Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Stefano Peduzzi tutte le interviste
Telegiornaliste anno III N. 25 (103) del 25 giugno 2007

Stefano Peduzzi: un debole per il Monza di Silvia Grassetti

Stefano Peduzzi, giornalista professionista nato a Milano il 25 gennaio 1979, è il fondatore di Monza News, testata giornalistica dedicata allo storico club brianzolo. Dal 2006 Stefano si occupa di calcio a tempo pieno, con la trasmissione Il Campionato dei Campioni, in onda ogni sera alle 20.30 sul circuito Odeon.

Negli ultimi mesi ci sono stati diversi scandali, nel mondo dello sport e non solo: credi che i media facciano il loro mestiere, o in fondo, visto anche il coinvolgimento di alcuni giornalisti, si poteva dire e fare di più nei confronti del pubblico?
«Credo proprio di sì. I tifosi e i lettori credo si siano sentiti presi in giro anche da chi avrebbe dovuto raccontare la verità. Che ci fosse qualcosa di marcio nel calcio è sempre stato un sospetto comune, ma tutto quello che è poi emerso dal processo di Calciopoli credo che in pochi l'avrebbero previsto».

Come giornalista sportivo ed esperto di calcio, qual è la tua opinione sui colleghi coinvolti in Calciopoli, da Biscardi, a Sposini, a Chiara Geronzi?
«Non sono certo io a dover giudicare i colleghi che sono stati coinvolti in questa vicenda. Il processo mediatico c'è stato per i veri protagonisti che hanno sconquassato il mondo del calcio, ma sono stati tirati in ballo anche molti giornalisti seri e al di sopra di ogni sospetto come Lamberto Sposini. Il fatto di aver ricevuto delle telefonate da Moggi, che si complimentava per alcuni attacchi fatti dall'ex condirettore al Tg5 non possono certo mettere in dubbio la serietà e la professionalità di Sposini».

Quali altri sport segui con passione e vorresti magari trattare tu stesso durante una tua trasmissione?
«Quest'anno su Odeon mi hanno affidato la conduzione di alcuni approfondimenti legati ad altri sport come motori, sci, basket e pallavolo.
Ma il calcio è sempre stata la mia passione e mi piacerebbe in futuro poter condurre una trasmissione sui campionati di cui si parla meno, come quelli di serie C. Ci sono tanti potenziali campioni che giocano in "piazze" blasonate che meriterebbero più spazio in tv».

Cosa fa nel tempo libero Stefano Peduzzi?
«Di tempo libero ne ho poco. Cerco sempre di accumulare giorni di ferie perché ogni anno organizzo almeno due o tre viaggi all'estero. Quest'anno spero di andare in Honduras e nelle Filippine, due Paesi ancora poco conosciuti che nascondono molti paesaggi da scoprire».

Qual è il tuo sogno nel cassetto?
«Mi piacerebbe continuare su questa strada, riuscire ad affermarmi in quello che sto facendo. Credo che nella vita aiuti molto lavorare divertendosi. Il mio sogno nel cassetto era quello di diventare giornalista e ci sono riuscito prima di quanto pensassi. E da un punto di vista calcistico sogno di vedere tra qualche anno il mio Monza in serie A».

versione stampabile

 


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster