Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Federico Pini tutte le interviste
Telegiornaliste anno III N. 24 (102) del 18 giugno 2007

Federico Pini, la mia passione è la tv di Nicola Pistoia

«La mia è una passione nata ai tempi universitari, quando ho cominciato a collaborare con un'emittente televisiva toscana. Ricordo le mie prime esperienze di conduzione, i primi servizi di cronaca, una bella emozione». Con queste parole esordisce Federico Pini, giornalista del Tgcom, alla nostra richiesta di parlarci dei suoi inizi. E aggiunge: «Mi ha sempre affascinato fotografare la realtà con la parola, raccontare storie, essere a contatto con la gente».

Se potessi scegliere, quali argomenti ti piacerebbe trattare?
«Mi occupo di un settore che mi piace molto: la televisione, che è poi un punto di osservazione privilegiato sulla realtà. Sono molto interessato al costume e all'attualità, ma anche alle tematiche religiose. Mi piacerebbe approfondire anche questo aspetto dal punto di vista giornalistico in programmi come Miracoli, per intenderci, andato in onda sulle reti Mediaset».

In questo mondo dove il precariato la fa da padrone tu sei un privilegiato?
«Mi sento molto fortunato, conosco tanti colleghi in gamba che non hanno ancora un contratto a tempo indeterminato e lo trovo profondamente ingiusto. Purtroppo l'accesso alla professione è regolato da meccanismi ancora poco trasparenti».

Secondo te, entrare a far parte di una scuola di giornalismo prestigiosa come quella di Urbino, è una condizione imprescindibile per la formazione di un buon giornalista?
«Aver frequentato la scuola di giornalismo di Urbino per me è stata una palestra importantissima, perché si lavora sul campo e su più fronti: carta stampata, radio, tv e internet. La scuola mi ha permesso di ottenere il praticantato e di sostenere l'esame di Stato per professionisti: un modo democratico per permettere di accedere a questa professione anche a chi, come me, non è figlio di qualcuno che conta».

Il Tgcom cura anche i contenuti di Mediavideo. Come gestite le due redazioni, quella su internet e quella televisiva?
«Tgcom è presente su internet, in tv con delle pillole informative sulle tre reti Mediaset spalmate fra il primo e il secondo tempo dei film, e su Mediavideo. E' possibile grazie a un articolato lavoro di squadra».

Un consiglio a chi come te volesse intraprendere questa professione?
«Tanta tenacia e determinazione. Mettere in conto numerose porte sbattute in faccia. Ma consiglio anche di non scoraggiarsi mai, di provare comunque a bussare alle porte di qualche redazione con proposte originali. E senza santi in Paradiso (quello dell'editoria). Non demordere ma provare a fare l'esame per entrare in una scuola di giornalismo. Io consiglio l'Ifg di Urbino».

versione stampabile

 


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster