Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Roberta Noè tutte le interviste
Roberta NoèTelegiornaliste N. 18 del 12 settembre 2005

Intervista a Roberta Noè, giornalista e mamma
di Filippo Bisleri

Roberta Noè è già una realtà del telegiornalismo italiano. Potremmo anzi dire: del giornalismo in generale, perché la Noè è una giornalista completa. Simpatica e disponibile, nonostante sia sempre presa tra mille impegni.
Non solo giornalistici, perché è anche mamma di una bellissima bambina. L’abbiamo raggiunta a Sky per scambiare con lei qualche battuta sull’essere giornaliste oggi.

Roberta, come hai deciso di fare la giornalista?
«Io ho scelto di fare la giornalista? – e sorride – No, direi che il giornalismo ha scelto me. Direi che, ad un certo punto della mia vita il giornalismo mi si è presentato come realtà in grado di vivacizzare la mia vita e allora mi ci sono buttata a capofitto da quella pazzerella che sono».

Ora ti occupi di sport, ma seguiresti altri settori del giornalismo?
«Ho fatto cronaca per diversi anni, e sarei pronta a tornare a farla. Certo lo sport sembra più tranquillo, ma per fare bene i giornalisti occorre prepararsi e documentarsi anche nello sport o si rischiano di prendere delle cantonate bibliche».

Dunque possiamo a ragione dire che è un luogo comune quello che vuole i giornalisti sportivi meno preparati degli altri colleghi?
«Assolutamente è come dici tu, collega, e come testimonia il lavoro della giornalista sportiva ogni giorno. E credo che anche voi a telegiornaliste.com ne sappiate qualcosa, no?».

Quale aspetto del tuo lavoro ti piace di più?
«Apprezzo molto il poter conoscere tante persone. In tanti anni di lavoro ho conosciuto tanta gente e tante storie di vita che mi hanno più di una volta coinvolta anche emotivamente. E, incontrando tante persone, ho imparato a guardare il mondo in modo diverso e ad avere più rispetto per il prossimo».

I personaggi che incontri come telegiornalista ti avranno colpita. Chi ti è sembrato il più positivo?
«Difficile fare un nome. Devo proprio? Ce ne sarebbe più d’uno. Dico Paolo Maldini, Andryi Shevchenko, e poi quello che mi ha colpita certamente di più: Leonardo (al secolo Nascimento De Araujo, l’attuale vicepresidente del Milan). Lavorando a Milan Channel, un’esperienza molto formativa, ho incontrato Leonardo e ho capito quanto sia una persona speciale. Talvolta riusciva ad incantarmi per il suo modo di essere un serio professionista sul campo, un ottimo marito e un campione anche nella solidarietà con la “Fondazione Milan”».

Tu hai fatto anche un’intervista decisamente particolare. Ne vogliamo parlare?
«Oddio, per voi farò un eccezione e vincerò un po’ di timidezza e ritrosia. Credo tu ti riferisca alla mia intervista a Libero Grassi pochi giorni prima che venisse ucciso da quella malavita contro cui lottava. Ho ancora vive nella mente le sue parole sulle angherie subite, sulle minacce, ma anche sul suo fermo proposito di non lasciare nulla di intentato fino a a che non fosse morto».

Una grande esperienza. Per i nostri lettori, che aspirano magari a fare il giornalista, racconteresti anche qualche altro episodio?
«Certamente, per degli amici simpatici come voi questo ed altro! Ricordo volentieri il tg che facevamo, con altri 3 giovani, a Televenezia. Era un tg molto vicino alla gente, quasi realizzato in strada. È durato poco, certo, ma per me è una grande esperienza che consiglio a tutti quanti fanno del giornalismo televisivo».

Hai un sogno professionale?
«Oggi hai proprio deciso di farmi confessare? – sorride – Sogno di condurre almeno una volta un tg nazionale. Credo che sia un sogno comune. Ma non disdegnerei anche il compito di inviata… anche se ora con la mia bambina questo secondo sogno appare un po’ più difficile da realizzare. Non credi?».

Direi di sì. E visto che hai deciso di confessare ti chiedo il tuo modello di giornalista…
«Apprezzo molte colleghe e vari colleghi di tv e carta stampata, ma non ho un modello particolare. Il mio modello sono i bravi giornalisti e giornaliste cui spero di avvicinarmi sempre di più».

Sei una telegiornalista con marito e figlia, come riesci a conciliare lavoro e famiglia?
«Ma sei cattivello oggi sai? - e ride divertita – Sai già che non so ancora come coniugare bene i due aspetti di famiglia e professione. Credo, personalmente, che il lavoro giornalistico sia il peggiore, per fare un ottimo lavoro ed essere brave mamme. Ammiro quelle colleghe che, magari con più di un figlio, riescono ad essere ottime giornaliste. Tramite voi posso scoprire qualcuno dei loro segreti?».

versione stampabile

Pallavoliste volley femminile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster