Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Francesca Romana Di Biagio tutte le interviste
Telegiornaliste anno V N. 17 (188) del 4 maggio 2009

Francesca Di Biagio: un ponte in rosa tra Italia e Cina di Erica Savazzi



Il 28 aprile Francesca Di Biagio ha presentato al Senato della Repubblica il suo reportage Un ponte in rosa ambientato a Shanghai, che racconta delle donne italiane e cinesi che lì lavorano e delle loro esperienze professionali, esempio di internazionalizzazione. Si occupa inoltre dell'Asia per Italian Women in the World, iniziativa che vuole portare alla luce il meglio dell’Italia femminile all’estero.

Perché hai scelto proprio la Cina, e in particolare Shanghai per questo progetto?
«Ho scelto la Cina perché è un Paese che sta vivendo un’impressionante crescita economica e sociale, paragonabile a quella degli anni 50 in Italia, nonostante la crisi che ne ha rallentato i ritmi di sviluppo. Ho pensato che questa terra e Shanghai in particolare - capitale economica della Cina, con un’enorme presenza di imprese straniere - potessero rappresentare un valido banco di prova per misurare il grado di emancipazione femminile, nazionale e internazionale».

Da dove è nata l'idea?
«Il mio reportage è nato da una curiosità e un’esigenza. Mi sono trovata a Shanghai per lavoro e lì mi sono posta due domande: cosa offre la Cina alle donne italiane, me compresa? E cosa offrono le imprese italiane alle donne cinesi? La risposta ai due quesiti mi ha portato a realizzare il video e mi ha permesso di scoprire casi interessanti di coraggio e intraprendenza. Mi ha anche consentito di conoscere uno spaccato d’Italia all’estero, fatto di medie e piccole aziende, piene di vitalità, che nel loro piccolo contribuiscono ad alimentare il progresso sociale femminile, offrendo ottime possibilità di carriera a cinesi e italiane».

Francesca Di Biagio presenta: Un ponte in rosaCoraggio e intraprendenza: quello che ti è servito per il reportage.
«Un ponte in rosa - dal momento che io sono una free lance e come tale ogni giorno devo cercare e inventare il mio lavoro – è un esempio di spirito d’iniziativa e di inclinazione propositiva, che vorrei fosse riconosciuto e premiato, in un periodo in cui l’accesso alle professioni, per le donne soprattutto, è vincolato da conoscenze e nepotismi. Sarei lieta se le tv italiane fossero pronte a trasmettere il mio reportage e se dessero la possibilità di affermarsi a tante donne come me che, ogni giorno, si impegnano per innovare il proprio operato».

Hai riscontrato differenze e somiglianze tra le donne cinesi e quelle italiane?
«Sorprendentemente, ho notato che la Cina da tempo riconosce alle donne molto più spazio nella società e nella famiglia di quanto faccia l’Italia. Non a caso Mao Tze Tung definiva l’universo femminile “l’altra metà del cielo”. In tv ho notato una forte presenza femminile, sia a livello giornalistico che politico. Non è poi difficile trovare donne che svolgono mestieri manuali, che nel nostro Paese sono prerogativa degli uomini. Questa mia impressione è stata confermata dalle intervistate di nazionalità cinese le quali hanno ammesso, con totale onestà, di non aver mai riscontrato difficoltà professionali per il fatto di essere donne. Questa parità di diritti, tuttavia, si scontra con un grande problema che la Cina sta tentando di risolvere: la disparità di educazione scolastica e accesso al lavoro che permane tra le province e le città».

Quali sono i motivi principali che hanno spinto le intervistate a cambiare Paese?
«I motivi iniziali sono legati a scelte post universitarie e personali: molte delle italiane che si trovano ora in Cina hanno studiato lingue orientali, oppure decidono di abbandonare il loro Paese d’origine per seguire il fidanzato o il marito, manager o imprenditore all’estero. Quello che conta è che, una volta stabilitesi in Cina, le donne italiane beneficiano di una rapida carriera: vengono affidati loro importanti incarichi e riconosciuti dei meriti. Tante delle donne che ho intervistato hanno ammesso di aver trovato più meritocrazia in Cina che in Italia».

Francesca Di BiagioLe tue sono storie di scambi culturali, economici, professionali: quanto sono importanti per il progresso sociale femminile?
«Credo che queste storie siano molto importanti per il progresso sociale femminile. È in quest’ottica che ho sviluppato il mio reportage, che mi auguro abbia un seguito, con nuove interviste e scenari, in Cina o altrove. Le protagoniste del mio reportage, siano manager affermate o neolaureate alle prime esperienze, sono donne con una marcia in più perché hanno deciso di confrontarsi con una cultura diversa, perché ogni giorno convivono con colleghi di differenti nazionalità e costumi. Ciò le aiuta nel loro lavoro, le rende flessibili e permette loro di trovare la chiave per risolvere ogni tipo di problema. Penso che l’internazionalizzazione sia uno dei migliori strumenti di formazione professionale».

In generale conosciamo molto poco i cinesi e la loro cultura, tu che idea ti sei fatta?
«La cultura cinese è profondamente diversa dalla nostra. Noi, per retaggio storico, siamo abituati all’azione, alla creatività e al cambiamento; i cinesi, invece, sembrano cementati nelle loro abitudini alle quali difficilmente rinunciano, non possiedono il nostro modo diretto e incisivo di comunicare e per alcuni aspetti sono ripetitivi. Di qui anche la loro abilità nel copiare, senza realizzare qualcosa di nuovo. Tuttavia, i cinesi - e le donne in particolare – hanno profonda ammirazione per lo stile di vita occidentale che cercano di emulare a tutti i costi. Ho avuto l’impressione che le donne del posto vorrebbero essere come noi italiane e si sforzano di imitarci, il che non sempre è un bene. Le cinesi, a mio parere, dovrebbero impegnarsi a valorizzare e innovare la grande cultura del loro Paese, piuttosto che concentrarsi nell’inseguire le mode occidentali, futili e passeggere».

Giornalista in Cina: hai avuto problemi con le autorità (censura, permessi...)?
«Il mio lavoro non ha previsto grandi contatti con le autorità, sono andata alla ricerca di storie umane, piuttosto che di dichiarazioni politiche. Ho cercato, e tuttora sto cercando, di ottenere da qualche testata italiana un accredito in Cina che mi consentirebbe di confrontarmi liberamente con le istituzioni senza problemi. Purtroppo non è così semplice e dal momento che amo fare il mio mestiere, ho deciso di esercitarlo anche dall’altra parte del mondo cercando di evitare, però, rischi e pericoli».

Italian Women in the World mostra che le donne italiane all’estero si fanno valere. Secondo te avrebbero ottenuto gli stessi risultati in Italia?
«La mia riposta è no: queste donne non avrebbero ottenuto gli stessi risultati in Italia. Prendo il mio caso: io adoro il mio Paese e, benché ami viaggiare, vorrei vivere per sempre qui. Sono una giornalista professionista, con esperienza in carta stampata e televisione, collaboro con testate nazionali, ma mi sono sempre dovuta fare avanti con le mie forze e ho incontrato tante difficoltà. Vorrei che qualcuno scoprisse il mio talento mettendomi alla prova, proprio come fa IWW con le donne italiane all’estero. Vorrei che qualche testata italiana avesse finalmente il coraggio di dimostrare che la meritocrazia conta».

Tornerai in Cina?
«Sicuramente. Magari per realizzare il proseguo di Un ponte in rosa, magari come inviata, se qualcuno vorrà mandarmi».

versione stampabile

Pallavoliste volley femminile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster