV | Pink News | Donne
NONSOLOMODA Creativity Day, il 14 ottobre ultima tappa a Milano e vi racconto la mia esperienza a Reggio Emilia di Francesca Succi
dal blog
TheGlossyMag del 7 ottobre 2015

Da quando ho aperto P.IVA e mi sono immessa nel traffico dei comunicatori freelance ho imposto a me stessa una serie di regole. Tra queste l’aggiornamento professionale a cadenza trimestrale; lo dico pubblicamente anche qui. É un consiglio che dono a chi come me ha fatto la scelta di lavorare in proprio, ma anche a chi lavora in azienda (scelte del Capo permettendo).

La scorsa settimana ho partecipato alla tappa di Creativity Day a Reggio Emilia. Ho investito una giornata intera per un aggiornamento lampo sulla mia professione e non mi pento della scelta che ho fatto; soprattutto con Creativity Day. Questo perché:

1. In base al programma – che sarà uguale nella tappa di Milano per cui non perdetelo – ho annotato e imparato argomenti nuovi. Appunto, mi sono aggiornata!

2. Ho avuto il tempo di fare networking con altri professionisti che erano lì con il mio stesso obiettivo. E le pubbliche relazioni fanno bene al lavoro ma anche all’anima.

3. Sono venuta a stretto contatto con una energia positiva pazzesca per tutto il giorno e questo mi ha permesso di ritornare a casa carica come non mai! Questa carica serve, almeno a me, per buttarsi in progetti nuovi.

A parte questo, poi, posso dirvi che oltre ad aver apprezzato il contenuto di tutto il programma con i relatori scelti – il mio preferito è stato il copywriter Pasquale Diaferia che troverete anche nella tappa di Milano, ma anche Francesco Marino di Digitalic – ho notato una grande cura nel dettaglio dell’organizzazione nei confronti dei partecipanti.

Lo staff è sempre stato disponibile ad ogni richiesta e ha organizzato il pranzo con graditissimi lunch box messi a disposizione durante la pausa pranzo; pausa pranzo che vi servirà anche per un confronto informale con gli altri partecipanti.

Insomma, il Creativity Day lo consiglio vivamente. Mi è piaciuto e credo che non me lo perderò anche il prossimo anno.

Per la tappa di Milano, purtroppo l’ultima, che sarà uguale alla tappa in cui ho partecipato a Reggio Emilia potete iscrivervi da qui.
Durante la giornata potrete passare da uno speech all’altro senza problemi tra le macroaree tematiche #CreativiSiNasce, #GeekSiCresce, #InnovatoriSiDiventa. Il tempo necessario per raggiungerli c’è sempre, quindi non fatevi prendere dal panico. Se potete, e vi interessa, non perdetevi anche il workshop. Io alla fine ho deciso di non farlo perché gli speech erano interessantissimi.

Ultimo consiglio: durante il Creativity Day twittate utilizzando l’hashtag #cday15. Insomma fatevi trovare online attraverso i social. Questo vi permetterà di conoscere ulteriormente altri partecipanti e magari trovarvi poi a prendere un caffè durante una pausa, come è successo a me.
Per informazioni generali www.creativityday.it.
indice della pagina: Tgiste | Nonsolomoda | Tutto TV | Pink News | Donne
TUTTO TV Claudia torna in Rai e… arriva la felicità! di Lisa Pinto

Grande successo per il debutto della nuova serie di Rai 1 È arrivata la felicità, che sancisce il ritorno sul primo canale di Claudia Pandolfi: l’attrice romana infatti, dopo aver lasciato il ruolo di Alice interpretato dal 1998 al 2000 nella serie che l’ha resa nota al grande pubblico Un medico in famiglia, ritorna protagonista in questa nuova fiction dove si racconta l’amore ma anche delle dinamiche familiari che non sempre sono del tutto lontane dalla realtà.

Con circa il 20% di share È arrivata la felicità (ideata da Ivan Cotroneo e coprodotta da Rai Fiction e Publisbei) non ha deluso i telespettatori, che da subito si sono appassionati alle storie dei protagonisti – Claudia Pandolfi e Claudio Santamaria - regalando anche dei momenti dove le immagini hanno raccontato più dei dialoghi; un racconto di come i rapporti e le dinamiche familiari siano cambiati con il tempo: crisi del matrimonio, famiglie allargate, amori improvvisi, omosessualità ed i problemi legati all’adolescenza.

Un mix vincente raccontato in chiave ironica ed un pizzico di follia che contraddistingue l’autore della serie: ma c’è un altro personaggio amatissimo dal pubblico grazie ad Un medico in famiglia e che torna a recitare proprio con la Pandolfi dopo anni: Lunetta Savino, la storica Cettina che si è presa cura dei componenti di casa Martini per diverse serie; Lunetta, infatti, interpreta proprio la mamma del personaggio interpretato dalla Pandolfi, Angelica, che fatica ad accettare l’omosessualità della figlia, interpretata da Giulia Bevilacqua.

Un cast fatto di nomi già noti come Caterina Murino, Myriam Catania, Alessandro Roja, Federica De Cola, Massimo Wertmuller, solo per citarne alcuni, e che segna il ritorno sul piccolo schermo di un’attrice che ha fatto sognare intere generazioni: Edwige Fenech.

È arrivata la felicità è un lavoro fresco, leggero dove non mancano però spunti di riflessione raccontati comunque con ironia che regalerà sorprese e sicuramente colpi di scena che faranno sognare i già accaniti fan della serie.
indice della pagina: Tgiste | Nonsolomoda | Tutto TV | Pink News | Donne
PINK NEWS "Siate affamate della vostra istruzione". Parola di First Lady di Daniela D'Angelo

A cosa pensereste se vi nominassi Charlize Theron e Michelle Obama? La maggior parte di voi risponderebbe «La prima è una famosissima attrice, la seconda è la First Lady d'America»: rispondereste correttamente, ma non del tutto!

Queste due donne, infatti, non sono semplicemente delle “stelle”, ma rappresentano la donna moderna, carismatica e intelligente: ed è proprio per il messaggio di cui sono portatrici, che hanno incontrato, nei giorni scorsi, una platea di studentesse all'Apollo Theater di New York per l'evento Il potere di una donna istruita, organizzato a difesa del diritto all'istruzione; accanto a loro sul palco vi erano altri volti noti come l'ex primo ministro australiano Julia Gillard e la giovane attivista filippina Nurfahada.

«Non c'è niente di più sexy di una donna intelligente» così ha esordito l'attrice; «I ragazzi non pensano che la vostra intelligenza sia attraente? Rimuoveteli dalla vostra vita» ha proseguito la First Lady, ed è proprio quest'ultima ad aver incoraggiato le ragazze a non badare, durante gli anni del liceo, al solo aspetto esteticoo alle mode del momento, ma di approfondire la propria cultura, di impegnarsi negli studi; un discorso appoggiato a piena voce anche da parte della Theron che non ha esitato a battere il cinque a Mrs Obama.

Il tema dell'istruzione è da sempre un punto focale della politica americana ed è per questo che la First Lady ha promosso, nel corso dell'evento, una campagna dal titolo Let Girls Learn.

Attraverso questa campagna, presentata lo scorso marzo dalla stessa Michelle con il marito Barack Obama, si vogliono incentivare le giovanissime a raggiungere i propri obiettivi e i propri risultati scolastici, volendo garantire a tutte loro le stesse opportunità di cui la stessa Michelle Obama ha potuto usufruire.

«Voglio che siate affamate per quella istruzione, perché sarà la chiave del vostro futuro – continua la First Lady- voglio che siate consapevoli dei 62 milioni di ragazze che non possono studiare, e che non prendiate mai la vostra educazione come qualcosa di scontato».

Ma cos'è che spinge i giovani, molto spesso, lontano dalle aule scolastiche? Cosa c'è di preclusivo e ostativo nel voler aprire la mente, nell'elevarsi culturalmente? Di certo non saranno delle semplici date di storia o delle mnemoniche formule matematiche.

Il problema delle volte risiede nel modo di catturare l'attenzione, nel non riuscire a invogliare gli studenti a elevarsi, nel non riuscire a generare curiosità in loro. E forse ciò è dato dalla forma mentis radicata nell'insegnamento: studiare non significa solo superare un esame o prendere un buon voto, bensì cercare di comprendere, di “fare proprio” un determinato concetto o una determinata formula.

Lo studio è uno dei pilastri più fondamentali della vita, che aiuta a ritrovare un'uscita sicura dal labirinto della vita, proprio come un "filo di Arianna": studiare è la migliore arma in possesso dell'uomo (e della donna, ovviamente) che, se tenuta bene può abbattere il velo dell'oblio e del menefreghismo.
indice della pagina: Tgiste | Nonsolomoda | Tutto TV | Pink News | Donne
DONNE Madeline Stuart, come realizzare un sogno e inviare un messaggio al mondo della moda di Sara Ferramola

Avere almeno un sogno nel cassetto è cosa da tutti, anche di chi, come Madeline Stuart, è affetto dalla sindrome di down: il suo desiderio di fare la modella si è realizzato il 13 settembre scorso quando ha sfilato alla Fashion Week di New York.

Madeline ha 18 anni, australiana, capelli rossi ed è una ragazza che non ha rinunciato a inseguire i suoi sogni: il suo primo book fotografico è stato realizzato grazie alla madre, pubblicato sulla sua pagina Facebook che in poco tempo ha raggiunto popolarità inaspettata.

Il sovrappeso dovuto in parte alla sua malattia non l'ha ostacolata nel suo cammino, che anzi l'ha stimolata ad affrontare numerosi sacrifici, visto che si allenava tutti i giorni in palestra e in vasca fino a che non è riuscita a perdere più di 20 kg.

Dopo aver già avuto qualche esperienza sulle passerelle, a New York ha sfilato per Ftl Moda, marchio attento alle disabilità, con un abito dorato e il viso dipinto di blu e argento, e successivamente ha indossato un top con la stampa di un pesce e un paio di shorts.

Un vero e proprio caso nel mondo della moda, il quale grazie al contributo di Madeline sembri in rotta verso un cambiamento almeno di stereotipi fisici e culturali, aperto a tutti senza distinzioni e libero dai vincoli della magrezza esagerata e perfezione.

Queste le parole della mamma di Madeline: «Riguarda la battaglia per tutte quelle persone là fuori un po' diverse. Madeline è convinta che che "posare aiuterà a cambiare il modo in cui la società vede la sindrome di down, e l’esposizione aiuterà a creare accettazione».
indice della pagina: Tgiste | Nonsolomoda | Tutto TV | Pink News | Donne

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster