Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Umberto Gambino tutte le interviste
Telegiornaliste anno III N. 17 (95) del 30 aprile 2007

Umberto Gambino: Tg2, che passione di Nicola Pistoia

Umberto Gambino, nato a Messina il 23 ottobre 1958, ha alcuni interessi che approfondisce con impegno: giornalista professionista dal 1987, è laureando in chirurgia, sommelier, appassionato delle nuove tecnologie.

Tra tutte queste passioni, come hai scelto quella per il giornalismo?
«Fin da bambino mi piaceva da matti scrivere, ed ero affascinato dal mondo della tv e dell'informazione. Già alle elementari provavo a disegnare "menabò" per ipotetici giornalini scolastici, oltre ai giornalini a fumetti andavo a caccia di notizie nei quotidiani e nel tg, tutto ciò che era notizia mi interessava. Nel 1976, al quinto anno di liceo, ci fu la riforma dei telegiornali Rai e nacque il Tg2. Potrà sembrare strano ma è la pura verità: mi sono innamorato subito di quel telegiornale così diverso e originale rispetto all'ufficialità del Tg1. Il mio sogno nel cassetto era, fin da allora, diventare un giornalista del Tg2. A distanza di vent'anni ci sono riuscito».

Sembri proprio innamorato...
«Come non amare questa professione? Dove lo trovi un altro lavoro ogni giorno sempre nuovo, con spunti interessanti? Come fare a meno di andare a caccia di notizie sempre diverse? Come non appassionarsi a fatti e storie che si evolvono ora per ora o addirittura minuto per minuto? Tante volte sono stato inviato per avvenimenti di portata nazionale e mi rendo di quanto sia importante e determinante, per le sorti stesse delle singole persone, quello che noi scriviamo sui giornali o raccontiamo in televisione. Probabilmente è questo enorme potere che ci deve far riflettere sempre e tanto prima di metterci a scrivere qualsiasi cosa».

Mi correggo: innamorato del giornalismo televisivo...
«I media mi piacciono tutti, ciascuno ha la propria funzione, purché le notizie date siano vere e verificate. Amo in particolare il giornalismo televisivo perché lavorare con le immagini richiede grande flessibilità e capacità di sintesi e chiarezza che gli altri media non hanno. Poi, l'impatto emotivo della televisione è superiore a qualsiasi altro mezzo d'informazione. Basti pensare alle dirette dei grandi avvenimenti mentre si svolgono. Anche se oggi Internet sta seriamente minacciando il potere della tv. Io stesso, per il mio lavoro televisivo, mi documento continuamente sul web. Per gli approfondimenti mi rivolgo invece alla carta stampata e per tenermi informato quando viaggio c'è la nostra cara amica radio».

Mi correggo di nuovo: innamorato del Tg2. Perché?
«Credo sia differente da tutti gli altri tg per la grande capacità di sperimentazione di nuovi linguaggi televisivi che riesce a portare avanti. E' stato così da sempre, fin da quando è nato. E poi le nostre tante rubriche: un fiore all'occhiello!»

Un servizio, un personaggio o un'intervista rimasti impressi nella memoria?
«Gigliola Guerinoni, la "mantide della Valbormida", condannata per aver ucciso il suo ultimo amante. Seguii suoi processi e le sue vicende fino all'ultimo. E riuscii a fare uno scoop, quando, già condannata in primo grado, la intervistai per primo mentre era agli arresti domiciliari.
Al Tg2 ricordo, nel luglio 2005, il viaggio a Sharm El Sheikh, dopo gli attentati in cui furono coinvolti anche turisti italiani. Feci il viaggio in Egitto, con il C130 dell'aeronautica militare, e poi tornai con i nostri connazionali feriti. Tutto in una notte, senza dormire. Ovviamente, in esclusiva: le mie interviste ai sopravissuti e le loro immagini furono riprese da tutti gli altri tg della Rai».

Cosa pensi dei colleghi che dal giornalismo sono passati allo spettacolo?
«Onestamente, non ne ho un buon concetto: credo che abbiano sfruttato questa bella professione per finire "fuori strada". Forse, all'inizio della loro carriera, non avevano le idee ben chiare su cosa è e cosa deve essere la "missione" del giornalismo. Io li considero ex giornalisti a tutti gli effetti. E, credetemi, quando li vedo in tv, magari in un reality, a ballare o a fare i buffoni a pagamento, beh... Provo pena per loro».

versione stampabile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster