Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Alice Pedrini   Tutte le interviste tutte le interviste
Alice PedriniTelegiornaliste anno XI N. 39 (470) del 30 novembre 2015

Alice Pedrini.
Come abbiamo vissuto la tragedia del 13 novembre

di Giuseppe Bosso

Alice Pedrini, professionista dal 2008, lavora a Mediaset da quasi dieci anni: dagli inizi con Paolo Del Debbio alla striscia Secondo voi adesso è impegnata tutti i giorni nella redazione di Mattino Cinque, il contenitore mattutino condotto da Federica Panicucci e Federico Novella.

La tua giornata tipo.
«Mi alzo presto, alle 5:30, e dopo aver dato uno sguardo alle prime pagine dei giornali e ai vari siti di testate e news, vado in redazione a Mattino Cinque, due ore prima dell’inizio della puntata; poi, nel resto della giornata, si alternano varie riunioni, fino a quella delle 13, dove decidiamo gli argomenti da affrontare per il giorno dopo».

Come hai vissuto, da giornalista e da spettatrice, Expo e cosa pensi lascerà nel corso degli anni?
«Non l’ho vissuta direttamente da giornalista, visto che la redazione si è affidata ad un altro collega per raccontare le varie giornate; ci sono stata come spettatrice, ricavandone una buona impressione».

Raccontaci come avete vissuto in redazione il 13 novembre, giorno tristemente destinato a rimanere impresso nella storia.
«Decisamente caotica, visto che l’attentato è avvenuto il venerdì notte, stravolgendo la scaletta che avevamo predisposto per la settimana successiva. Da un punto di vista strettamente professionale, come giornalista è stata sicuramente un’esperienza piena di adrenalina, vivere in tempo reale un evento così, ma ovviamente si aggiungevano gli aspetti umani di angoscia e dolore per una tragedia come questa».

Polemica ha suscitato la scelta di affidare completamente la gestione della giornata, su Canale 5, al programma di Barbara D’Urso: cosa ne pensi?
«Rispetto la scelta aziendale, che è stata comunque presa tenendo conto di dover fronteggiare una concorrenza che si è mossa in modo sostanzialmente simile, almeno su Rai 1».

Tante donne in redazione a TgCom 24: avverti complicità o concorrenza tra di voi?
«Dietro le quinte non ho mai vissuto rivalità con le mie colleghe, con le quali anzi mi sento moltissimo in sintonia; c’è molta complicità e sono anche nate belle amicizie che si sviluppano al di fuori del lavoro».

Seguendoti nel corso degli anni tramite il nostro forum notiamo che da un taglio corto sei passato a una lunga capigliatura: ti piace variare nel look?
«A dire il vero no; ti riferisci sicuramente al periodo in cui avevo deciso, come fanno di solito le donne quando vogliono dare un cambiamento alla loro vita partendo dai capelli, di puntare su un taglio corto e scuro, mentre invece normalmente sono come mi vedete adesso, bionda e lunga. Tendenzialmente non cambio così frequentemente».

Cosa vedi nel domani?
«Per il mondo temo inizierà un periodo difficile dopo Parigi; per l’Italia vedo segnali di ripresa, dopo una lunga fase di ‘buio’, che si sta man mano dissolvendo».

C’è tempo per gli affetti con un ritmo di vita così intenso?
«Certamente: credo che se vivi la vita con passione, riesci anche a ritagliarti degli spazi per te, ed è quello che faccio, coltivando altri interessi e dedicandomi al mio compagno».

La notizia che speri di dare nel 2016.
«Magari sarà una cosa più circoscritta, ma mi piacerebbe poter dire che Mediaset prosegue nelle assunzioni di giovani promettenti, come ha fatto negli ultimi anni. E sperando di poter dire lo stesso anche per altri settori».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster