Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Fabio Santini tutte le interviste
Fabio SantiniTelegiornaliste anno IV N. 15 (140) del 21 aprile 2008

Fabio Santini: club italiani, puntate sui giovani!
di Giuseppe Bosso

Fabio Santini, milanese, è giornalista professionista dal 1980. Alle spalle, una lunga esperienza: collaboratore per Il Giorno, redattore di Sorrisi e Canzoni TV. Nel 1992 arriva a l'Indipendente come caporedattore. Ancor oggi collabora con Vittorio Feltri a Libero per spettacoli, attualità, economia e sport. Varie parentesi nella radio e nel teatro, fino a Il processo di Biscardi e a Diretta Stadio su 7 Gold dove attualmente è ospite fisso.

L’ennesima vittima del calcio violento è la dimostrazione che ci stiamo abituando a queste tragedie?
«Assolutamente no. L’indignazione del momento è sempre forte, come nei casi di Raciti e di Sandri, ma sono episodi che esulano completamente dal calcio che è - e deve rimanere - uno sport e un gioco. Piuttosto, questi episodi nascondono un grave problema che è fortemente trascurato e cioè un grande disagio giovanile. Da qui nasce la violenza, non certo dal calcio».

Per il secondo anno consecutivo abbiamo tre squadre inglesi semifinaliste in Champions League. Quale deve essere l’insegnamento che può trarne il calcio italiano?
«L’Italia è campione del mondo come nazionale, ma non ha vinto quasi nulla a livello di club, a parte i trionfi del Milan dell’ultimo anno; l’Inghilterra va male come nazionale, eppure i suoi club riescono ad andare avanti nella massima competizione europea. Il problema è che le nostre squadre, in questi anni, hanno speso tanto per acquistare stranieri che, a lungo andare, si sono rivelati deludenti, salvo qualche eccezione, e hanno trascurato quella indispensabile e fondamentale risorsa che è il settore giovanile. Ci sono squadre come l’Atalanta e il Napoli che hanno in questo senso una grande tradizione, ma i grandi club hanno seguito un altro tipo di politica gestionale e i risultati che abbiamo visto ne sono stata la logica conseguenza. Spero che nei prossimi anni, per colmare il gap che attualmente ci separa dalle squadre d’oltremanica, si torni a puntare di più su questi ragazzi italiani che vogliono emergere».

L’Inter di oggi è più antipatica della Juve dell’era Moggi?
«No, l’antipatia per le vittorie dell’Inter di oggi, così come quelle della Juve di Moggi, è frutto di quell’umano sentimento che nasce sempre nei confronti del trionfatore. In ogni caso, come i nerazzurri stanno vincendo con merito, altrettanto con merito i bianconeri hanno ottenuto i loro successi in passato».

Dopo Calciopoli, comunque, non può dirsi che il clima nel nostro campionato sia dei più sereni: basti pensare alla “classifica senza errori arbitrali”...
«Quell’iniziativa fa parte di una battaglia che da anni Aldo Biscardi e il suo Processo stanno conducendo nella speranza di estendere anche al calcio, come già succede nelle altre discipline, l’impiego in campo della moviola. E' un progetto che sostiene anche Diretta Stadio che ha dedicato alcune puntate all’argomento. Gli errori arbitrali, a mio giudizio, alla fine bene o male si compensano, anche se ci sono squadre come la Reggina che sono state penalizzate più di altre. I primi a volere l’impiego della tecnologia in campo sono proprio gli arbitri, ma questo rimarrà utopico fino a quando i signori del governo del calcio, la Fifa, faranno orecchie da mercante…».

Ti gratifica di più la partecipazione ad un programma storico come il Processo o la conduzione di Mai visto alla radio, ogni domenica su Rtl 102.5?
«Radio e televisione sono due strumenti completamente diversi, a dispetto di quanti sostengono il contrario. Il programma radiofonico mi vede in veste di conduttore, mentre al Processo partecipo come opinionista: due spazi differenti, ma entrambi gratificanti perché permeati sulla mia personalità professionale».

Sempre a proposito di Biscardi e del Processo, spesso vi rimproverano per i toni accesi in trasmissione…
«Sì, ma è una cosa che fa parte del Dna del programma, e Aldo sa benissimo che la dialettica, anche se impostata in termini accesi, fa audience. Ma questo non toglie che tra di noi ci sia una grande stima reciproca».

versione stampabile

 


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster