Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Cecilia Primerano   Tutte le interviste tutte le interviste
Cecilia PrimeranoTelegiornaliste anno X N. 13 (401) del 7 aprile 2014

Cecilia Primerano:
è necessario raccontare la politica con obiettività

di Antonia Del Sambro

Cecilia Primerano è una delle giornaliste Rai più eclettiche: da anni si occupa di politica e di politici italiani con interviste, servizi e approfondimenti e da qualche tempo è anche una delle anchorwoman delle edizioni notturne del Tg1. Un mestiere che fa ogni giorno con meticolosità ma anche con tanta passione e tanta voglia di raccontare.

Cecilia, lei è uno dei volti femminili nella conduzione del Tg1, ma chi la segue da tempo conosce anche i suoi accurati servizi politici per la trasmissione Porta a Porta, è difficile in questo momento storico raccontare la politica italiana agli spettatori?
«È una fase politica molto interessante da seguire e raccontare. In poco più di un anno abbiamo già all'attivo due governi, prima quello Letta e ora quello Renzi, che si presenta al Paese come l'esecutivo del vero cambiamento. Il Presidente del Consiglio ha lanciato la sua sfida all'intera classe dirigente: fare quelle riforme strutturali e costituzionali ormai imprescindibili, ci ha messo la faccia, è in gioco il suo futuro e anche quello dell'Italia. Il quadro è desolante: famiglie che non arrivano a fine mese, un tasso di disoccupazione allarmante, imprese che chiudono… vedremo se ce la farà, se i partiti collaboreranno davvero sulle riforme. Intanto ci sono le elezioni europee, primo test per tutti: per Renzi, per il Pd in fibrillazione, per Forza Italia che deve fare i conti con l'agibilità politica di Berlusconi compromessa dalla sentenza dei giudici milanesi, per Alfano impegnato nella costruzione di un nuovo centrodestra con Casini, per Grillo che ha portato il Movimento 5 Stelle nel Palazzo e ora punta a Bruxelles con la sua campagna antieuro... raccontare la politica non è complicato, bisogna avere esperienza e conoscenza della materia; è necessario scrivere soprattutto con obiettività».

Negli ultimi mesi lei si alterna con altre brave colleghe nella conduzione del Tg1 60 secondi e nel Tg1 Notte: come si riassumono tante notizie in così poco tempo?
«Sintesi e velocità per il Tg1 60 secondi; 5-6 notizie, le più importanti della giornata, quelle dell'ultima ora; scrittura essenziale: il 'fatto' innanzitutto. L'approfondimento arriva con l'edizione successiva, il Tg1Notte; una bella sfida, ma vengo dal mondo della radio. Ricordo, ad esempio, i tempi della Bicamerale sulle riforme, quando dovevo raccontare in 45 secondi lo stato dei lavori dell'organismo parlamentare per il notiziario radiofonico; una grande palestra. Ecco perché consiglio a chi vuole diventare giornalista di fare un'esperienza nel mondo delle radio. Nel Tg parlano le immagini, alla radio il testo è tutto».

Che ne dice di raccontarci il suo primo giorno in Rai?
«Il primo giorno in Rai risale a 15 anni fa, alla redazione di Porta a Porta; ero molto emozionata perché finalmente ero riuscita ad entrare nella squadra di Bruno Vespa: dovevo scrivere e 'girare' il ritratto di due politici di primo piano in corsa per la segreteria del partito: feci tante di quelle telefonate tra i loro familiari, amici e conoscenti che i due mi chiamarono incuriositi per capire cosa avevo scoperto; era il mio primo servizio e non volevo deludere Vespa che mi aveva presa a lavorare con lui, dopo avermi notata con il microfono di Rtl 102.5 arrivare dappertutto e dribblare la concorrenza; il primo servizio di una lunghissima serie: a Vespa mi legano un grande affetto e un'immensa riconoscenza».

Cosa faceva prima di arrivare al telegiornalismo: da piccola pensava già di voler apparire in televisione?
«Da piccola volevo essere una ballerina classica. Ho studiato danza per 15 anni, ho fatto anche un esame all'accademia di Roma; quando ho lasciato è stato un grande dolore, per anni non ho voluto vedere uno spettacolo di danza. L'altra passione era il giornalismo: mi sono laureata in Lettere con indirizzo storico a Firenze e ho insegnato qualche mese in un Liceo di Catanzaro, la mia città; poi la partenza per Milano, i primi passi da giornalista in alcune radio dell'hinterland milanese e gli articoli per alcuni settimanali della Mondadori; da Milano a Roma per entrare ad Rtl, il grosso network radiofonico nazionale. Insomma tanta gavetta prima di approdare in tv, prima da Vespa e poi al Tg1, il mio obiettivo di sempre».

Ci dica il sogno che ha ancora nel cassetto e che le piacerebbe realizzare, lavorativamente parlando.
«Oggi scrivo sempre di politica e faccio la conduttrice del Tg. Mi piacerebbe occuparmi di esteri ma chissà… certo è che non mi fermo mai».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster