Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Marco Cattaneo tutte le interviste
Telegiornaliste N. 17 del 5 settembre 2005

Intervista a Marco Cattaneo, un giornalista anche... Disney di Filippo Bisleri

Marco Cattaneo, nato a Milano l’1 marzo 1978, è professionista dal 9 ottobre 2002. Laureato in Scienze politiche, ha lavorato come stagista nella redazione delle news di Telereporter dal 1998 al 1999, anno in cui è approdato a Tele+. Dall’estate 2003 è a Sky, dove si occupa di calcio e della conduzione dei contenitori sportivi.
Al suo attivo la conduzione di Quasi gol (Disney Channel) dal 2001.
Marco Cattaneo, sei un volto giovane del telegiornalismo. Eppure vanti già numerose esperienze e sei già professionista. Come sei arrivato al mondo del giornalismo?
«Ho frequentato un corso di giornalismo televisivo appena ho finito il liceo. Mi hanno mandato a fare uno stage nella redazione di Telereporter, dove ho fatto molta esperienza. 2 mesi sono diventati 3, poi 6, poi un anno, e alla fine è arrivata Tele+. Dopo un anno di stage mi hanno assunto».
Attualmente ti occupi di sport come commentatore-conduttore a Sky, ma sei stato anche a Disney Channel; cosa ti ha dato quell'esperienza a livello professionale?
«Moltissimo. Sia dal punto di vista professionale, perchè è stata un'ottima palestra e perchè credo di aver imparato molte cose della televisione che non conoscevo, e naturalmente dal punto di vista personale. Non credo che sul lavoro troverò mai niente di così gratificante quanto i complimenti e la simpatia dei bambini. Sapere che loro ti ascoltano e si ricordano tutto quello che dici è una bellissima responsabilità».
Come giornalista sportivo avvicini molti big... puoi raccontarci qualche aneddoto simpatico?
«I big ai quali mi sono più avvicinato sono i big... del Cervia. E ti assicuro che loro sono considerati molto più big, o vip se vogliamo, dei calciatori di serie A. Ho passato un anno a girare dalle parti della residenza in cui vivevano, e sono sempre rimasto sbalordito dalla quantità di ragazze pronte e disposte ad un contatto. E i bambini dietro alle reti di recinzione dei campi della Romagna. E le lacrime per Giuffrida. E la pesca dei calciatori in giro per i locali...Sono esperienze che ti segnano».
Qual è il tuo mito a livello di giornalisti sportivi?
«Ho la fortuna di lavorare in una redazione composta da giornalisti appassionati e preparati. E ho cercato di imparare qualcosa da tutti loro. Per quanto riguarda i nomi, sono facili: Caressa, Roggero, Bonan, De Grandis, Taveri, Foroni, e tutti gli altri. Ognuno mi ha insegnato qualcosa».
E quale il mito del giornalismo in generale?
«Direi che sono gli stessi del giornalismo sportivo».

 
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster