Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Patrizia Schisa tutte le interviste
Patrizia SchisaTelegiornaliste anno III N. 20 (98) del 21 maggio 2007

Patrizia Schisa, medicina per passione di Giuseppe Bosso

Incontriamo questa settimana Patrizia Schisa, inviata della trasmissione Elisir su Rai3.

Il suo matrimonio professionale con Michele Mirabella e con Elisir dura da ormai dieci anni: è soddisfatta di questa esperienza?
«Essere chiamata a condividere la conduzione di un programma da servizio pubblico è stata per me una importante crescita professionale, in prima serata e con contenuti di tipo "alto". La diretta non è stato un problema, avendone fatte centinaia, anche in contesti duri; e poi ho sempre amato la medicina, mi è sempre piaciuto studiarla e ho trovato un bel gruppo, con Mirabella e Gargiulo».

Con Elisir ha modo di trattare dal vivo un argomento molto attuale e delicato come la salute e la sanità in generale: ritiene che trasmissioni come la sua dovrebbero avere più spazio proprio per questa importanza?
«Noto con vero piacere che la gente non è mai paga di informazione sul tema, in particolare relativamente agli aspetti, per così dire, “sociali” della medicina; è sicuramente positivo che a questa grande curiosità risponda la crescita di programmi che ne trattano ampiamente».

Qual è il ruolo dell’informazione proprio in uno dei settori più discussi del nostro Paese, come ha recentemente dimostrato la clamorosa inchiesta di L’Espresso?
«Noi di Elisir ci occupiamo di salute e non di sanità istituzionalmente intesa; il fine della trasmissione non è certamente quello di analizzare lo stato del funzionamento o meno del sistema sanitario del nostro Paese, ma a parte questo è sicuramente importante che ci sia un’informazione trasparente anche in questo senso».

Che tipo di interesse ha potuto riscontrare nel pubblico riguardo le sue inchieste?
«La cosa che più mi ha fatto piacere è scoprire, soprattutto tra la gente che incontro per strada, che un programma che era stato pensato principalmente per un pubblico adulto abbia invece ottenuto anche una larga fascia di pubblico giovanile, che si interessa e vuole approfondire le tematiche che trattiamo».

Finora l’abbiamo vista principalmente nelle vesti di inviata: qualora le proponessero una conduzione come affronterebbe questa esperienza?
«Rispetto a quando ho iniziato questo lavoro, molte cose sono cambiate, e portare avanti una conduzione oggi è cosa molto difficile da ottenere. Per quanto mi riguarda, amo il mondo esterno, andare direttamente sul posto dove presentare il mio servizio».

Le piacerebbe trattare argomenti diversi, memore magari della sua esperienza con Arbore tanti anni fa?
«Allora ero una ragazza che si avventurava in un mondo nuovo, adesso ho imparato ad amare soprattutto quello che sto facendo ora; mi piacerebbe, certo, trattare sempre di temi sociali in maniera magari anche leggera, senza però staccarmi del tutto dall’informazione legata al mondo della medicina, che non manca mai di connettersi con la scienza, con l’attualità e anche, perché no, con il costume».

versione stampabile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster