Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista ad Angelo Cimarosti tutte le interviste
Angelo CimarostiTelegiornaliste anno II N. 34 (66) del 25 settembre 2006

Angelo Cimarosti, un direttore cronista di Giuseppe Bosso

Angelo Cimarosti, nato a Porta Ticinese 41 anni fa, è direttore del telegiornale di Canale Italia dal gennaio 2005.
Ha iniziato in radio e televisione nel 1986. Dal 1988 al 1993 ha lavorato come inviato per i programmi sportivi di Telemontecarlo, girando il mondo in lungo e in largo. Ma la cronaca e il reportage videogiornalistico, telecamera in mano, è la sua passione. Dopo un paio d'anni alla conduzione del Tg7 di Telecity - Italia 7, è passato a Sei Milano, la televisione all news lombarda, prima come capocronista, poi come caporedattore e per quattro anni direttore del telegiornale e condirettore dell'emittente.

Dal 2002 al 2004 cronista al Gazzettino di Venezia, sempre con la cronaca e le inchieste nel mirino. Attualmente collabora con lo stesso giornale, con Repubblica Affari & Finanza e con Studio Aperto.
Ama andare in moto, il mondo del vino, Venezia, e cerca di non perdersi mai una bella mostra d'arte. Pensa che molto della vita sia nel Canzoniere di Saba.


E' soddisfatto della sua esperienza come direttore del tg di Canale Italia?
«Sono contento di avere iniziato questa avventura un anno e mezzo fa, ma non sono soddisfatto, non è nella mia natura. Certo, abbiamo triplicato gli ascolti, ma vedo sempre molto più quello che c'è da fare che quello che è stato fatto.
L'orgoglio per la formazione di tanti giovani colleghi in gamba c'è, come accadde quando dirigevo l'informazione di Sei Milano, che per me resta un'esperienza meravigliosa».

Passando sul satellitare la sua emittente ha acquisito un bacino di utenza più ampio rispetto agli inizi: cosa comporta per una redazione in termini di carichi di lavoro e di qualità del servizio?
«In realtà è molto difficile capire di quanto sia ampio questo bacino, visto che gli ascolti, per noi, vengono quasi tutti tarati sui risultati in etere terrestre. Però quando arrivano email, per esempio, dai nostri soldati in Afghanistan, ci si rende conto delle potenzialità del mezzo, nel bene e nel male. Per questo è meglio il bene, che significa un'informazione equilibrata, attenta, critica verso i propri immancabili pregiudizi».

Quali sono i segreti per dirigere efficacemente una redazione come la sua?
«Capire che non siamo né Rai né Mediaset e che il pubblico si aspetta qualcosa di diverso. E' l'unico sistema perché sintonizzarsi sul nostro tg non sia un'esperienza casuale di un telecomando impazzito ma una scelta precisa.
Incoraggiare i giovani videogiornalisti con attrezzatura professionale ma leggera è poi una scomessa che so di poter giocare sempre, dal 1995, quando Zona Reporter di Sei Milano importò il metodo e lo stile in Italia».

Nell'ultimo anno non sono stati pochi i casi di cronaca portati tristemente alla ribalta, dalla morte del piccolo Tommaso ai recenti fatti di Brescia: qual è, a suo giudizio, il compito dei media in questi frangenti, tra il diritto alla riservatezza delle persone e il dovere di informare costantemente il cittadino?
«Molto semplice: le notizie bisogna raccontarle, che piaccia o no. Bisogna farlo ricordandosi che si parla di umane tragedie, e che si devono avere barriere etiche molto superiori a quelle che possono essere erette dai limiti di legge. L'importante però è non fare della legge sulla privacy, eccessivamente restrittiva, un totem intoccabile. A volte è semplicemente uno strumento che aiuta i potenti e gli arroganti a nascondere le loro malefatte. So che non tutti saranno d'accordo, ma credo che il comportamento delle testate giornalistiche, a parte pochissime eccezioni (alcuni programmi di cronaca "a sensazione" e alcuni quotidiani locali a caccia di copie) sia in genere più che corretto».

Quali crede potranno essere i benefici che l'informazione trarrà dallo sviluppo di nuove tecnologie come il digitale terrestre e in che modo dovranno essere recepiti dagli addetti ai lavori?
«Il mezzo per me non è il fine. Contano solo i contenuti. Facciamo bei programmi, bei servizi, e lasciamo i nuovi media a quello che devono essere: dei contenitori, nel nostro caso, di informazioni. Ci diano la possibilità di scegliere senza cartelli e monopoli, poi si vedrà».

E' sempre acceso il dibattito sul rapporto tra politica e informazione; nella sua emittente avvengono e come sono gestite eventuali pressioni politiche?
«Se mi arrivassero pressioni farei finta di non accorgermene. Se mi costringono ad accorgermene, me ne vado. Sono e resto un cronista, racconto e chiedo di raccontare quello che vedo o che si vede, nulla di più né di meno».

versione stampabile

 
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster