Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Elena Ballerini   Tutte le interviste tutte le interviste
Elena BalleriniTelegiornaliste anno X N. 33 (421) del 13 ottobre 2014

Elena Ballerini: sognavo Mezzogiorno in famiglia
di Giuseppe Bosso

Grandi novità nella nuova edizione di Mezzogiorno in famiglia, contenitore del week end in onda su Raidue; oltre ad Alessia Ventura che ha sostituito Laura Barriales al fianco di Amadeus in conduzione, sono cambiate anche le inviate in giro per i paesi in gara: al posto di Roberta Gangeri e delle gemelle Laura e Silvia Squizzato sono infatti arrivate l’ex Miss Italia Manila Nazzaro e la protagonista della nostra intervista, Elena Ballerini: genovese, con alle spalle diverse esperienze anche come attrice, nella fiction Un matrimonio di Pupi Avati e nel film Maldamore, si è subito calata con entusiasmo nella nuova avventura che settimana dopo settimana la sta portando alla scoperta del nostro Paese.

Come sei arrivata a Mezzogiorno in famiglia?
«Ho iniziato il mio percorso sulle reti Rai partendo da Rai Gulp e approdando poi su Raidue. Ho sostenuto molteplici colloqui e prove per poter diventare presentatrice dei collegamenti di Mezzogiorno in famiglia perché era un programma che avevo puntato da tempo. Fino all'ultimo non ci ho creduto».

Cosa ti aspetti da questa esperienza?
«Innanzi tutto è la realizzazione di un sogno e posso dire che non è un mezzo ma già un fine: ma spero che mi possa consolidare come presentatrice e mi possa avvicinare al grande pubblico. La vivo anche come una grande formazione artistica: non tutti hanno la fortuna di poter essere diretti da Michele Guardì».

Tu e Manila Nazzaro subentrate alle sorelle Squizzato e a Roberta Gangeri, che ormai erano diventate le inviate storiche del programma sempre accolte con affetto ed entusiasmo nei paesi concorrenti: non temete le incognite che possono derivare da questo punto di vista nel cambio?
«Le seguivo e le apprezzavo molto. Ma spero che riusciremo a farci volere bene anche noi: tutto dipende sempre dal modo di porsi, e sia a Manila che a me piace molto il contatto con la gente. Con Manila posso dire che non c'è soltanto un rapporto fra colleghe ma che siamo proprio diventate amiche, e dopo ogni diretta ci telefoniamo e ci confrontiamo sulle realtà dei luoghi dove siamo state e fin d’ora ci hanno accolte incoraggiandoci e con grande affetto. Quest'anno poi il programma è stato rinnovato in diversi aspetti: c'è Alessia Ventura come conduttrice in studio e ci sono anche le due dj Jas&Jay che apportano un importante contributo musicale. Poi le colonne storiche come Amadeus, Sergio Friscia, il maestro Mazza e Paolo Fox sono rimaste e ci hanno accolto con tanta energia, trasmettendoci molto carica».

Come cercherai di porti nei confronti delle varie comunità che avrai modo di conoscere?
«Sono molto curiosa e amo viaggiare; è da quando sono ragazzina che vivo con la valigia, perciò è il programma giusto per me. Sono davvero felice di poter avere un contatto diretto con la gente perché mi arricchisce molto e mi permette di essere a contatto con diverse culture».

Avrai modo anche di far conoscere realtà del nostro Paese spesso sconosciute al grande pubblico: avverti questa responsabilità?
«Sì, molto e mi affascina l'idea di conoscere l'Italia attraverso le sue località più suggestive e tipiche, di poter scoprire nuove tradizioni e realtà e di poterle condividere con gli spettatori a casa».

Passi da un target principalmente giovanile (Rai Gulp e il programma musicale che hai condotto con Perla Pendenza) a uno più familiare: per te cosa comporta questo cambiamento?
«È certamente una novità, ma fa parte del nostro mestiere sapersi adattare ai diversi target. L'evoluzione rappresenta sempre una crescita: comunque io non stravolgo il mio modo di essere, ma mi pongo sempre come Elena in ogni programma».

Questo nuovo ruolo di inviata interferirà con il tuo lavoro di attrice?
«Devo ancora prendere le misure con la trasmissione perché attualmente ha la precedenza su tutto e voglio dare il massimo. Poi spero di poter portare avanti entrambe le cose».

Come ti vedi tra dieci anni?
«Spero di vedermi in televisione! Vorrei tanto una famiglia e poter guardare l'orizzonte sapendo che oltre c'è sempre qualcosa da vivere ancora».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster