Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Cristina Stanescu tutte le interviste
Cristina StanescuTelegiornaliste anno II N. 38 (70) del 23 ottobre 2006

Cristina Stanescu, giornalista animalista
di Nicola Pistoia

Questa settimana abbiamo incontrato per i lettori di Telegiornaliste Cristina Stanescu di Studio Aperto.

Quando e come ha iniziato ad appassionarsi al giornalismo?
«Ho iniziato al secondo anno di università. Avevo lasciato da un anno la Bocconi e optato per filosofia. Conscia del fatto che una laurea in questa materia non mi avrebbe portato molto lontano, ho iniziato a collaborare gratuitamente per un giornale del Canton Ticino: La Gazzetta Ticinese, pensando di cominciare così ad accumulare esperienza. Scelta premiante perché a 23 anni oltre alla laurea potevo vantare tre anni di collaborazioni fisse, tra carta stampata e televisione (Telecampione), vantando una marcia in più rispetto agli altri neolaureati. La scelta è caduta sul giornalismo come ripiego. Ho sempre voluto scrivere ma pensavo che non sarei riuscita a campare solo con i romanzi.
Così ho coniugato la passione per la scrittura con un mestiere che mi sembrava più accessibile e sicuro... mi sembrava, perché non lo è di certo! Poi, scrivendo e scoprendo la televisione è nata la vera passione per il giornalismo, che ancora, grazie al cielo, non si è spenta».

Le piace il lavoro di inviata o anche lei aspira alla conduzione del tg?
«Ho avuto modo di condurre tante trasmissioni, da piccoli spazi locali, regionali a prodotti nazionali, da Planet a Fuego a Bellavita, su Italia1. Il video è senza dubbio un'attrattiva e dà molta soddisfazione sul piano personale.
La vita quando si è riconosciuti è molto più facile. Ma dipende tutto dal carattere. Per me quel poco di popolarità à stata un incubo. Se si è timidi credo che andare in video per condurre sia una forzatura. Nel mio caso l'innaturalità del ruolo mi faceva sentire a disagio, esattamente come se fossi su un palco
a recitare una parte che non mi corrispondeva, senza sentire d'altra parte di portare un contributo ai contenuti che esponevo. Credo insomma che il conduttore sia un mestiere a parte, per cui si deve essere tagliati. Un giornalista non deve esserlo a tutti i costi. Altra cosa andare in video per raccontare quello che si vede. Questo lo faccio volentieri perchè la mia faccia, la mia voce, i miei occhi commentano una situazione viva che ho davanti e non si rivolgono a una telecamera cieca. In questo caso la mia apparizione in video mi sembra naturale e giustificata perchè aggiunge valore al racconto, facendomi sentire maggiormente in sintonia con la realtà».

A chi ritieni di dovere di più professionalmente?
«Agli operatori di ripresa che mi hanno insegnato l'abc delle immagini».

Voi giornalisti di Studio Aperto montate i servizi da soli: è impegnativo?
«Sì, è impegnativo ma estremamente creativo e stimolante».

Come riesce a conciliare il lavoro di giornalista con la vita privata?
«Riesco perfettamente, avendo un marito giornalista che condivide i miei tempi e problemi. E poi non ho sempre la valigia in mano. Durante la gravidanza, ad esempio, sono stata sempre in redazione».

Chi apprezza di più fra le sue colleghe giornaliste, anche di altri tg?
«Non ho mai avuto muse. Guardo, imparo, cerco di non copiare e di crearmi uno stile mio».

E' nota a tutti la tua passione per gli animali...
«Sì, una passione nata da piccola e portata avanti con costanza. Il lavoro non è fine a se stesso, non dico debba essere una missione, ma il fare e l'aver fatto qualcosa per loro, denunciando maltrattamenti e abusi in televisione mi ha fatto sentire umanamente più utile e professionalmente più matura».

Un consiglio a chi volesse intraprendere questa dura strada?
«Buttarsi senza ascoltare i menagramo ma fuggire ugualmente il mito della televisione, del faccionismo, dei privilegi. Se si va in un tg solo per fare la bella statuina si rischia una vita professionale infelice».

versione stampabile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster