Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE NONSOLOMODA TUTTO TV PINK NEWS DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Roberta Lanfranchi   Tutte le interviste tutte le interviste
Roberta Lanfranchi intervistaTelegiornaliste anno IX N. 42 (386) del 9 dicembre 2013

Roberta Lanfranchi: Tale e quale show, radio e…
di Giuseppe Bosso

Un anno davvero soddisfacente per Roberta Lanfranchi, ex velina di Striscia la notizia (tra il 1996 e il 1999, con un’edizione saltata per la nascita del primo figlio) reduce dalla fortunata partecipazione al talent show Tale e quale show, in onda su Raiuno, dove ha riscosso grandi consensi nei panni di cantanti come Laura Pausini, Alessandra Amoroso e Jennifer Lopez; in estate ha esordito come conduttrice radiofonica su Radiouno nel programma Last Minute.

Cosa si aspettava dalla partecipazione a Tale e quale show?
«Mi ha dato una sferzata incredibile di energia e voglia di fare. Per me è stato un grande regalo professionale».

Come ha scelto le artiste da interpretare?
«Non io. I personaggi vengono assegnati dagli autori del programma».

Quest'estate come molti altri personaggi televisivi anche lei è 'caduta nella rete' della radio, a Radiouno con Last Minute: cosa ha tratto da questa esperienza?
«L'esperienza della radio è una palestra perfetta per la mente; nel caso di Last Minute si andava in diretta tutti i pomeriggi, e questo aspetto insegna e allena l'improvvisazione e la prontezza di risposta».

Qual è stato il momento più curioso di quelli che ha vissuto in radio?
«Il momento più curioso è capitato durante una puntata nella quale avrei dovuto intervistare telefonicamente due ospiti: il telefono di uno dei due era spento e l'altro irraggiungibile. All'inizio il panico, poi Io e i miei compagni d'avventura abbiamo improvvisato raccontando aneddoti» .

Era il 1996 quando la conoscevamo come velina a Striscia la notizia: l'abbiamo vista conduttrice di talk show su Rai 2 e di programmi più leggeri su La 7 - anche di programmi per ragazzi su Italia 1 - protagonista di musical e ultimamente anche attrice di fiction, oltre che le ultime esperienze che l'hanno riguardata: c'è ancora qualcosa che le piacerebbe provare?
«Amo questo mestiere in tutte le sue sfaccettature, ho studiato per poterlo fare al meglio; sono molto contenta del mio percorso artistico. Non potrei chiedere altro».

A proposito del tg satirico di Antonio Ricci: cosa pensa della novità – che ha avuto però vita breve - di quest'anno, non più veline ma velini?
«Quella di Antonio Ricci era evidentemente una provocazione: aveva detto 'quando non ci sarà più Miss Italia, io metterò i velini'; direi che è stato di parola, come sempre».

Non trova che negli ultimi anni il termine 'velina' sia stato spesso usato a sproposito per definire ragazze che non avevano nulla a che vedere con quello che, a suo tempo, era stata lei in coppia con Marina Graziani?
«Le veline sono sempre state le ragazze in minigonna o shorts che, ballando, portano la notizia ai conduttori. Sono diventate l'idolo delle ragazzine per il loro modo di vestire, di truccarsi o per la musica utilizzata per i vari stacchetti ballati. sono poi diventate il modello da non seguire o da condannare per l'abbigliamento troppo succinto; ad ogni modo, ognuno la veda come vuole. Rimane il fatto che io senza quel programma non sarei diventata quella che sono oggi. Quindi, sempre grazie Striscia!».

Ripensando al suo percorso professionale, c'è qualcosa che rimpiange di aver fatto e che non ripeterebbe?
«Sono molto fortunata per avere avuto la possibilità di intraprendere la carriera che ho sempre sognato; rifarei tutto col sorriso e la stessa grinta».

Per concludere: da grande sarà...?
«Una donna soddisfatta, con qualche ruga e una bellissima famiglia su cui contare».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE NONSOLOMODA TUTTO TV PINK NEWS DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster