Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Donne Nel mondo, nella storia
Donne nel mondo, nella storiaNuovo album per Nina Zilli e giudice di Italia’s Got Talent
di Alessandra Paparelli

Infaticabile Nina Zilli, pronta per un nuovo anno come giudice inflessibile e amata di Italia’s Got Talent e intanto reduce dalla presentazione del suo ultimo lavoro artistico: è uscito infatti il 1° settembre scorso, su etichetta Universal Music, l’album Modern Art, il quarto della brava cantante piacentina, talentuosa e simpatica, esplosiva, artista versatile, dallo stile originale soul e jazz e dalla voce unica, accompagnata anche da una presenza scenica importante.

Nina Zilli ha presentato Modern Art alla stampa all’interno dello Space 23 a Milano: “canto per il bisogno di amore condiviso non per quello di coppia”, ha detto ai presenti; l'uscita dell’album è stata anticipata da un singolo di successo ascoltato per tutta l’estate e grande hit delle radio Mi hai fatto fare tardi.

Tra le tante domande, in conferenza stampa, si è chiesto alla Zilli cosa rappresenti l’uscita del disco in questo momento storico e personale: l’artista ha descritto questo suo momento e l’uscita dell’album come “un disco che profuma di libertà e d’amore, di energia e di positività”.

L’album rappresenta per Nina un nuovo inizio artistico, pur mantenendo una propria coerenza con il proprio stile, un marchio di fabbrica e non solo, ci mostra decisamente un volto nuovo, con forme e stili musicali differenti che riescono a creare un vero e proprio arcobaleno di note e colori, passando dal pop al rap ai ritmi caraibici, al reggae.

Il ritratto dell’entusiasmo dell’artista stessa, uno stile a colori: Nina Zilli aveva “voglia di cambiare”, il suo percorso l'ha portata molto nel pop (forse troppo, per i puristi del soul), forse spinta anche dall'esperienza in televisione e nel talent, con suoni “meno arcaici e retrò e più "rivoluzionari".

Si è aperta anche alle collaborazioni, da Calcutta cantautore indie e The Giornalisti, con Tommaso Paradiso.

Mi piace definire questo album – ha continuato la Zilli in conferenza stampa - urbano e tropicale, nel sound e nei colori; ogni brano è fortemente connotato da un colore diverso, particolare. Questo traspare anche nelle immagini del booklet da me disegnate in modo didascalico e dettato dal caso".

L’album, prodotto da Michele Canova, parla dell’artista stessa ma anche della società moderna che ci circonda, una società che sta cambiando: “la modernità è importante, ma spesso non ci accorgiamo di quello che succede nel mondo, perché siamo troppo presi ad usare i social”, ha continuato l’artista.

Modern Art è stato registrato tra Milano e la Giamaica, la domanda: quanto c’è dei sapori e colori della Giamaica all’interno dei testi e del sound? Risponde Nina “Tutte le esperienze della mia vita sono state importanti e sono da sempre legate alla musica. Quando sono andata in Giamaica la prima volta avevo solo 18 anni, la musica di Bob Marley mi ha conquistata immediatamente: poi crescendo e avendo la possibilità di comprendere a fondo i suoi testi mi sono resa conto della poesia, di una certa malinconia mista all’allegria, della musica e di quel modo di suonare. Ogni volta che torno in Giamaica traggo ispirazione dal luogo e dai colori di quei posti magnifici. Non soltanto trovo la pace con me stessa ma traggo anche ispirazione per scrivere”.

Nina Zilli l’abbiamo apprezzata in molte cover jazz e soul di grandi artiste scomparse, come Nina Simone, Billie Holiday, Aretha Franklin ma si è anche cimentata in brani famosissimi di Mina, voce inaccessibile per tante; nel 2012 ha rappresentato l’Italia all’Eurovision Song Contest con il brano L’Amore è femmina; nella sua brillante carriera ha vinto inoltre due Wind Music Awards ed è stata candidata agli MTV Europe Musica Awards e ai TRL Awards.

versione stampabile | interviste a personaggi donne


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster