Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Archivio Telegiornaliste anno VIII N. 11 (313) del 19 marzo 2012
 
indice della pagina: Tgiste | Cronaca in rosa | Format | Hotgirls | Donne
TGISTE Buongiorno con Paola di Giuseppe Bosso

Incontriamo con molto piacere Paola Saluzzi, volto di Sky Tg24 e di Cielo, dove conduce tutte le mattine il programma Buongiorno cielo.

Come si trova a Cielo?
«Benissimo. Ho trovato un ambiente brillante dove si lavora con grande professionalità. Ma anche a Sky tg24 è lo stesso».

Quali differenze ha riscontrato rispetto alla tv generalista?
«Beh, intanto cominciamo col dire che tutti quelli che lavorano ai canali satellitari hanno, più o meno, una formazione di base legata appunto alla tv generalista. Devo dire che sostanzialmente la differenza sta nei ritmi, nei metodi; devo stare 24 ore su 24 sulla notizia, e la diffusione di tanti canali ha favorito la concorrenza. Per il resto ho trovato anche qui un gruppo di collaboratori capaci e attenti come mi era capitato in Rai».

A Buongiorno cielo ha trovato la stessa atmosfera di Uno Mattina?
«Sì e no. In comune ho riscoperto la sveglia presto, anche se il format non è lo stesso di Rai1. In comune comunque c'è quell'adrenalina di entrare nelle case della gente e di dare il buongiorno».

In futuro quali temi vorrebbe approfondire?
«Cerco sempre di consigliare cose buone ai miei telespettatori. Mi piacerebbe intervistare il ministro Andrea Riccardi per approfondire il tema dell'integrazione con altre culture».

Tornerebbe in Rai?
«Il futuro è futuro. Chissà... ma per ora nel mio cielo c'è solo Sky (sorride, ndr)».

Guardando al passato c'è qualcosa che si rimprovera?
«E lei? Tutti noi sicuramente abbiamo qualcosa che ripensandoci non avremmo fatto; ma sono esperienze che aiutano a migliorare sempre».

Le esperienze negative l'hanno fortificata?
«Certamente. I momenti no non sono mai del tutto negativi, se ne sai trarre la giusta lezione».

Chiudiamo con una piccola nota di colore. Tempo fa, il nostro sito le ha dedicato un articolo della nostra nuova rubrica Tgiste style in cui la nostra esperta di moda ha in parte criticato il fatto che spesso indossa stivali durante la trasmissione. Cosa le risponde?
«Ho molto apprezzato quella critica. Era costruttiva, molto attenta e positiva, insomma in una parola era giusta. La mia passione per gli stivali spesso si trasforma in pigrizia! Stuzzicata da quelle parole ho chiesto aiuto al mio costumista e amico, Giuseppe Tramontano, e gli stivali si sono trasformati in scarpa tacco 12 in un attimo, con accurata scelta delle calze, abiti corti e longuette... quindi grazie alla vostra esperta!».
indice della pagina: Tgiste | Cronaca in rosa | Format | Hotgirls | Donne
CRONACA IN ROSA La Twitter-mania delle vip di Roberta Ricciardi

C’erano una volta le dive irraggiungibili, il cui mito era alimentato dal velo di mistero che aleggiava sulle loro vite. Impossibile non fare un riferimento al passato e pensare all’icona felliniana della diva, tutta mondanità e dolce vita. Sembrava quasi che ci dimenticassimo della loro normalità, del loro essere donne come noi.

Bersagli ambiti di paparazzi incalliti, con i loro scatti rubati e conquistati ad opera d’arte, riuscivamo ad aprire una piccola finestra sulle loro vite, e magari sognavamo di poter essere come loro, prendendo un piccolo spunto in fatto di stile e moda da portare nel nostro quotidiano.

Poi arriva Twitter a rompere la magia. Ed è proprio questa la nuova moda delle dive di tutto il mondo che ha contagiato anche quelle nostrane… postare all’impazzata su questo micro blogging, a qualsiasi ora del giorno e della notte. Che si tratti di vita privata, lavoro, scatti intimi, momenti di relax e vita quotidiana, non fa differenza. L’importante è postare, o meglio cinguettare, in modo compulsivo e bulimico, per mostrare, ostentare una certa normalità e farsi venerare da una schiera di contatti a cui nella maggior parte dei casi non sarà mai risposto.

La lista delle star presenti sui social network è lunghissima.

Proviamo a dare uno sguardo al podio virtuale delle più amate e seguite online: al primo posto troviamo la popolarissima Alessia Marcuzzi pronta a giocare tra autoscatti in fase di trucco e anteprime sugli abiti da indossare in onda. Al secondo posto, Federica Panicucci, che del social network tra le altre cose ne fa un mezzo per sondare tra i telespettatori sui temi della puntata e sul buon andamento di essa. Al terzo posto e solo in ordine di “followers” la meravigliosa Ilaria D’Amico che del mezzo ne fa un uso un po’ più privato regalando qualche chicca sulla sua vita.

Dagli Stati Uniti arriva un allarme, saranno mica Twitter dipendenti le nostre amate dive?
indice della pagina: Tgiste | Cronaca in rosa | Format | Hotgirls | Donne
FORMAT Fanciulla dentro, corazzata, mutevole. Vladimir Luxuria si racconta a Telegiornaliste.com di Fausto Piu

Questa settimana abbiamo intervistato Vladimir Luxuria, attualmente co-conduttrice, assieme a Nicola Savino, de L’Isola dei famosi in onda su Rai2. Ci ha svelato i suoi progetti futuri e che cosa vorrebbe veramente presentare…

Hai tre aggettivi per definirti. Quali sceglieresti e perché?
«Fanciulla dentro, corazzata, mutevole. La prima perché è la mia fanciullaggine a darmi il giusto entusiasmo di vivere, corazzata perché ho imparato a difendermi dagli strali della cattiveria gratuita, mutevole perché cancerina, dinamica e in transito su più fronti».

Che cosa pensi, in qualità di ex parlamentare, delle recenti dichiarazioni del viceministro Martone secondo cui "laurearsi a 28 anni è da sfigati"?
«Non ti rispondo da ex parlamentare ma da Vladi. Non mi piace giudicare, è vero, a volte non ci si impegna e si perde tempo. Però, prova a immaginare uno che studia e lavora, magari ci mette più tempo a laurearsi, no? Non è uno sfigato, anzi sono "fighetti" i figli dei baroni che hanno tutto il tempo per dedicarsi solo allo studio e i soldi per mantenersi».

Simona Ventura o Nicola Savino. Chi butteresti dalla torre?
«Butto Nicola, ma sotto mi ci metto io a prenderlo tra le braccia!».

Nel 2008 hai partecipato a L’Isola dei famosi in qualità di concorrente, vincendo. Oggi sei inviata in Honduras. Quali tra i due ruoli preferisci?
«Sono vincenti tutte e due le isole. La prima perché sono stata la più forte e la più votata, la seconda perché stiamo andando più che bene, nonostante tutti sostenessero prima che quest'anno l'Isola sarebbe stata a rischio flop».

L’Isola dei famosi ha portato molta fortuna a Belen Rodriguez che ha partecipato con te all'isola. Il prossimo anno ci son possibilità di vederti presentare il Festival di Sanremo?
«Voglio presentare un'altra cosa... Il mio fidanzato ai miei!».

Dopo L'isola dei famosi hai già in programma altri lavori? Puoi anticiparci qualcosa?
«Una bella tournée teatrale con uno spettacolo comico "Si sdrai per favore" a Torino, Limbiate (Milano) e Lugano. Tutte le info su www.vladimirluxuria.it e poi un nuovo romanzo con la Bompiani».

Lo scorso anno hai pubblicato "Eldorado", il tuo primo romanzo. Chi è "Eldorado" in Italia?
«Casa mia».

Che cosa è, per Vladimir Luxuria, la trasgressione?
«Non essere coerente ai propri valori. Io non sono trasgressiva».

Per chiudere una domanda piccante. Puoi resistere alla fame o al sesso?
«Non si può vivere senza mangiare, mentre si può vivere senza sesso, però si vive molto male!!!».
indice della pagina: Tgiste | Cronaca in rosa | Format | Hotgirls | Donne
HOT GIRLS Il sale della cucina hot di Giulia Fiume

È oggi credenza comune che alcuni alimenti contribuiscano ad accrescere il desiderio sessuale. C’è chi li chiama cibi afrodisiaci e chi si limita a conoscerne qualche proprietà, quel che è certo è che ognuno di noi, almeno una volta, si sarà interrogato sugli effetti più o meno fittizi di certe pietanze.

La tradizione vuole che il termine “afrodisiaco” derivi dal nome di Afrodite, dea della bellezza e dell’amore venerata dagli antichi greci. Piatti ben precisi venivano poi degustati durante le feste dionisiache, quando liberarsi dei propri freni e delle proprie inibizioni era consuetudine comune. D’altro canto è soprattutto in tempi più recenti che la cucina è stata ufficialmente dichiarata una vera e propria arma di seduzione, con ricette e strategie ben precise.

Per chi volesse scatenare il desiderio nel proprio partner le pietanze consigliate sono svariate, dal dolce al salato. Per gli intenditori puntare sul pesce significa vincere in partenza: ostriche e caviale, così come i frutti di mare in generale sono gli afrodisiaci per eccellenza. Ancora meglio se ci si associa dello champagne.

Nel caso in cui si ricerchi qualcosa di meno impegnativo, la cucina hot propone asparagi, mandorle e vino, ogni tipo di spezie e cibi esotici. Il fascino delle pietanze provenienti da luoghi lontani è il principio che sta alla base del portare in tavola piatti d’oltremare.

Ultimo, ma non per questo meno efficace, è considerato il cioccolato. Ancor meglio se si sceglie di abbinarlo a fragole o di farne una bevanda.

Tuttavia, se le credenze popolari ci orientano verso questi cibi, gli studiosi sono più diffidenti: non sarebbero i piatti in sé ma l’atmosfera a determinare l'esito del dopocena. Così, per quelli che ci credono di meno, ci limitiamo comunque a dare qualche consiglio pratico.

L’occhio vuol sempre la sua parte, è bene dunque puntare sempre molto sulla decorazione della tavola e della stanza. Qualche fiore e un paio di candele sono l’ideale, così come luci soffuse e musica di sottofondo. Poche portate o porzioni piccole, altrimenti si rischia solo di appesantire il partner e, naturalmente, il giusto savoir faire per un finale… tutto pepe.

Non ci resta che augurarvi bon appetit!
indice della pagina: Tgiste | Cronaca in rosa | Format | Hotgirls | Donne
DONNE Anemone's Corner: il blog creativo di Mari di Francesca Succi

Mari, lei, è una blogger davvero tanto creativa. E allora per farlo vedere anche a voi, l'abbiamo intervistata. Cosa abbiamo scoperto? che oltre alla creatività, nella sua vita, utilizza tanto ingegno.

Il tuo blog si chiama Anemone’s Corner. Come e perché hai scelto questo nome?
«L'anemone è un fiore meraviglioso, non banale, il fiore del vento. È fragile e delicato, ma anche simbolo di attesa e di speranza. Mi rappresentava parecchio all'inizio della mia avventura online: una ragazza estremamente complicata, con una miriade di crucci e problemi personali - e a cui ora guardo con occhi benevoli- che aveva bisogno di fermarsi un attimo. Per riscoprirsi, invece, risoluta ed estremamente ottimista! E poi questo suono: a-n-e-m-o-n-e... mi è sempre piaciuto, trovo sia molto musicale!».

Da cosa nasce l’esigenza di comunicare con un blog?
«Dal desiderio di condividere le mie passioni e, soprattutto, dalla necessità di farlo in compagnia. Per poter trarre tutto il bello che c'è dal confronto tra persone».

I temi principali sono cucina e creatività. Due elementi che vanno di pari passo, giusto?
«Decisamente sì, per me lo sono sempre stati, anche se all'inizio sarà sembrato strano ai più. Mi è sempre piaciuto spaziare e non fossilizzarmi solo sull'aspetto cucina (che già di suo è sinonimo di creatività), ma raccontare un po' tutto quello che mi interessa: la grafica, la tecnologia, la fotografia. Non solo torte e dolcetti, insomma!».

Hai il tuo shop on line e vai a domicilio nella zona di Bologna come coach per la preparazione di Cupcakes. Attività deliziosa e all’avanguardia contro la crisi!
«Eh sì, ho fatto di necessità, virtù! Mi sono concentrata su quegli oggetti e/o attività che avrei voluto ci fossero nella mia zona, ma che in pratica non trovavo. E allora mi sono detta: "Ok, lo faccio io. Qualcuno dovrà pur cominciare!"».

Dal blog si può notare che ti diletti pure nella grafica. Sei proprio una donna multitasking e multicreativa.
«Ho sempre curato personalmente la mia grafica, che è cambiata tantissime volte in questi 4 anni, assecondando l'umore del momento. E col tempo, arrivavano anche tanti complimenti e richieste da parte di bloggers che mi chiedevano consigli e aiuto. Così, ho fatto 2+2 ed ho deciso di lanciarmi anche in questo settore e... devo ammettere che va piuttosto bene, mi dà delle grandi soddisfazioni! Vorrei che tutti i blog fossero un po' più belli, è la mia missione».

Anemone’s Corner è molto seguito. Quali sono i segreti per un blog di successo?
«Mi fa sempre un po' traballare la parola successo. Diciamo che il mio blog ha il suo bel riscontro e che questo mi stupisce ogni giorno! Detto ciò, non credo ci siano dei veri e propri segreti: probabilmente sono arrivata al momento giusto, quando ancora non c'era l'ondata di foodblogs che c'è adesso e sono riuscita a guadagnare il mio spazio. Se, però, dovessi dare dei consigli a qualcuno che si affaccia adesso a questo mondo direi solo: contenuti, estetica e passione!».

Come donna, blogger e amante della cucina cosa consigli ai giovani di oggi che non avranno la possibilità di arrivare al posto fisso?
«È una domanda complicatissima degna di un complicatissimo periodo storico. Credo che ora più che mai ci si debba reinventare e in molti casi fare anche quello che gli altri non vogliono fare. Poi, per il resto... potrebbe bastare un miracolo!».
indice della pagina: Tgiste | Cronaca in rosa | Format | Hotgirls | Donne

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster