Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Marina Presello tutte le interviste
Telegiornaliste anno II N. 29 (61) del 24 luglio 2006

Marina Presello, bellezza del Nord-Est di Giuseppe Bosso

E' uno dei volti di punta di Telefriuli. Valletta, poi conduttrice, insieme alla collega Giorgia Bortolossi, della trasmissione Poltronissima che segue settimanalmente le imprese dell' Udinese.
La domenica conduce anche la trasmissione Basket&Volley e, infine, il tg dell'emittente.
Questa settimana Telegiornaliste incontra Marina Presello, per la gioia dei suoi fans, presenti nel Nord-est, ma non solo…

Come nasce, professionalmente, Marina Presello?
«Provengo da un percorso di studi lontano da quello della professione giornalistica: sto per laurearmi in Scienze e tecnologie alimentari. Sono arrivata a Telefriuli per caso, grazie ad alcuni conoscenti iscritti all’Udinese Club che a quei tempi cercava una valletta. Poi, frequentando la redazione sportiva, mi sono appassionata al lavoro, ho fatto tanta gavetta e, grazie all'attuale direttore, Alberto Terasso, ho avuto la possibilità di andare in video a leggere i telegiornali, ampliando la mia visione, non solo sportiva, di questo mestiere».

Quali sono le sue aspirazioni per il futuro? Fare del giornalismo televisivo, magari a livello nazionale, oppure è interessata anche ad altri mezzi di comunicazione di massa?
«Riuscire a spiccare il volo da una regione piccola come il Friuli e arrivare in ambito nazionale sarebbe un risultato davvero importante. Credo che la comunicazione sia interessante in ogni sua forma; il video e la televisione sono mezzi più immediati, però la carta stampata è un mio pallino e non mi dispiacerebbe scrivere su un quotidiano o anche su magazine specializzati».

Quale ritiene possa essere il ruolo delle emittenti locali come la sua, con le nuove tecnologie che stanno cambiando le nostre abitudini?
«Il digitale aprirà orizzonti notevoli con investimenti mirati. Anche le piccole tv potranno fare grandi cose».

A Telefriuli ci sono altre due giornaliste molto apprezzate dal nostro forum, Giorgia Bortolossi, con cui conduce Poltronissima e Alessandra Salvatori: ritiene che tra colleghi giornalisti possa esserci un buon rapporto?
«Posso dire senza timore e senza piaggeria che la nostra forza è proprio il gruppo: per fortuna abbiamo caratteri compatibili e il nostro cammino a Telefriuli è stato praticamente parallelo. L'amicizia può esistere dovunque, non ci sono categorie lavorative che la precludono. Certo è che quando prevale l'ambizione sfrenata non si possono coltivare rapporti interpersonali».

Si occupa principalmente di sport, un settore fino a qualche anno fa di esclusiva competenza maschile: pensa che si sia raggiunta una piena emancipazione delle donne, oppure incontra ancora delle resistenze?
«Il numero delle donne è sicuramente salito, ma secondo me c'è ancora un po’ di diffidenza. Per fortuna, negli ultimi anni, sembra che le cose stiano cambiando. All'inizio erano in pochi a crederlo, poi lavorando seriamente e meticolosamente ci siamo rese credibili».

Come vive il suo rapporto con l’Udinese? Si sente più tifosa o cronista al seguito della squadra?
«Nasco come tifosa: a sei anni mio padre mi portava nei distinti a vedere il grande Zico, sono stata abbonata anche in curva; ora le cose sono un po’ cambiate perché le vedo da un'altra prospettiva, ma anche perché il calcio è diventato sempre meno spettacolare e avvincente. Ma sarò sempre affezionata alla squadra della mia città, questo è certo».

Cosa consiglia ai ragazzi che volessero intraprendere la sua strada?
«Tanta gavetta: è la palestra migliore. Come in ogni lavoro e in ogni fase della vita ci vogliono sacrifici per arrivare dove si vuole; bisogna studiare, applicarsi e soprattutto mai perdere l'umiltà».

Professionalità, simpatia e bellezza: nell’ordine, quali sono i fattori su cui punta principalmente?
«Questi, nell'ordine che ha messo lei... ».

Quanto è difficile, secondo la sua esperienza, conciliare lavoro e affetti?
«Grazie al mio lavoro ho trovato un uomo meraviglioso che gioca a pallacanestro, in serie B e con il quale ho un bellissimo rapporto. Se si vuole che le cose vadano in un certo modo è sufficiente impegnarsi e credere in quello che si fa. Le priorità cambiano quando si crea una famiglia, ma ci sono tante donne in carriera che riescono a gestirsi bene ».

versione stampabile

 
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster