Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Davide Costa tutte le interviste
Telegiornaliste anno III N. 39 (117) del 29 ottobre 2007

Al lavoro con Emergency di Erica Savazzi

«Kabul ha un fascino esagerato: i colori, i volti, la gente... Ogni gesto ha una cultura millenaria. Le montagne sono stupende e ogni angolo è una sorpresa, pur essendo una città ancora in gran parte distrutta. Khartoum, beh, è senza fascino... Il prodotto interno lordo del Sudan cresce al 9% l'anno, il modello a cui stanno puntando: quello di Dubai. Una città senz'anima».

Chi parla così è Davide Costa, 25 anni, un ragazzo dal viso gentile e allegro. Il suo ultimo anno e mezzo è stato piuttosto movimentato: prima in Afghanistan, a Kabul, poi a Khartoum. A lavorare per Emergency. C'era quando Daniele Mastrogiacomo è stato rapito, c'era quando è stato liberato. Ora coordina il reparto amministrativo del nuovissimo centro cardiochirurgico costruito da Emergency a Khartoum.

«Il centro si chiama Salam, che in arabo vuol dire pace, Center for cardiac surgery. E lo slogan di Emergency qui è: High quality, free of charge health care in torn areas». Alta qualità, cure gratuite.

«Emergency si è sempre occupata di civilian war victims, cioè di chirurgia di guerra. Ora lancia una sfida ancora più grande, la sanità gratuita in Africa con standard uguali a quelli dei migliori centri di cardiochirurgia dei Paesi occidentali. Il progetto riguarda in totale circa 320 milioni di persone: non solo i sudanesi, ma anche gli abitanti dei nove Paesi confinanti: Libia, Egitto, Eritrea, Etiopia, Kenia, Uganda, Congo, Repubblica Centrafricana e Ciad. In questi paesi verranno aperte nove cliniche pediatriche e per lo screening cardiaco che seguiranno i pazienti visitandoli, e se necessario inviandoli al Salam Center e poi seguendoli dopo il ritorno a casa. Il progetto è molto costoso, in Italia è in corso in questi giorni una campagna di raccolta fondi: Diritto al cuore».

Il centro Salam è stato inaugurato il 3 maggio scorso. A pieno regime metterà a disposizione degli ammalati venti medici e sessanta infermieri, tutti altamente specializzati. Emergency gestirà la struttura occupandosi anche della formazione del personale locale. Una volta che le conoscenze necessarie alla gestione saranno state trasmesse alle comunità locali, Emergency consegnerà loro il centro.
«Tra l'altro l'ospedale è stato progettato da un geniale architetto veneziano», racconta ancora Costa: Raul Pantaleo. «E' stupendo, mozzafiato, una delle cose più belle di Khartoum, sicuramente».

«Il Salam Center è vicino a a Khartum, a Soba, verso sud, lungo la sponda occidentale del Nilo Azzurro. Noi abitiamo per il momento in due grandi case a Khartoum, ribattezzate Mamoura e Riyad, in base al quartiere dove si trovano. L'anno prossimo partiranno i lavori per costruire le residenze degli internazionali nel compound dell'ospedale, a Soba. Per il momento facciamo venti minuti di minubus per venire al lavoro. Qui in Sudan la maggior parte dello staff internazionale è composta da italiani. Nelle altre missioni almeno il 50% sono non italiani. Qui adesso siamo una quarantina, di cui una greca, tre serbi, un pachistano e un'americana. La lingua di lavoro è comunque l'inglese, e dopo un po' si comincia a masticare anche qualche parola di arabo».

Davide ha iniziato a lavorare per Emergency quasi per caso, grazie alla sua ragazza, che aveva già partecipato a diverse missioni:
«Ovvio che sono partito per motivi umanitari e che la cosa più bella del mondo è vedere un bambino che sorride quando se ne va dal nostro ospedale, ma la verità è che la decisione di partire ha molto a che fare anche con se stessi. Sono sempre stato affascinato dai posti selvaggi, dalle terre di frontiera e dalla storia. Mi piace da morire quando si deve prendere una direzione e si dice "nord", o "sud", invece che "verso Torino" o "verso Milano". E' il senso dello spazio, dell'esplorazione, del non certo. E c'entra anche la sfida professionale. Se fossi rimasto in Italia non avrei mai avuto la possibilità di avere le responsabilità che ho ora prima di dieci anni, almeno».

Si è parlato molto dell’attività di Emergency a Kabul durante i giorni del rapimento dell’inviato di Repubblica Daniele Mastrogiacomo: l’attività di negoziazione, poi la liberazione del giornalista e la morte del suo interprete Ajmal e dell’autista Saeed Agha, l’arresto del collaboratore di Emergency Rahmatullah Hanefi, la decisione di lasciare l'Afghanistan per poi ritornarci a fine giugno dopo la sua liberazione.
«Alla fine dall'Afghanistan sono stato evacuato due volte», racconta Costa. «Dopo che in aprile le condizioni di sicurezza sono venute meno ci siamo trasferiti tutti e quaranta a Dubai. In seguito siamo tornati in cinque a Kabul, per poi essere evacuati definitivamente in Sudan, dove stava per essere inaugurato il Salam Center. In entrambi i casi la sensazione era quella di incredulità: possibile che dopo tutto il lavoro che Emergency ha fatto per anni siamo costretti ad andarcene così? Ci tornerei, sì. Anche se come lavoro preferisco quello che faccio qui in Sudan, dove c'è un po' più "sistema". Ma l'Afghanistan ti resta nel cuore».

Quando gli si chiede di parlare di una persona in particolare, Davide Costa sceglie un ragazzo che è stato ospite dell’ospedale di Kabul per tutto l’inverno scorso: «Nasrullah era la nostra mascotte. E' stato dimesso il giorno stesso che ho lasciato per l'ultima volta l'Afghanistan. Gli abbiamo regalato un pupazzo a forma di leone. In dari, "leone" si dice sher. L'abbiamo salutato così: Hodofis bacia, hodofis sher: arrivederci ragazzo, arrivederci leone».

E infine un commento su Gino Strada, il chirurgo di guerra per eccellenza: «E’ un leader, indubbiamente, ma il suo lato migliore è quello culinario. Da segnalare i suoi tagliolini fatti in casa con il ragù».

versione stampabile

 


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster