Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Susanna Galeazzi tutte le interviste
Susanna GaleazziTelegiornaliste anno III N. 15 (93) del 16 aprile 2007

Susanna Galeazzi, figlia di cotanto padre di Giuseppe Bosso

Nata a Roma, Susanna Galeazzi è giornalista professionista dal 2006. Figlia del noto giornalista Gian Piero Galeazzi, ha iniziato collaborando con il sito Kataweb e con il settimanale L'Espresso. È poi passata a Sky, dove ha condotto il telegiornale sportivo del canale SkyTg24 ed è stata inviata per gli Internazionali di tennis a Roma. E' poi approdata al Tg5 e, dallo scorso anno, fa parte della redazione di Verissimo.

Essere la figlia di un noto giornalista significa dover dimostrare qualcosa in più rispetto alle tue colleghe?
«Assolutamente no. Sicuramente per me è stato un bel biglietto da visita, che non mi ha provocato alcun timore al momento in cui ho cominciato. Devi essere te stesso in questo mestiere; chiunque si sentirebbe orgoglioso di avere un padre molto apprezzato in questo campo, ma ovviamente sono poi io a dover dimostrare quello che valgo, quello che faccio è frutto del mio lavoro e non certo del mio cognome».

Quali differenze tra il giornalismo sportivo e quello, diciamo, di costume di cui ti stai occupando adesso?
«Beh, non dimenticare che ho anche lavorato al Tg5 come inviata, una bella responsabilità per una ragazza della mia età, soprattutto per i servizi di apertura. È importante riuscire ad adattarsi ad ogni situazione e ad ogni argomento, con lo stesso impegno, se vuoi essere un giornalista a 360°. La cronaca rosa, il “gossip”, a prima vista può sembrare un argomento stupido, ma non è affatto così. Anzi, è molto difficile riuscire a trovare notizie nuove ed esclusive, trovare i personaggi di primo piano, ed è questo un aspetto che non viene quasi mai considerato. Invece, come giornalista sportiva, hai il vantaggio di poter contare su una certa preparazione e sulla possibilità di poterti documentare in maniera approfondita».

Anche tuo fratello è giornalista: fa parte della redazione di Le partite non finiscono mai di La7 con Darwin Pastorin. Vi siete sentiti incoraggiati da vostro padre nell’intraprendere questa strada oppure è stata una scelta vostra?
«Per quanto mi riguarda è un sogno che coltivo da bambina e che dura ormai da otto anni. Ho sempre amato scrivere, ed è sicuramente la migliore premessa per iniziare. Per quanto riguarda mio fratello, posso dirti che lui ha iniziato quest’anno, se così si può dire, per divertimento. Ma credo che saprà cogliere anche lui le possibilità che gli si potranno prospettare».

Quali sono le tue aspettative come giornalista?
«Il mio sogno è quello di riuscire, un giorno, ad avere un programma tutto mio, come autrice e conduttrice, possibilmente sulle mie due grandi passioni, lo sport e la moda. Quest’ultima, soprattutto, noto con molto rammarico che non gode degli spazi dovuti in televisione, e per questo vorrei riuscire a rimediare a questa lacuna».

Se un domani ti proponessero di lavorare insieme a tuo padre la cosa ti creerebbe imbarazzo o riusciresti ad affrontarla normalmente?
«Ti dirò, mi è stato proposto. Ma fino a quando non sentirò di avere acquisito una certa maturità e una certa esperienza non lo farò. Comunque allo stato attuale credo che se mi dovesse capitare di intervistarlo, riuscirei a farlo senza problemi».

versione stampabile

Pallavoliste volley femminile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster