Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Archivio Telegiornaliste anno VIII N. 14 (316) del 9 aprile 2012
 
indice della pagina: Tgiste | Cronaca in rosa | Format | Hotgirls | Donne
TGISTE Letizia Sartù: da telegiornalista a mamma in carriera! di Francesca Succi

Ho conosciuto Letizia Sartù su Twitter e da subito mi ha rapita. Dopo aver letto sul suo profilo, tra le tante informazioni, "ex telegiornalista", incuriosita, le ho chiesto di concedermi quest'intervista. Lei, con la professionalità di chi ha fatto questo mestiere e la dolcezza di una mamma, me l'ha rilasciata. Ecco cosa c'ha svelato!

Ho letto che sei diventata telegiornalista per caso. Ci racconti come?
«Si, è vero, mi sono trovata catapultata in questo mondo per pura casualità. Ero fresca di laurea quando mia sorella, telegiornalista anche lei (ora ex), mi ha proposto di entrare a far parte della sua redazione. Una collega era entrata in maternità ed avevano urgentemente bisogno di trovare una sostituta. Ho iniziato e dopo un mese di prova mi hanno comunicato che facevo parte della squadra. La prima volta che si è accesa la lucetta rossa è stato terribile, credevo di fare scena muta, ma con il tempo mi sono abituata ed è diventato tutto più semplice».

E poi hai lasciato. Perché?
«Ho lasciato alla seconda maternità, dopo dodici anni ininterrotti di lavoro full time. È stato il periodo più difficile per me, come donna, innanzitutto, non tanto come telegiornalista. Le maternità sono state ravvicinate e con problemi fisici, tanto che ho dovuto lasciare il lavoro dopo pochi mesi di gravidanza. Credevo di avere qualche possibilità di rientrare con il part time, ma l’azienda non era in grado di concedermelo. Andare via è stata una scelta-non scelta. Non avendo una rete familiare che mi sostenesse, l’unica via era interrompere il contratto. È stata dura, molto dura».

Cosa ti è rimasto dell'esperienza televisiva come telegiornalista?
«Tanto, non so giudicarmi, penso di aver avuto i miei limiti in questo lavoro, ma l’ho vissuto ogni giorno intensamente, nel bene e nel male. Nonostante la felicità immensa che solo i figli possono regalarti, un pezzo del mio cuore resta ancorato al passato».

Hai mai avuto rimpianti o ripensamenti per aver abbandonato questo mestiere?
«Mi concedete una battuta? Che felicità uscire da casa senza trucco! Ecco, ora sono più seria. Credo di no, non mi sono mai interrogata fino in fondo, dopo quest’esperienza ho pensato di andare avanti e buttarmi tutto alle spalle. Ora mi barcameno fra casa, figli, marito e telelavoro».

Ora di cosa ti occupi?
«Questa è la mia domanda preferita! Nel momento in cui mi sentivo persa, è arrivato il web. È come se mi avesse afferrata per capelli per farmi capire che la strada era questa. Certo, la blogosfera non è uno scherzo, c’è bisogno di un lavoro duro e costante per farti un nome e scrivere tanto offrendo sempre contenuti di qualità, ma credo di essere a buon punto. Insomma, le nottate passate al pc stanno dando i loro frutti. Intanto collaboro con un portale nazionale che si occupa di gossip e tv, la mia passione. Quando ero telegiornalista mi occupavo molto spesso di spettacoli, quindi, per me, scrivere di vip e nip che ho anche avuto il modo di intervistare è come fare un tuffo piacevole nel passato!».

Sei sul web con Brindisi Bimbi. Di cosa si tratta?
«Il mio Brindisi Bimbi è un portale che raccoglie le informazioni utili sulla maternità e genitorialità presenti nel Salento. Oltre alle classiche rubriche, ho creato un diario dove mi diverto a raccontare le avventure di una mamma quarantenne».

Come sta andando quest'avventura?
«Abbastanza bene. Quello che più mi interessa è creare una rete di mamme e papà interessati all’argomento e dalla mole di mail e di contatti conquistati in questi due anni di rete, direi che la strada è buona. È inutile dire che maternità e bimbi sono considerati argomenti di nicchia. A sfavore ho il tempo, sempre poco rispetto a quello che c’è da fare, e la difficoltà di fare rete con gli altri organi di informazione».

Cosa consigli ad una donna che vuole fare telegiornalismo e desidera costruire una famiglia con dei bimbi, proprio come la tua?
«Col senno di poi consiglierei di informarsi bene su quello che potrebbe accadere subito dopo la maternità. Questo è un mestiere dove non sei chiamata a timbrare il cartellino, e se non hai asili o nonni disposti a sostituirti, diventa tutto impossibile, specie quando ti chiedono il full time».

Pensi che il mondo del telegiornalismo sia chiuso a tutte quelle donne che vogliono coronare il sogno di mamma?
«Il telegiornalismo, cosi come tanti altri lavori, è ancora chiuso alle donne che diventano mamme. Manca la flessibilità, ma nonostante tutto, qualche episodio isolato mi fa pensare in positivo. Esistono imprenditori che vanno incontro alle esigenze delle mamme modificando il rapporto di collaborazione, tanto per cominciare. Nessuna donna che diventa mamma chiede sconti di alcun genere, e trovo ingiusto farle pesare questa sua nuova condizione, che non è un limite come la società ci ha abituato a considerare. Quando queste eccezioni diventeranno una regola, allora si che festeggerò! Io intanto mi faccio una domanda ma non son darmi una risposta. Siamo davvero sicure di essere sodali fra noi? Non a caso il mio motto è “facciamo rete”. Nel frattempo continuo a battagliare a favore della conciliazione casa-lavoro attraverso il mio portale».

Vuoi toglierti qualche sassolino dalla scarpa e/o ringraziare qualcuno che ti porti nel cuore dall'esperienza telegiornalistica?
«Nessun sassolino, davvero. La consapevolezza di aver perso il lavoro mi ha reso più forte, e mi ha fatto capire che la voglia di continuare in questo settore è tanta. Nel cuore porto tutti i colleghi di Taranto con i quali ho condiviso i primi anni di esperienza, indimenticabili».
indice della pagina: Tgiste | Cronaca in rosa | Format | Hotgirls | Donne
CRONACA IN ROSA Laurea: in Parlamento si discute sull'abolizione del valore legale di Roberta Ricciardi

L’abolizione del valore legale della laurea torna in agenda politica. Già a dicembre la questione era stata dibattuta in Parlamento ma non si era arrivati ad un disegno di legge preciso. Il ministro dell’università e della ricerca, Francesco Profumo, ha lanciato una consultazione on-line sul sito del Miur per avere un parere dell’opinione pubblica sul tema.

Si tratterebbe di una rivoluzione in Italia, poiché il titolo di studio è una certificazione legale delle conoscenze e delle capacità acquisite. Il dibattito è aperto in realtà da più di cinquant'anni, da quando Luigi Einaudi sollevò per primo il problema dell’inefficienza della parità tra titoli di studio e il valore reale delle competenze degli studenti.

Per i promotori della proposta, si tratterebbe di un’apertura significativa del mercato del lavoro, attualmente troppo chiuso e burocratico, che con un’adeguata riforma strutturale del lavoro riuscirebbe a portare una concreta crescita del Paese, una crescita condotta sulla meritocrazia ed efficienza reale che vanno al di là del titolo di studio come lo conosciamo oggi.

Sul fronte del no le argomentazioni non mancano: il rischio è la dequalificazione dell’università pubblica a vantaggio di una formazione privata non accessibile ai meno abbienti e una discriminazione effettiva tra le università delle diverse aree geografiche del Paese, ad avere la peggio sarebbero gli studenti del sud Italia. Inoltre, si creerebbe una confusione legata ai requisiti di accesso a determinate posizioni che richiedono competenze ben precise. Si andrebbe a imitare il modello americano non avendo le basi sociali e culturali per farlo.
indice della pagina: Tgiste | Cronaca in rosa | Format | Hotgirls | Donne
FORMAT Inchiesta viaggio nella tv: gli anni '60 di Loredana Cortese

Anni '60: la televisione si evolve

Il secondo decennio di vita della televisione italiana si apre con la perdita di due dei primi volti del Programma Nazionale: il cantante Fred Buscaglione è il primo, scomparso a inizio anno in seguito ad un incidente d’auto. Pochi mesi dopo, una caduta dalla gradinata dell’Arena di Verona, ha conseguenze fatali per Mario Riva, presentatore de Il Musichiere.

Siamo nel 1960 quando gli italiani sono scossi da questi due eventi drammatici della televisione, che portano via i loro miti.

L’anno successivo, si assiste alla prima evoluzione della televisione: nasce il Secondo Canale che, come venne dichiarato dai funzionari, avrebbe avuto un linguaggio proprio, costringendo il canale nazionale a fare lo stesso per spirito di concorrenza.

Il secondo così chiamato, offriva nel suo palinsesto non solo telequiz e intrattenimento leggero, ma anche Racconti dall’Italia, serie di testi di Tommaseo, Verga, De Amicis, Serao, preceduti da documentari sull’epoca dell’autore. Ed è proprio sui classici che si basano miniserie e sceneggiati televisivi che si moltiplicano di anno in anno: Delitto e Castigo, Giuseppe Verdi, Il mulino del Po,Mastro Don Gesualdo, I miserabili, La coscienza di Zeno sono solo alcuni dei prodotti trasmessi a puntate.

Gli anni ’60 sono famosi per una popolare trasmissione televisiva di varietà, in onda sulla RAI dal 1956 al 1975: Canzonissima, gara canora caratterizzata da comici, balletti e soubrette e abbinata alla Lotteria Italia.

La trasmissione viene citata in questo periodo poiché nell’edizione del 1962 con Dario Fo e Franca Rame, i conduttori furono criticati e censurati per uno sketch ironico sulle condizioni lavorative dei costruttori edili. Ciò costò l’interruzione del rapporto lavorativo tra i due coniugi e il servizio RAI, passando il testimone a Sandra Mondaini e Tino Buazzelli.

A metà decennio, nascono i programmi cult: La biblioteca di Studio Uno, che ebbe un gran successo per le parodie in forma di commedia musicale di classici quali L’Odissea, Il conte di Montecristo con il Quartetto Cetra, La cittadella con Alberto Lupo nei panni di Andrew Manson e Specchio segreto con Nanni Loi, una sorta di candid camera per indagare sui caratteri della gente per strada.

Gli anni ’60 hanno dato i natali anche a divi meno reali, come Topo Gigio, diventato una star internazionale della trasmissione americana Ed Sullivan Show. Un altro pupazzo, prodotto dalla televisione italiana, è Provolino (voce di Oreste Lionello), spalla di Raffaele Pisu.

Con una ventata di ottimismo, arrivano dall’America telefilm di successo come Bonanza, Il dottor Kildare, La famiglia Addams e anche la serie Alfred Hitchcock presenta, il cui regista inglese rivelò: «In uno dei miei prossimi film, vorrei far cantare quella ragazzina italiana che si chiama Mina».

Star indiscussa della televisione degli anni ’60 (e di sempre) è Raffaella Carrà, il cui esordio in RAI nel 1961 segna un importante successo per quella che diventa da subito la più amata dagli italiani. Accanto al maestro Lelio Luttazzi, la Carrà decreta il successo del programma Il paroliere questo sconosciuto.

Qualche anno dopo, sarà la volta dello sceneggiato televisivo I grandi camaleonti di Zardi, e della commedia musicale televisiva Scaramouche con Domenico Modugno.

Questi anni rappresentano anche un terreno fertile per la televisione a colori, annunciata già all’inizio del decennio, ma per il protrarsi della crisi politico-economica, rimandata agli anni ’70.

A chiudere gli anni 60 è una grande impresa storica oltre che un evento mondiale, trasmesso e commentato in diretta Rai - in Italia - da Tito Stagno: lo sbarco sulla luna il 20 luglio 1969.
indice della pagina: Tgiste | Cronaca in rosa | Format | Hotgirls | Donne
HOT GIRLS Sempre eccitati con Vulva di Fausto Piu

Siete stanchi delle solite essenze alla fragola, al talco o alla vaniglia? Da oggi potete provare quello alla vagina; sì, proprio all’organo sessuale femminile.

Dimenticatevi i cibi afrodisiaci, i vecchi Bon Bons profumati, i sex toys e gli abiti succinti. Con il profumo Vulva, parola già inequivocabile, abbiamo raggiunto il top nell’affascinante e provocante mondo dell’eros e della sensualità. Al costo di soli 19.90 euro, è stato prodotto dall’azienda tedesca Viva Eros che ha precisato: «Non si tratta di un profumo, ma di un concentrato di odore vaginale estratto dall’organo sessuale di una donna molto bella».

Agitando la fialetta, il liquido si trasforma magicamente in un’essenza che ricorda all’uomo, il vero destinatario del prodotto, l’oggetto del suo desiderio proibito. Spruzzandolo sul polso si stimola l’olfatto. E non solo quello.

Quest’iniziativa di marketing ha portato già i suoi frutti: sono già migliaia e migliaia le boccette di profumo che sono state vendute attraverso il sito dell’azienda nei primi mesi di messa in commercio. E anche in Italia è stato un boom. Unico neo: non regalatelo ai colleghi di lavoro o conoscenti, ma solo agli amici stretti e con cui avete una certa confidenza.

«Quando non si può avere quella reale, ci accontentiamo di sentirne almeno il profumo», è stato il commento più diffuso tra coloro che lo hanno acquistato.

Sarà davvero il caso di provarlo?
indice della pagina: Tgiste | Cronaca in rosa | Format | Hotgirls | Donne
DONNE Victoria Cabello: una simpatia travolgente di Giulia Fiume

Energica, divertente, semplice: Victoria Cabello è una continua sorpresa. Dopo aver cominciato con la pubblicità e con un programma scientifico per un’emittente svizzera, la sua carriera ha preso una piega del tutto nuova e in salita. Victoria è stata Veejay, attrice, giornalista per Le Iene, presentatrice e molto altro ancora.

Eclettica e mai banale, questa protagonista del piccolo schermo sa reinventarsi e dare un tocco in più ad ognuno degli incarichi che le vengono assegnati. I suoi punti di forza sono, senza dubbio, una comicità leggera ed una spontanea auto-ironia. La sua, è una televisione giovane.

I primi lavori che le sono stati assegnati hanno senza dubbio contribuito ad arricchire l’esperienza di Victoria, ma il suo punto forte rimangono da sempre le interviste. Chi non la ricorda in Victoria’s Secrets? Grazie al programma di Radio Deejay la Cabello è ufficialmente stata iniziata al mondo del gossip. Un mondo per lei tutto nuovo nel quale è riuscita a muovere i primi passi senza imbarazzanti cadute.

Il programma Le Iene su Italia 1 è stato, però, il primo ha mettere davvero in luce le sue straordinarie potenzialità. La spumeggiante Victoria si è affermata così, con entusiasmo, nel panorama televisivo della prima serata, pronta per tutti gli incarichi arrivati successivamente.

Oggi, questa ormai veterana delle telecamere è sbarcata a Quelli che il calcio…, rimpiazzando la padrona di casa, Simona Ventura, da poco passata a Sky. «Voglio sconvolgere con la semplicità» ha affermato la Cabello. Se questo è il suo intento ci sta riuscendo alla grande.

La freschezza che ha portato alla trasmissione è impressionante se si pensa che la conduttrice di calcio se ne intende davvero poco. Spesso rimane spaesata dalle notizie che arrivano in studio e, per questo, ultimamente è stata anche vittima di qualche scherzo, tuttavia non si può negare che il programma funziona e diverte. Da parte nostra per lei c’è un grande in bocca al lupo. La semplicità, a noi, piace!
indice della pagina: Tgiste | Cronaca in rosa | Format | Hotgirls | Donne

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster