Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Monica Rubele tutte le interviste
Monica RubeleTelegiornaliste anno II N. 16 (48) del 24 aprile 2006

Rubele, giornalista di gavetta di Giuseppe Bosso

Il grande pubblico ha avuto modo di conoscerla solo due estati fa, quando affiancò Maria Teresa Ruta e Beppe Convertini nell'edizione estiva di "L'Italia sul Due". Ma Monica Rubele, veronese doc, ha alle spalle una lunga gavetta e può considerarsi certamente una veterana del mestiere.

Come nasce, professionalmente parlando, Monica Rubele?
«Sono giornalista professionista dal 1997, ma già da tempo lavoravo presso emittenti locali venete; come cronista mi occupavo di varie cose, dalla cronaca agli eventi; ho anche condotto convegni, poi sono passata a Rtl 102.5, continuando la trafila che poi mi ha portato, due anni fa, a Raidue, dove tuttora sono co-conduttrice di Sereno variabile».

Quindi possiamo dire che le emittenti locali sono una buona "palestra" per chi si avvicina al mestiere?
«Certamente. Anzitutto per la buona professionalità di chi ci lavora, ma soprattutto, nel mio caso in particolare, proprio per il fatto che, dovendoti occupare di tante e varie cose (ad esempio mi capitava che di mattina dovevo fare un servizio su un omicidio e la sera un servizio sulla prima al teatro di Verona), hai la possibilità di imparare il lavoro di giornalista a tutto campo».

Hai avuto finora grandi personaggi come compagni di lavoro, dalla Ruta a Osvaldo Bevilacqua. Ti senti pronta per "camminare da sola" e quindi condurre un programma tutto tuo?
«Beh, il lavoro in gruppo, a contatto con la gente, è la formula che meglio si avvicina al mio modo di intendere il mestiere, però chiaramente è una delle mie aspirazioni per il futuro».

Sereno variabile è un continuo viaggio per l'Italia, alla scoperta anche di posti magari non tanto reclamizzati: ma il vostro lavoro basta per valorizzare queste risorse del nostro Paese?
«Mi auguro di sì; del resto, se vedi la nostra trasmissione, è proprio questo il nostro obiettivo: andare a caccia di curiosità, segreti, anche in modo un po' insolito da come vengono presentati questi programmi; e in questo, Osvaldo è davvero un maestro».

Si lavora meglio in un gruppo affiatato come il vostro?
«È indispensabile, per la buona riuscita della trasmissione. La tv amplifica questo spirito di gruppo».

Un recente sondaggio afferma che voi giornaliste siete la categoria professionale che peggio concilia lavoro e affetti. Da appartenente alla categoria cosa senti di dire a riguardo?
«È la mia aspirazione riuscire a conciliare un'intensa attività professionale con la vita privata, mantenendo le due cose nei giusti equilibri. Il lavoro è importante, sì, ma non è tutto, per cui cerco di equilibrarlo con gli affetti in maniera sana».

Ti ringrazio della disponibilità, Monica, e ti faccio un sincero in bocca al lupo da parte di Telegiornaliste!
«Crepi. E grazie per l'affetto».

versione stampabile

 
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster