Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Elisa Calcamuggi tutte le interviste
Elisa CalcamuggiTelegiornaliste N. 28 del 21 novembre 2005

Elisa Calcamuggi, dalle piste alla redazione di Filippo Bisleri

Un’altra brava telegiornalista di casa Sky e un’altra tgista, come Alessia Tarquinio, che arriva da un passato sportivo.
Stiamo parlando di Elisa Calcamuggi, giornalista professionista, brillante stella nascente della redazione sportiva Sky.

Elisa, come hai scelto di fare la giornalista?
«È capitato per caso... o meglio: sono un'ex atleta. Facevo gare di sci a livello internazionale, poi per un problema al cuore ho dovuto smettere. Sono diventata maestra di sci e allenatrice federale, ho allenato 5 anni mentre studiavo lingue in Cattolica a Milano. Finita l'università mi è arrivata la proposta di un giornalista di lavorare ad un programma di sci che andava in onda su Odeon, White and green (sci e golf) e così ho iniziato… Era il 2000».

Sognavi già la tv o pensavi a radio e carta stampata?
«Nessuno dei tre! Ora però che lavoro in tv credo che lavorare con le immagini sia la cosa più bella. Anche scrivere comunque non è male!»

Sei una giornalista sportiva. Cosa pensi del luogo comune che vuole i giornalisti sportivi meno preparati dei loro colleghi?
«Credo che sicuramente sia più divertente seguire lo sport rispetto a temi di attualità che riguardano la politica o l'economia, ma la serietà, l'aggiornamento continuo, la ricerca dell'informazione, eccetera, credo proprio che siano uguali».

Sei un'esperta di discipline invernali. Sogni una bella vetrina professionale alle Olimpiadi 2006 di Torino?
«Diciamo che è il sogno nel cassetto e con Sky diventerà realtà. Incredibile. Ma vero».

Nella tua carriera hai incontrato diversi personaggi. Chi ti ha colpito di più?
«Cito Carlo Valeriani, direttore sportivo dal 1970 di Grottazzolina, una squadra che lo scorso anno era in A2 di volley. Una persona meravigliosa che ha dato la sua vita ai ragazzi della pallavolo. Non voleva essere intervistato, mai nessuno era riuscito a fargli raccontare al microfono le sue passioni, cosa sono la squadra e i ragazzi per lui...ma con me lo ha fatto!».

E quale il servizio che ricordi con maggiore gioia?
«Beh, certamente l'intervista con Stefano Baldini dopo la vittoria alle Olimpiadi di Atene. Purtroppo – aggiunge con rammarico - non ero là, il “dio di Maratona” l'ho intervistato quando è tornato».

Hai un modello di telegiornalista?
«Ho un collega che stimo molto, mentre il o la giornalista ideale è, per me, un mix di tante buone qualità».

Come giornalista qual è il tuo sogno nel cassetto?
«Forse ho un sogno strano, e cioè poter poter parlare e raccontare le storie di sport di cui pochi parlano, quelle storie difficili da trovare, ma ricche di significato».

È possibile coniugare, per una donna, il lavoro di giornalista e quello degli affetti e della famiglia?
«Se devo dirla così a caldo direi di no. O meglio, è un gran pasticcio! Per ora sono giovane e non ho ancora una famiglia, ma penso che un domani bisognerà fare delle scelte difficili. Magari rinunciare anche a qualcosa a cui tieni molto: se decidi di diventare mamma il lavoro passa in secondo piano».

versione stampabile

 
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster