Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Marco Vigiani tutte le interviste
Marco VigianiTelegiornaliste anno IV N. 29 (154) del 28 luglio 2008

Marco Vigiani, dalla radio alla tv di Valeria Scotti

Giornalista pubblicista, Marco Vigiani esordisce in radio come DJ e speaker. Impegnato in varie rubriche televisive e autore di numerosi programmi, oggi conduce una trasmissione sui locali e il tempo libero, Planet TV, in onda su varie emittenti regionali. E' anche assistente-docente all’Università di Firenze nel Master in Pubblicità istituzionale, Comunicazione Multimediale e Creazione di Eventi.

Quali sono stati i tuoi esordi?
«Artisticamente sono nato con le radio private nel 1975. Ho iniziato a fare il DJ radiofonico nel periodo in cui le radio erano bandite, sono stato un pirata dell’etere. Ne ho anche fondata una importante a Firenze dove sono passati tanti personaggi famosi: Leonardo Pieraccioni, Carlo Conti, Marco Baldini, Giorgio Panariello. Poi, con la regolamentazione della legge, le radio son diventate testate giornalistiche: c’era dunque la necessità di essere giornalisti per fare informazione. Mi sono subito candidato per questo ruolo e così sono diventato giornalista pubblicista e ho iniziato a fare notiziari».

Ti sei dedicato anche alla tv…
«Sì, ho provato il mondo della televisione perché sono una persona curiosa che ha bisogno di ricevere stimoli sempre nuovi. Sono diventato direttore di un’emittente televisiva regionale, Toscana Tv, e oggi conduco programmi di intrattenimento per Sky».

Tra questi c’è Planet TV, ce ne parli?
«Il nome deriva da un progetto di un vero e proprio canale televisivo che, insieme a un socio, avrei voluto aprire. Planet TV è una trasmissione dedicata al divertimento: andiamo in giro per discoteche, feste di piazza, ed è molto seguito in Toscana. Va in onda su Sky al canale 830. In realtà mi occupo anche di altri programmi dove non appaio in prima persona, ma scrivo i testi e sono il produttore».

Ti occupi anche di insegnamento: sei infatti assistente-docente all’Università di Firenze nel Master in Pubblicità istituzionale, Comunicazione Multimediale e Creazione di Eventi. Come è nata questa esperienza?
«Tutto è partito grazie a Laura Toccafondi, giovane ragazza in gamba che da alcuni anni lavora con me. Dopo essersi laureata in Scienze delle Comunicazioni, ha intrapreso questo corso di insegnamento e io la coadiuvo. E’ un’esperienza che mi affascina molto e mi dà una grande gioia perché posso insegnare la comunicazione che, da anni, vivo sulla mia pelle».

Spesso hai presentato concorsi nazionali di bellezza. Come vedi i giovani di oggi e cosa pensi del loro desiderio di arrivare al facile successo?
«Un tempo occorreva avere delle qualità per arrivare al mezzo televisivo, oggi invece c’è così tanta scelta e tanto spazio che sembra ci sia posto per tutti. Purtroppo, però, siamo in un mondo esclusivamente di veline e tronisti. Basti guardare le ragazze ventenni di oggi: tutte vestite uguali, con lo stesso taglio di capelli o lo stesso portamento. Per fortuna esistono i concorsi di bellezza al femminile che ormai fanno parte della nostra storia. Almeno questi danno la possibilità di provare, anche solo per una volta, l’emozione di salire su un palco e di essere guardate e giudicate da un grande pubblico».

versione stampabile

 


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster