Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Sabrina Orlandi tutte le interviste
Sabrina OrlandiTelegiornaliste anno IV N. 22 (147) del 9 giugno 2008

Sabrina Orlandi, passione calcio di Giuseppe Bosso

Giornalista professionista dal 2000, Sabrina Orlandi segue le partite del Bologna calcio per il canale Rete 7. Tra le sue esperienze, la conduzione televisiva di Il pallone nel sette e il programma radiofonico Lui e Lei con Gianfranco Civolani.

Possiamo dire che sei la voce del Bologna calcio?
«Sicuramente per il canale dove lavoro».

Essendo cesenate, hai avuto qualche problema con i bolognesi?
«Beh, inizialmente qualche perplessità c’era, considerando che Cesena non è una piazza molto amata all’ombra delle Torri. Ma con il tempo la cosa è stata superata, tanto più che anche l’attuale allenatore rossoblu è mio concittadino. Può darsi siano capitate delle lamentele, come quando nel 1999 facemmo un sondaggio su Mazzone, allora allenatore del Bologna che stava per essere esonerato. Il 98% del pubblico espresse il desiderio di riconfermarlo, e la società ci manifestò la propria contrarietà non ritenendo opportuno tale sondaggio in quel momento».

Dopo le vicende di Calciopoli, l’ex presidente Gazzoni, come ha dichiarato anche a te in un’intervista, ha provato una profonda amarezza nel sentirsi vittima di un sistema marcio. Il ritorno in serie A come verrà ora affrontato dalla nuova società?
«La nuova società è sorta in un momento in cui i danni erano già stati fatti. Non penso abbia risentito di quella bruttissima pagina del nostro calcio. Sicuramente è una sfida nuova per un gruppo nato in un momento difficile e che andrebbe a riaffacciarsi al massimo campionato dopo anni di dubbi e incertezze, ma l’entusiasmo c’è sempre».

Lo sport bolognese, però, ha ottenuto negli ultimi anni le più grandi soddisfazioni da altre discipline, ad esempio dal basket. In questo contesto quali spazi può avere il calcio?
«Il basket a Bologna ha da sempre una grande tradizione, ma il calcio non è da meno. Sicuramente il tifoso bolognese ha vissuto con molta amarezza il momento della retrocessione e di quello che poi di lì a poco si è scoperto. Si sarà magari allontanato un po’, ma per il resto non mi pare ci siano mai state in città manifestazioni violente. Superato questo momento di crisi, l’entusiasmo è riesploso. Certo, fa pensare il fatto che in una stagione in cui le squadre di basket non sono andate benissimo, il Bologna calcio ha disputato un grande campionato di serie B. Ma ciò non toglie che quella per i rossoblu è una passione che è sempre stata forte, anche negli anni dei grandi successi della Virtus».

A quali calciatori sei più legata?
«A tanti, ma ne cito due che mi vengono in mente: Beppe Signori, ancora molto legato a Bologna, è davvero una persona deliziosa, come la sua splendida famiglia. Ha dato tanto alla squadra, ma sicuramente ha anche ricevuto molto visto che, quando è arrivato, era in un momento in cui era da più parti considerato un giocatore in declino dopo una brutta stagione alla Sampdoria. Poi, anche se non ho avuto modo di vederlo giocare, ricordo con molto piacere Giacomo Bulgarelli, una delle prime persone che ho conosciuto lavorando in tv».

Conduci il programma radiofonico Lui e Lei con Gianfranco Civolani: come vivi questa esperienza?
«Con molto piacere. È un programma visibile anche in streaming, dai ritmi vivaci e scorrevoli e ho la possibilità di essere a diretto contatto con il pubblico che mi segue da casa. Con il mio straordinario compagno di lavoro posso parlare davvero di tutto, dallo sport alla politica, dal gossip allo spettacolo. Rispetto al programma del lunedì, non ci sono quei ritmi e quelle scalette più contenute».

Gli apprezzamenti che più ti hanno fatto piacere e le critiche che più ti hanno ferita?
«Mi piace essere riconosciuta dalla gente per strada che vede in me una persona molto alla mano e tranquilla. Critiche? Non saprei, in genere non è che te le dicano in faccia (ride, ndr). Comunque anche quelle fanno parte del gioco, di un lavoro in cui sei costantemente sotto gli occhi del pubblico».

In un’intervista che è possibile leggere anche sul nostro forum hai dichiarato che le donne in carriera non possono essere delle buone madri. Sei ancora convinta di questo?
«E’ davvero difficile gestirsi tra le due cose: non credo tanto a quelle donne che dicono di riuscire a lavorare 9-10 ore al giorno e a condurre, contemporaneamente, una piena vita familiare. Quando hai dei bambini piccoli devi dedicarti molto alla loro crescita e a qualcosa devi pur rinunciare. Si può lavorare, certo, ma cercando di ritagliarsi più momenti possibili da passare con i figli. Se hai troppe responsabilità, è difficile avere tempo libero. Quando poi i figli crescono e acquistano una certa autonomia, è diverso. Ma ci sono anche donne che non possono scegliere e devono lavorare tutto il giorno per mantenere i propri figli, e a loro va tutta la mia stima».

E’ per questo, dunque, che in Italia aumentano divorzi e separazioni mentre diminuiscono le nascite?
«Oggi le donne cercano anzitutto di affermarsi professionalmente, poi magari di mettere su famiglia».

In futuro continuerai ad occuparti di sport?
«Credo di sì, anche se non si sa mai. Rimane comunque la mia passione principale, e spero di continuare ad operare in questo senso. Certo, tutto dipende dalle scelte aziendali...».

versione stampabile

Pallavoliste volley femminile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster