Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Silvia Carrera tutte le interviste
Silvia CarreraTelegiornaliste anno III N. 19 (97) del 14 maggio 2007

Silvia Carrera, il volto giovane di Studio aperto
di Giuseppe Bosso

Nata a Cremona, Silvia Carrera è giornalista professionista dal 2005. Dopo una parentesi a SkyTg24 è entrata a far parte della redazione di Studio Aperto come redattrice, in particolare di servizi legati al mondo dello spettacolo.

Sei già entrata nel cuore degli spettatori: soddisfatta, o non te l’aspettavi?
«Ho iniziato nelle tv locali: non ero abituata a questa visibilità, ad essere riconosciuta dalla gente che mi seguiva e che mi segue, anche sul vostro forum. Mi auguro solo che, alla fine, i miei servizi piacciano per quello che riesco ad esprimere, per quello che dico e per come sono costruiti».

Nei servizi tv appari molto esuberante: ritieni la spontaneità una dote essenziale per questo lavoro?
«Io sono considerata una delle meno esuberanti, pensa un po’! Ma per fare il giornalista in tv l’esuberanza è utile: devi metterti in gioco, devi coinvolgere con le immagini e le parole avendo a disposizione pochissimo tempo. I servizi durano al massimo un minuto e mezzo. L’essere spontanei e a proprio agio conta molto, gli altri lo percepiscono.
Nel giornalismo in generale non credo sia una dote essenziale, pensa ad alcuni giornalisti della carta stampata, molto meno presenzialisti di quelli della tv ma bravissimi».

Che tipo di informazione ritieni si debba fare per attrarre i giovani?
«Il nostro è principalmente un pubblico di fascia giovane e quindi cerchiamo sempre di essere attenti a quello che ai giovani interessa. Adesso tutte le nuove mode che appassionano i ragazzi vengono messe in rete, quindi è lì che andiamo a scovarle, oltre ad avere contatti con i ragazzi. Poi, ovviamente, ci guardiamo in giro anche noi! Se non vedi come cambia il mondo intorno a te, che giornalista sei?».

Oggi inviata d’assalto, domani anchorwoman?
«Non sono un’inviata d’assalto, non faccio cronaca, mi occupo principalmente di costume, dove non c’è nulla da assaltare se non i vip quando scappano!
Amo il giornalismo televisivo sotto ogni suo aspetto, mi piace tantissimo fare i servizi, nel senso di pensarli, girarli e costruirli dandogli una logica, un senso, una chiave di lettura. Però, certo, se mi chiedessero di provare a condurre non rifiuterei».

Cosa pensi delle proteste dei colleghi per il rinnovo del contratto di lavoro?
«Gli editori non sono stati molto inclini a trattare, per ora: non è facile tirare avanti per chi, come me, ha un contratto a termine, e neanche per tutti i precari che aspettano da anni una sistemazione definitiva. Così come per i tanti freelance che non hanno ancora visto riconosciuta una vera e propria sistemazione a livello normativo. Spero che lettori e spettatori possano capirci».

Ti è mai capitato di sentirti imbavagliata?
«No, mai».

Cosa viene prima: il lavoro o la vita privata?
«Così come metto tutta me stessa nel lavoro, metto tutta me stessa nel privato.
Certo, a volte il ritmo è pesante, magari non vedo i miei genitori per settimane e spesso devo rinunciare all’ultimo minuto a serate organizzate da tempo, ma quanti vorrebbero essere al mio posto?
Sono immensamente felice di lavorare a Studio Aperto e della fiducia che mi è stata data».

versione stampabile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster