Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista ai Voice & Beat (Andreazzurra e Sergio Greco) tutte le interviste
Telegiornaliste anno IV N. 9 (134) del 10 marzo 2008

X Factor, alla ricerca delle prossime star
di Sara Di Carlo

Come si scoprono i talenti artistici nel 2008? Ma con la tv, naturalmente. Se su Canale5 imperversa Amici, la Rai risponde con X Factor, programma sbarcato in Italia dopo svariati successi ottenuti in oltre 15 Paesi europei e soprattutto in Gran Bretagna, dove è nato.
Ideato dal manager e produttore artistico Simon Cowell, il talent show - alla quarta edizione in Gran Bretagna - ha una formula molto semplice ma di sicuro appeal: trasformare un talento musicale sconosciuto in una vera e propria star.

L'edizione italiana sarà condotta da Francesco Facchinetti, ormai lanciatissimo nella carriera televisiva, dopo aver partecipato a varie manifestazioni musicali, tra le quali il Festival di Sanremo. In qualità di giudici interverranno, invece, l'onnipresente Simona Ventura, l'ombroso Morgan e la scopritrice di talenti Mara Maionchi.

Abbiamo incontrato i Voice & Beat, gruppo composto da Andreazzurra e Sergio. Il duo, che ha partecipato alle selezioni per il programma, non ha superato l'ultima fase.

La vostra sarebbe stata una partecipazione particolare: un duo, nonché una coppia. Andreazzurra, come mai non siete stati scelti?
«Inizialmente, sia io che Sergio ci siamo proposti singolarmente. L'idea di farci partecipare come duo anche nella trasmissione è venuta alla produzione. Siamo comunque stupiti di essere arrivati fino alle selezioni finali, anche se abbiamo sempre creduto molto nelle nostre capacità».

Cosa vi aspettavate da questa esperienza?
«Beh, ovviamente ci aspettavamo molte cose. Ci auguravamo che la nostra arte fosse apprezzata e che ne venisse premiata l'originalità. Quel che noi facciamo è una sorta di American culture. Qui in Italia è poco conosciuta perché forse il nostro Paese non è ancora pronto a questo genere di musica, ma noi continueremo a proporla sia come duo che come solisti».

Sergio, cos'è l'American culture?
«E' un modo di fare arte che ha le sue origini proprio in America. Oltre alla cantante, ci sono io beatboxer: il mio ruolo è quello di ricreare la musica soltanto con l'ausilio della bocca. In Italia siamo ancora in pochi a dar sfogo a questo sound particolare, mentre in America è una forma assai comune di fare musica».

Quali saranno allora le star che X Factor lancerà? Non ci resta che attendere fiduciosi.

versione stampabile

 


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster