Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista ad Anna Maria Chiariello tutte le interviste
Anna Maria Chiariello Telegiornaliste N. 31  del 12 dicembre 2005

Chiariello, giornalista per vocazione di Filippo Bisleri

Anna Maria Chiariello, sposata con un collega dello stesso cognome (Paolo Chiariello di Sky Tg24) è una donna nata per fare la giornalista. E per fare il giornalismo sul campo.

La incontriamo mentre attende di essere ascoltata dai carabinieri sulle modalità con cui è entrata in possesso dell’identikit (poi diffuso anche da Chi l’ha visto) di una persona che avrebbe a che fare con la scomparsa della piccola Celentano sul Monte Faito.

«Fin da bambina – racconta la Chiariello – volevo fare la giornalista. E ho cominciato con piccole collaborazioni fino ad approdare al mondo dello sport collaborando con Autosprint e poi con Rombo. Ho cominciato a seguire la Formula 1 e le gare delle categorie minori, conoscendo il compianto Ayrton Senna, che era davvero un grande uomo, ma di quelli con la “U” maiuscola. Ad un certo punto, però, si trattava di lasciare la mia terra, la Campania, e andare a Bologna ma non me la sono sentita, trattenuta dalla città che ha i suoi mille contrasti, ma proprio per questa è bella, e dall’amore per la cronaca nera».

È più facile fare la giornalista televisiva o lavorare nella carta stampata?
«Personalmente credo che lavorare nella carta stampata sia molto utile per fare bene la televisione. È vero che la televisione è bella, ma lo è solo se ha le immagini adeguate. Secondo me, per essere un buon giornalista televisivo devi prima essere un bravo giornalista della carta stampata».

Hai mai condotto un Tg?
«Mai, anzi no: una volta, quando ero direttore a Canale8 sono dovuta andare in video a condurre, ma non lo rifarei più. Personalmente amo troppo l’idea di fare l’inviata e non amo il desk, preferisco “sporcarmi le scarpe di fango” seguendo gli eventi sul luogo».

Cosa ricordi di più della tua qualificata carriera professionale?
«Con un po’ di angoscia, ricordo l’intervista ad uno dei tre “orchi” di Silvestro Delle Cave, segnatamente l’uomo accusato di aver aiutato ad occultare il cadavere. L’intervista che invece ricordo con piacere è quella fatta a Roberto Robustelli, il ragazzo sopravvissuto per 72 ore al fango a Sarno. Realizzai il servizio con le riprese della telecamera fatte dall’anestesista e l’intervista il mattino seguente alle 7.00! Che emozione!».

Chi ti ha insegnato di più come giornalista?
«Detto che apprezzo tutti i miei direttori, non posso che citare il compianto Giampaolo Rossetti, per noi “il rosso”, grande giornalista e grande professionista nonché grandissima persona. E grazie a lui e a Mentana (e ora con Rossella si prosegue) la redazione del Tg5 è sempre stata gestita in modo orizzontale e partecipato e non verticistico. Devo anche ricordare Marcello Sabatini, fondatore di Autosprint. Lui mi ha pure insegnato molto, e ricordo di averlo contattato per lettera chiedendo di collaborare. Lui scommise sui di me e, dopo poche settimane, seguivo già gare di motori».

Quali consigli daresti a dei ragazzi che vogliono fare il giornalista?
«Mi fa piacere dare dei consigli, e comincio con il consigliare un cognome famoso. Scherzi a parte, sconsiglio di seguire la mia strada che è quella di una ragazza che ha voglia e curiosità di fare informazione, perché oggi chi fa carriera è il popolo del desk. Io consiglio ai ragazzi di fare le scuole di giornalismo come Urbino o Milano per avere un accesso alle redazioni e per arrivarci preparati. Troppo spesso, infatti, vedo delle nuove leve poco preparate che agevolano il tragico processo di scomparsa della figura dell’inviato».

È difficile conciliare il ruolo di moglie e di giornalista?
«Non è difficile, anche se mi manca la controprova con il ruolo di mamma che ho solo sfiorato qualche anno fa. Forse, però, il fatto che io e Paolo (Chiariello, il marito, ndr) facciamo lo stesso lavoro ci agevola. E così i rientri tardivi dell’uno sono ampiamente compresi dall’altro».

versione stampabile

 
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster