Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista ad Alessandro Bonan tutte le interviste
Telegiornaliste anno II N. 23 (55) del 12 giugno 2006

Alessandro Bonan, giornalista Mondiale di Silvia Grassetti

Alessandro BonanAbbiamo raggiunto telefonicamente Alessandro Bonan, veterano del satellite, conduttore di Sky Sport, che ci ha parlato del suo impegno con Ilaria D'Amico in occasione del Mondiale e del "sistema calcio" italiano.

Alessandro, sei uno dei giornalisti più invidiati dagli italiani, potendo vivere a contatto di gomito con il sogno sexy di tanti, Ilaria d'amico...
«Io sono un po’ preoccupato (ride, ndr), perché quei 30 centimetri di differenza tra me e Ilaria, 41 col tacco, determinano un po’ di apprensione durante la diretta, come quella che ci coinvolge per i Mondiali. Tornando seri, Ilaria è una persona eccezionale, molto semplice e alla mano, che va conosciuta, perché l’immagine che a volte ne danno i mass media non le rende giustizia, anche se ultimamente questa tendenza sta cambiando».

Come ha reagito la redazione di Sky all'arrivo di troppi opinionisti esterni per i Mondiali?
«Perché troppi? Il Mondiale è una cosa grande, non mi sembra siano troppi: in studio siamo io, Ilaria, Giorgio Porrà e due opinionisti, Mario Sconcerti e Beppe Servegnini, poi ci sono i collegamenti: una squadra mondiale è composta da molti campioni. Sono tante le partite che seguiremo, tante le squadre di cui parlare, diversificheremo le informazioni focalizzando anche le realtà dei Paesi di provenienza delle squadre: per esempio, sul Sudamerica avremo gli interventi di Altafini. Ma questo è solo un esempio: ci sono moltissime cose di cui parlare, e per farlo bene dobbiamo essere tanti. Non “troppi”».

Tra allenatori e giocatori, qual è il carattere più spigoloso per un intervistatore?
«Senza dubbio, quello di Fabio Capello. A me piacciono molto l’ironia e l’autoironia, e Capello non abbonda in questo. Ricordo che una volta Capello era ospite in trasmissione in diretta, e ho dovuto rompere la liturgia classica del programma perché si era creato un clima di diffidenza: ho sdoganato la questione denunciando, a telecamere accese, che c’era tensione. Capello è una persona chiusa, a cui piacerebbe piacere di più, ma gli riesce fino a un certo punto. Chiuse il programma dicendo che mai come in quel caso si era sentito bene a parlare di calcio».

E il carattere più facile?
«Ci sono allenatori che conosco da tanti anni, come Spalletti, con cui ho un rapporto di amicizia. Allenatori che mi piaccciono per la correttezza, di una qualità superiore, tipo Prandelli, che mi trasmette delle sensazioni positive. Poi ci sono gli eleganti: Mancini lo è, e con lui si può anche scontrarsi, il confronto è vivace e leale. Lippi, che ho imparato a conoscere un po’ meglio negli ultimi anni, è anche lui un po’ chiuso; dice di essere permaloso, perché altri gli hanno detto che lo è, è uno non facile perché interrompe, se non gli va la domanda non la subisce, ma contrattacca. I più accattivanti sono i grandi vecchi, tipo Mazzone».

Chi vince i Mondiali?
«Dovrei dire l’Italia. In realtà non ci credo molto, ma noi italiani siamo un po’ particolari: in mezzo alle difficoltà più grandi troviamo risorse che sembravano non esserci. Questo sarà un Mondiale non normale, nel bene o nel male, ma non normale. Il Mondiale di Trapattoni fu triste, sottotono, questo sarà molto sopra o molto sotto le righe. Secondo me comunque vincerà il Brasile: ma spero nella follia dell’Italia».

La moviola, favorevole o contrario? Non è che se ne fa troppo uso?
«La moviola è sovrastimata: di per sé non fa tutti questi danni. La moviola è un fatto tecnico, ma chiaramente se viene strumentalizzata si fa un’operazione intellettualmente disonesta e sbagliata. In questi anni la moviola rappresentava la prova che c’era qualcosa di sbagliato nel calcio, che è poi venuto fuori. Vedrai che, da ora in avanti, la moviola rappresenterà l’errore dell’arbitro o l’occhio del professionista. Torneremo a vedere l’errore arbitrale come un semplice errore».

Calciopoli: come vedi il coinvolgimento dei giornalisti nella vicenda?
«Ho letto due o tre nomi: non mi sembra una cosa diffusa. Non basta per definire la categoria coinvolta. Avremmo potuto denunciare con un po’ più di coraggio le situazioni anomale. Alcuni lo hanno fatto, altri non avevano una forza editoriale in grado di sostenerli».

E’ giusto tornare alla vendita collettiva dei diritti televisivi per avere una distribuzione più equa delle entrate tra le varie società?
«Sì. Ma qualcuno sostiene che la tv ha rovinato le società: in realtà la tv ha messo a disposizione una grande quantità di denaro che invece di finire nelle mani dei giocatori doveva essere distribuita in maniera adeguata. Tutti hanno l’interesse a far sì che il campionato sia equilibrato: più lo è, e più il campionato è bello. Quindi, il denaro che Sky mette a disposizione del calcio, dev’essere il calcio a far sì che sia ripartito in maniera equilibrata, nel rispetto di un principio tecnico: le società già forti non possono essere ulteriormente avvantaggiate».

Con Fuori Zona avete dimostrato che una trasmissione sul calcio, senza esasperare i toni e senza accesi dibattiti, può far colpo sul pubblico…
«Io quest’anno ho fatto un programma di presentazione del week end calcistico, il venerdì, molto informale: direi che è la strada di Sky, rendere tutto molto leggero, anche se parlare di leggerezza in questi giorni stona un po’. Mi piacerebbe fare in futuro una trasmissione sul calcio ancora molto ironica».

versione stampabile

 
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster