Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Marco Betello tutte le interviste
Telegiornaliste anno III N. 14 (92) del 9 aprile 2007

Marco Betello: che risveglio! di Nicola Pistoia

Marco Betello è cresciuto a pane e giornalismo: «La mia passione è una passione antica che nasce da bambino e che ho avuto la fortuna di realizzare. Di giornalismo, e del mondo che gli ruota attorno, ho sentito parlare sin da piccolo perché mio padre è un giornalista pubblicista. Molti dei suoi amici erano le grandi firme del giornalismo sportivo romano, e spesso si ritrovavano a cena a casa nostra. Sono cresciuto con loro, ascoltando i loro racconti. Grandi personaggi che mi hanno subito affascinato, alimentando, giorno dopo giorno, questa mia passione».

Ogni tanto sei bersaglio di quelli di Striscia la Notizia: la cosa t'infastidisce o ti fa piacere?
«E’ simpatico ma alla fine mi infastidisce. Non per la presa in giro fine a se stessa, quanto per l’immagine che da casa si fanno sul mio conto. Uno si sveglia alle 4,30 tutte le mattine da dieci anni a questa parte. Cerca di dare il massimo, in ogni occasione. Capita di sbagliare e loro sono pronti ad immortalarti. Andare in diretta a quell’ora non è facile. In più conduciamo sette, dico sette, edizioni del tg una dietro l’altra. Trovatemi un’altra realtà come la nostra. La diretta è impietosa, e loro lo sanno tanto che in diretta non ci vanno. Ciò naturalmente non giustifica le mie “papere”. Loro fanno, e benissimo, il loro mestiere».

Tu hai assistito al passaggio ai vertici del tuo tg da Clemente Mimun a Gianni Riotta: com'è cambiata la linea editoriale del Tg1?
«A dire il vero ho assistito a undici, dodici, o forse tredici passaggi di consegne tra i vari direttori del Tg1. Ho perso il conto. Tutti, e sottolineo tutti, professionisti eccellenti. Ovviamente non sono io la persona più qualificata per esprimere dei giudizi sui miei direttori. Hanno uno spessore culturale e professionale talmente più alto del mio che qualsiasi considerazione sarebbe fuori luogo. E’ inevitabile però che ogni singolo direttore abbia voluto dare la propria impronta al “suo” tg. Tutti hanno contribuito a consolidare e rilanciare il brand del Tg1 nel corso di questi anni facendo sì che il nostro telegiornale sia anche oggi il più amato e visto dagli italiani».

In base a qualche criterio vengono decisi i conduttori per le diverse edizioni dei tg?
«I telegiornali del mattino sono da sempre stati considerati una sorta di palestra per i neo assunti. Un passaggio obbligato per farsi le ossa. Io ho cominciato a lavorare in Rai con contratti di lavoro a tempo determinato proprio nella redazione del mattino. Quattro anni di lavoro entusiasmante. Un arricchimento professionale unico. Poi, una volta assunto, sono stato inserito nella redazione economica: il fulcro, insieme a quella politica, di qualsiasi giornale, figurarsi al Tg1. Credevo che in quella redazione, così specialistica, non sarei mai stato in grado di poter dare un contributo significativo, di garantire un valore aggiunto per chi, da casa, guardava un mio servizio. Credo di essere molto scrupoloso e cerco di mettermi sempre in discussione. Così dopo una lunga riflessione presi la decisione di tornare alla redazione del mattino anche perché era il lavoro che più mi piaceva e che meglio sapevo fare. Fossilizzarmi su un’unica materia non mi entusiasmava, mentre al mattino il lavoro è molto più variegato».

Hai mai avuto ripensamenti sulla scelta di fare il giornalista?
«No. Mai. Enzo Biagi credo dicesse fare il giornalista è sempre meglio che lavorare. A parte questa battuta credo che in questa professione sia difficile annoiarsi e molto più facile entusiasmarsi. Sin da piccolo ho inseguito questa chimera. Sono riuscito ad acciuffarla. Credo, e questo vale in tutti i settori della nostra vita, che chiunque riesca a realizzare i propri sogni si debba sentire un privilegiato».

versione stampabile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster