Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Michele Aglio tutte le interviste
Telegiornaliste anno III N. 3 (81) del 22 gennaio 2007

Michele Aglio, viva l'autoironia! di Giuseppe Bosso

Nato a Cremona nel 1975, Michele Aglio, giornalista professionista dal 2006, collabora con l'emittente lombardo - emiliana Telecolor Primarete Lombardia come giornalista, speaker e presentatore. E' progettista web, addetto alle comunicazioni di alcune aziende di servizi e scrittore. Ha pubblicato, nel 2002, il romanzo noir Lo scoppio (online dal settembre 2006); l'antologia di racconti noir Fratelli (2003) e il trittico Tre (settembre 2005).

Cosa ti ha spinto a diventare giornalista e quali sono le tue aspettative?
«Mi è sempre piaciuto. Già a 18 anni, a scuola, "fondai" un giornalino che si chiamava Il Foglio, ben prima che Giuliano Ferrara fondasse l'omonimo quotidiano. Amo questo mestiere perché mi piace vivere l'attualità con una giusta dose di protagonismo ed esibizionismo, in senso sano».

Nel tuo sito hai dedicato uno spazio alle tue "papere": credi che l'autoironia paghi, a conti fatti?
«Certamente. È facile subire la cattiveria della gente, per questo credo che sia importante sbollire e metabolizzare i propri errori. Le "papere" le facciamo tutti, dai novellini ai giornalisti più esperti, per cui è meglio reagire con il sorriso. Naturalmente purché gli errori non diventino un'abitudine!».

Un'emittente come Telecolor costituisce un buon trampolino di lancio per un aspirante cronista dei giorni prossimi al passaggio al digitale terrestre?
«Telecolor ha fatto molti sforzi per passare al digitale terrestre e siamo già visibili da anni sul satellitare. Venendo alla tua domanda, sì, è una buona palestra. Ma io credo che un buon giornalista televisivo debba anzitutto fare una buona formazione sulla carta stampata, imparare a scrivere e ad essere sintetico. Poi, le piccole emittenti ti formano bene, ti occupi di tanti argomenti, dalla cronaca nera a quella bianca, dallo sport agli spettacoli».

E a proposito di Internet, credi che il futuro del giornalismo sia soprattutto nella tecnologia?
«Certo, in rete c'è più immediatezza e più libertà di espressione. Ma questo non potrà mai sostituire il contatto diretto con il pubblico e con lo spettatore».

versione stampabile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster