Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Linda White Terzani tutte le interviste
Telegiornaliste anno IV N. 14 (139) del 14 aprile 2008

Linda White Terzani, un'identità a metà di Federica Santoro

«Sono nata a Londra ma vivo in Italia da quasi trent'anni, ormai. A questo punto non mi sento né straniera né italiana, sono una via di mezzo con tutto ciò che comporta».
Linda White Terzani è nata in Inghilterra, ma dal 1969 vive a Firenze dove si è trasferita dopo aver completato gli studi. Nel 2004 pubblica privatamente il libro Lost Travellers - I viaggiatori dell’anima presentato alla biblioteca del British Institute e alla FIDAPA (Federazione Italiana Donne Arti professioni Affari) di Firenze. Nel 2006 riceve una segnalazione d’onore al Premio Firenze, prestigioso concorso promosso dal Centro culturale Firenze – Europa.
Si tratta di una suggestiva ricostruzione attraverso aneddoti privati, curiosità e fotografie della vita trascorsa a Firenze di alcuni tra i più importanti scrittori dell’Otto-Novecento.

Signora Terzani, come nasce l’idea di questo libro?
«Qualche anno fa mi capitò di leggere il diario di un autore americano dell’Ottocento, Nathaniel Hawthorne. Come tanti scrittori americani e inglesi, visse in Italia alcuni anni e scrisse un libro ambientato a Roma e a Firenze. La sua fu un’esistenza molto travagliata, costantemente diviso tra l’amore per il suo Paese d’origine, l’America, e quello per l’Italia. Molti altri, come lui, vivevano questa condizione, ad esempio Dickens. Così mi decisi a raccontare le loro impressioni sulla città, la loro quotidianità, i loro amori».

Nelle pagine si incontra una Firenze misteriosa e sconosciuta che prende forma dalle memorie degli artisti che l'hanno vissuta tra la fine del Settecento e la metà Novecento. Come è riuscita a raccogliere in un solo testo le loro diverse personalità?
«Ho sentito subito una certa vicinanza con le loro storie di vita, il distacco e la difficoltà di non appartenere a nessun Paese, di non sentirsi mai veramente parte di un popolo, e un continuo senso di estraneità. Sono sentimenti che provo tutte le volte che faccio ritorno in Inghilterra. Ho provato, potrei dire, una sorta di solidarietà che mi ha spinta, giorno dopo giorno, a raccogliere notizie sulla vita di questi scrittori "maledetti" per raccontare la loro tragedia personale».

Il suo essere "straniera a metà" le è stato più d’aiuto o d’ostacolo per la sua carriera?
«Può fare comodo, ma forse costituisce un freno nell’esprimere le mie opinioni, per esempio sulla politica, in quanto non vorrei sembrare la straniera che pensa di avere tutte le risposte o la straniera che viene qui a criticare».

Il libro è ricco di sue bellissime fotografie. Quando si è accorta di questa passione? E' stato difficile essere riconosciuta come artista in un Paese dove sono gli uomini ad avere tutte le attenzioni?
«Ho iniziato scattando foto di viali, mi affascinavano le ville e i giardini, poi sono passata agli interni, e ciò che ho trovato è stata un’atmosfera magica, impossibile da raccontare, perciò ho cercato di rubarla al tempo fotografandola. E' diventato un lavoro quando, dopo aver visto le mie foto, amici e conoscenti hanno cominciato a chiedermi dei servizi. Non ho trovato difficoltà, in quanto donna, nello scrivere il mio libro ma ho avuto, come tutti, difficoltà nel pubblicarlo. Credo che entri in gioco non l'essere donna ma il fatto, purtroppo, che in questo Paese tutto dipende dalla politica o dalle conoscenze. Devo però dire che il premio avuto per il libro è arrivato senza né spinte né raccomandazioni».

Pensa a un seguito?
«Mi piacerebbe pubblicare presto una raccolta di esperienze di stranieri famosi che vivono oggi in Italia, e che si sentono come adottati da questa nuova ricca terra che li ha accolti. Un modo per far convergere passato, presente e futuro alla scoperta dell’anima. Questo libro è stato come un viaggio fatto anche dentro me stessa perciò potrei definirlo un work in progress».

Quale consiglio si sente di dare a chi volesse intraprendere la sua strada?
«Forse il momento migliore della mia vita è stato quando vivevo in un piccolo appartamento bohemienne nel centro di Firenze e mi sentivo completamente libera, anche se avevo problemi economici. Lavoravo come ragazza alla pari, poi ho fatto la commessa, l’insegnante e l’interprete. Un periodo "da soli" lo raccomando a tutti i giovani. Fa maturare e resta un ricordo indelebile per tutta la vita».

versione stampabile

 


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster