Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Donne Nel mondo, nella storia
Donne nel mondo, nella storiaPamela D'Amico, cantante e percussionista internazionale
di Alessandra Paparelli

Abbiamo incontrato Pamela D'Amico, cantante e percussionista, artista internazionale italo-brasiliana.

Come hai iniziato il tuo percorso artistico?
«Ho iniziato da piccolissima, a 5 anni già conoscevo tantissime canzoni a memoria . Il ritmo l'ho sempre avuto nel sangue ed anche la musicalità, in questo gioca un ruolo molto importante il mio mezzo sangue brasiliano, ma sicuramente anche quello abruzzese.
Ho capito che era il mio percorso artistico intorno ai 20 anni quando sono partita per cantare sulle navi da crociera , lì ho iniziato seriamente a vivere di musica».

Quali artisti, ritmi e musica ti ha ispirata?
«Sono stata ispirata da tutta la musica del mondo, avendo girato molto con le navi , ho conosciuto le culture musicali di tanti popoli, ed ho poi approfondito la musica brasiliana. Prendo ispirazione dai più grandi artisti, non potrebbe essere diversamente. Per crescere e diventare forti bisogna avere cultura musicale davvero vasta e senza nessuna riserva. Posso ricordare alcuni artisti che mi sono nel cuore: Stevie Wonder, Elis Regina, Mina, Miles Davis, Ella Fitzgerald, artisti di estrazioni diverse ma tutti rivoluzionari. Ecco, è la rivoluzione nella musica che conta, come non nominare il grande Pino Daniele?».

Hai grande energia che trasmetti, durante i tuoi live, qual è il tuo segreto?
«Il segreto della mia grande energia è il fatto di dedicare tutta la mia vita alla musica. E poi il donarsi al pubblico senza nessuna riserva. Questo le persone lo sentono, lo avvertono ed è allora che si arriva ai cuori e si parla con le emozioni. La nostra società ha bisogno di verità e di qualcuno che abbia il coraggio di vivere i propri sogni ... togliamoli dal cassetto. La vita si vive, deve essere vissuta!».

Quanto attingi dal tuo vissuto, nell'eseguire brani musicali?
«Nel mio canto metto me stessa e anche nella vita: c'è una grande coerenza tra le due sfere, mi ritengo una persona vera e credo possa essere questo il motivo per il quale le persone mi hanno ascoltata. Colgo l'occasione per ringraziare tutti voi e tutti gli ascoltatori, per me è stata una bella soddisfazione».

Progetti attuali e prossimi?
«Ci sono vari progetti nel mio presente e nel mio futuro, ne parlerò presto anzi, prestissimo! Lascio un pochino di mistero».

Come vivi il tuo lavoro di professionista, come vivi la musica?
«Vivo la musica con infinita gratitudine , mi ha salvato e mi salva ogni giorno. La musica ti restituisce tutto il tempo che gli dedichi e diventa lo specchio della tua forza, come un grande amore , si trasforma trasformandoti in qualcosa sempre di migliore basta dedicarle tempo, studio e dedizione».

Cosa trasmetti sul palco e cosa ricevi da chi ti ascolta?
«La cosa che più amo è trasmettere la mia grande passione per la musica e la creatività. Mi piacerebbe trasmettere questo e smuovere dentro anche tanti giovani che magari si sentono persi, chi ha la musica non è mai solo».

Durante i tuoi live, ti abbiamo avuta ospite in radio, hai utilizzato una piccola percussione, di che si tratta?
«Amo le percussioni soprattutto il pandeiro brasiliano che mi accompagna ormai da tanti anni: è il mio ritmo interno, sarà strano ma le percussioni mi calmano la mente , trovo un equilibrio così nella vita e segno il tempo ai miei respiri. Diciamo che si tratta quasi di una meditazione».

Quali artisti ti accompagnano, durante i concerti?
«Sono accompagnata da molti grandissimi musicisti. Alcuni di loro sono Paolo Vivaldi, Eddy Palermo, Natalio Luis Mangalavite. Soltanto collaborando con i grandi si può crescere e loro sono anche delle bellissime persone».

Che cos'è per te la musica, cosa rappresenta? C'è un prezzo da pagare per la scelta di essere libera?
«La musica è libertà, per me. L'ho detto anche nella mia gaivota. Il prezzo da pagare è alto ma sempre piacevolissimo. I sacrifici sono un modo per vincere, per cui non mi pesano affatto. Chi non ha sofferto nella vita non potrà mai gioire, il coraggio di andare avanti alla fine premia».

Qual è la chiave per il successo, se lo si vuole trovare e cosa intendiamo con questo termine?
«La chiave per il successo è molto personale, dipende cosa si intenda per successo. Innanzitutto il successo è dentro di noi, la musica non si fa per dimostrare agli altri ma per essere vivi dentro. Poi, quando i tempi sono maturi, il successo arriverà anche fuori. Ci vogliono tanta umiltà e il non arrendersi mai. I grandi davvero sono tutte persone umilissime ed hanno faticato per ottenere tutto. Quindi, avanti tutta!».

versione stampabile | interviste a personaggi donne


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster