Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Donatella Bianchi tutte le interviste
Donatella BianchiTelegiornaliste anno III N. 9 (87) del 5 marzo 2007

Donatella Bianchi, la signora del mare di Giuseppe Bosso

Questa settimana, Telegiornaliste incontra Donatella Bianchi, conduttrice di Linea Blu, molto apprezzata dai nostri lettori.

Da anni ormai il pubblico la riconosce come "la signora del mare" in tv; è soddisfatta dei risultati ottenuti?
«Sì. Credo che negli ultimi anni abbiamo conosciuto una costante crescita. Trasmissioni come la nostra sensibilizzano notevolmente il pubblico per l’evidente interesse che l’argomento mare riscuote. Il mondo delle comunicazioni è sensibile alla tematica e ciò facilita la divulgazione del nostro messaggio; da sempre il mare è non solo una risorsa economica per il nostro Paese, ma soprattutto il contatto con i nostri “vicini” del Mediterraneo; e ultimamente, come il futuro dimostrerà, un’attrattiva che è testimoniata dalla crescente urbanizzazione delle zone costiere».

Come si trova a dover gestire una trasmissione che va in onda solo nei mesi estivi?
«Rispettiamo le scelte aziendali, ma al tempo stesso le subiamo. Dipendesse da me e dai miei collaboratori staremmo sempre lì, tutte le settimane su Rai1; è troppo facile parlare del mare nella stagione calda, mentre sarebbe importante conoscerne anche quegli aspetti non legati al periodo di grossa affluenza turistica».

Quali sono i posti che più l’hanno colpita e le situazioni più particolari in cui si è trovata?
«Professionalmente sono interessata soprattutto alla scoperta del “Mare nostrum”, cioè delle coste del Mediterraneo, crocevia di sviluppi per il futuro, in particolare alla scoperta delle tradizioni di popoli non molto conosciuti, come i maltesi e i tunisini, quelli che mi hanno colpita di più. Da un punto di vista personale, invece, posti molto lontani, dove ancora non si è vista, almeno in parte, la mano dell’uomo, ad esempio l’arcipelago della Galapagos, l’arcipelago di Capo Verde, un posto che consiglio vivamente di visitare per vivere un’esperienza fantastica».

Di recente è stata testimonial del “1530”, numero blu della Guardia Costiera: ritiene importante trattare in maniera doverosa il tema della sicurezza nelle acque?
«Sì, il tema necessita di una centralità che nel nostro programma trova sicuramente meglio che altrove; credo che sia importante cominciare dalle piccole cose, non necessariamente sotto forma di sanzioni da prevedere, ma piuttosto come rischi da prevenire. Non dimenticherò mai una cosa che vidi in Norvegia, dove alcuni bambini giocavano tranquillamente vicino alle banchine; oppure, e soprattutto, l’imprudenza con cui vengono guidate le moto d’acqua».

Continuerà ad occuparsi di queste tematiche oppure abbraccerà altre strade professionali?
«Bella domanda. Inizialmente, come saprà, mi occupavo di altri temi. Amo molto viaggiare e non temo cambiamenti, ma Linea Blu è una missione che vivo con piacere. Credo che bisogna essere se stessi per fare questo mestiere comunicativo, che volevo fare da sempre nella consapevolezza che non ha nulla a che vedere con lo spettacolo, in cui la mia figura viene messa in secondo piano rispetto alle persone che incontro. Certo, magari, se avessi avuto un fisico diverso, avrei potuto fare la top model (scoppia a ridere, ndr)».

Se i suoi figli (la prima nata dal matrimonio con Osvaldo Bevilacqua), volessero seguire le sue orme, li incoraggerebbe o magari cercherebbe di scoraggiarli?
«No, se riscontrassi in loro la stessa determinazione e lo stesso entusiasmo che avevo a dodici anni, quando iniziai a sognare di fare la giornalista. Sarei felicissima, in quel caso, ma al tempo stesso cercherei anche di metterli in guardia dagli svantaggi e dai rischi che comporta un mestiere comunque privilegiato e affascinante come questo». 

versione stampabile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster