Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Giovanni Toti tutte le interviste
Giovanni Toti Telegiornaliste anno II N. 32 (64) dell'11 settembre 2006

Giovanni Toti, una vita da inviato di Giuseppe Bosso

Giovanni Toti è vice caporedattore e inviato di Studio Aperto. Lo abbiamo incontrato per farlo conoscere meglio ai nostri lettori.

Giovanni, com'è iniziata la tua carriera e come sei arrivato a Studio aperto?
«Dopo l'università, ho avuto la fortuna di conoscere un dirigente di Mediaset che mi ha presentato Paolo Liguori, allora direttore del telegiornale; ho cominciato da stagista e poi, grazie ad un collega che ha liberato un posto, sono approdato alla redazione. Diciamo che sono stato molto fortunato, non avendo fatto molta pratica».

Il tuo telegiornale è molto apprezzato dal pubblico, soprattutto dai giovani. Quali credi siano le ragioni del vostro successo?
«Studio Aperto è molto conforme ai canoni della rete, solitamente diretta ai giovani, che di norma non hanno molta dimestichezza con i telegiornali. Direi che questo fattore, unito alla grande attenzione che dedichiamo alla "cronaca bianca" (costume, attualità) sono i fattori determinanti del consenso che riscontriamo».

Come molti tuoi colleghi hai un blog sul sito ufficiale del tg. Da cosa nasce questa idea?
«I blog rappresentano la nostra esperienza, quello che viviamo giorno per giorno nel nostro lavoro; non è facile esprimere in maniera approfondita quelle che sono le nostre idee nei pochi spazi che abbiamo, per questo il sito di Studio aperto, che è molto vario, permette, a differenza di altri, di rivedere i servizi in rete al navigatore che magari non ha potuto seguire il tg».

In una redazione numerosa come la vostra è importante andare d'accordo tra colleghi, ma ti è mai capitato di assistere a qualche screzio?
«Lavorando in un tg può capitare qualche dissidio, il lavoro in alcuni momenti può creare tensione, ma per la mia esperienza posso dirti che non mi è mai capitato di assistere a contrasti molto duri e quando ciò è accaduto si è subito ricomposto. Del resto, le nostre mansioni sono divise in maniera equilibrata e c'è molto affiatamento».

La tua compagna, Siria Magri, svolge la tua stessa professione: questo influenza in qualche maniera la vostra vita di coppia?
«E' da tre anni che stiamo insieme, e posso dirti che facilita molto avere un confronto con una persona che fa il tuo stesso lavoro e che conosce l'ambito in cui operi. Certo, operiamo in settori diversi, io inviato in esterna e lei più conduttrice e interessata alla cronaca e al costume; per Lucignolo abbiamo avuto modo di lavorare a contatto diretto, e questo non ci ha creato mai problemi nel nostro rapporto».

versione stampabile

 
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster