Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista ad Attilio Romita (2) tutte le interviste
Telegiornaliste anno III N. 34 (112) del 24 settembre 2007

Romita: non sono un morto di fama di Silvia Grassetti

«Chi ha titolato: Romita, la mia vita per un po' di mondanità cercava di farmi passare per uno di quei "morti di fama" di cui parlavo nell'intervista a Nicola Pistoia». Il popolare mezzobusto del Tg1, Attilio Romita, non ce l'ha fatta passare liscia.

Attilio, allora abbiamo preso un granchio: non è vero che daresti la vita per un po' di mondanità, eppure la vita mondana ti affascina: dove abbiamo sbagliato?
«Dare la vita per un po' di mondanità credo sia una scelta da imbecille. Io non lo sono. Alla domanda sulla mia presenza a numerosi eventi mondani ho risposto che quando la mondanità è fatta di tavole ben apparecchiate, vini eccellenti, buona musica e belle donne, allora mi piace. Non mi piace quella popolata dai soliti "morti di fama" che farebbero qualsiasi cosa pur di apparire».

Non per la mondanità, dunque, ma allora per cosa daresti la vita?
«Darei la mia vita per vedere felici le persone che mi stanno vicine, a cominciare da mia figlia Alessia. Per avere successo nella mia professione, mi limito a liberare tutte le mie energie fisiche ed intellettuali».

Chiarito il qui pro quo, approfittiamo della disponibilità del tgista per rivolgergli alcune domande sull'associazione Li.Sta, di cui è fondatore. In un intervento sull'Unità, il 23 febbraio del 2005, Travaglio criticava l'associazione Libera Stampa, fondata, citiamo testualmente, «dai vicemimun Alberto Maccari e Francesco Pionati, dal caporedattore politico del Tg1 Cesare Pucci, dai conduttori del Tg1 Attilio Romita e Susanna Petruni, nonché dai redattori politici Ida Peritore e Angelo Polimeno, e dall'inviato del Tg2 Emilio Albertario. La sigla dell'indomito pool, che ha sede nell'ufficio di Pionati, è tutta un programma: Li.Sta. E così la cerimonia di battesimo, in un noto ristorante romano, alla presenza del ministro Gasparri. In effetti i maligni assicurano che i Magnifici Otto sono tutti berlusconiani devoti».

Attilio, come rispondi a questa critica?
«Travaglio scrisse alcune inesattezze. Tra queste i nomi di Susanna Petruni e Ida Peritore tra i fondatori di Libera Stampa. E inoltre: i fondatori, secondo Travaglio, erano talmente devoti berlusconiani che il loro numero uno, Francesco Pionati, è stato eletto senatore dell'Udc!».

Li.Sta è un progetto ancora attivo, e quali iniziative promuove?
«Non so nulla di Li.Sta da molti mesi. Come già detto, il suo principale ispiratore, Pionati, fa il senatore. E quindi immagino che l'associazione di giornalisti sia stata sciolta. Ma potrei sbagliarmi».

versione stampabile

Pallavoliste volley femminile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster