Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Martina Maltagliati   Tutte le interviste tutte le interviste
Martina MaltagliatiTelegiornaliste anno XII N. 27 (500) del 28 settembre 2016

Martina Maltagliati, l'assoluzione di Nuzzi un segnale positivo per il nostro lavoro
di Giuseppe Bosso

Ligure, da quattro anni in forza a Tgcom 24 e a Quarto Grado, incontriamo Martina Maltagliati.

Come ti sei sentita alla tua prima conduzione delle news di Tgcom 24?
«Esperienza completamente diversa rispetto al lavoro che avevo fatto fino a quel momento, per ritmi e modalità; è stato un completamento per il mio percorso professionale, stare dietro minuto per minuto alla notizia ed essere pronta a darle in tempo reale al pubblico cercando di essere più completi e professionali possibili, sotto la supervisione del direttore Paolo Liguori che scrupolosamente controlla che siamo sempre pronti e attivi sul pezzo. È questo il privilegio di fare informazione, anche se non mancano momenti di alta tensione come quelli che abbiamo vissuto in estate».

Come ti sei sentita accolta in redazione, da colleghe e colleghi più esperti?
«Come in una famiglia molto solida e unita, dove anche tra noi, tante donne giovani e di bell’aspetto non c’è competizione, come è giusto che sia con tempi di lavoro fatti di turni di otto ore che non consentono di perdere tempo in stupidaggini; sono grata soprattutto a Manuela Boselli che fin dall’inizio mi ha aiutata a capire il funzionamento del touch screen, come alle altre colleghe veterane dalle quali apprendo ogni giorno sempre cose nuove; soprattutto abbiamo la fortuna di poter far riferimento su un capo redattore come Alberto Baracchini, e persone che si vedono meno in video come Andrea Saronni, che fanno sì che ogni giorno il miracolo delle lunghe direte si compia».

Quale deve essere il ruolo dell’informazione in un momento di grandi emergenze come quello che stiamo vivendo?
«Anzitutto l’informazione non deve mai drogarsi di ‘panza’ e personali idee politiche, essere l’occhio un po’più lungo del cittadino-spettatore su quello che accade, la telecamera che racconta il mondo non solo per analizzare un problema ma anche, se possibile, prevenirlo, dando una notizia ‘filtrata’ esclusivamente per brevità di tempo e semplicità per la comprensione delle persone».

Come hai vissuto il difficile periodo che ha attraversato Nuzzi?
«Gianluigi Nuzzi ha vissuto un anno davvero ‘impegnativo’, che però non gli ha impedito di seguire con la professionalità e l’attenzione di sempre l’andamento del programma, che ha chiuso con ottimi ascolti e grandi consensi della critica. Abbiamo la fortuna di essere una ‘famiglia’ che oltre che su un ‘papà’ come lui – entrato in corsa al posto di Salvo Sottile senza farlo mai rimpiangere – può contare su una ‘mamma’ come Siria Magri, che sei anni fa ha progettato questo programma e lo porta avanti con entusiasmo. È un bene che la sua esperienza si sia chiusa con un’assoluzione che gli permette di continuare ad avanti a testa alta nella missione massima del giornalista, raccontare sempre la verità, anche se ci si può imbattere in una corte o un tribunale che ti intimano di non farlo. I momenti di paura e di tensione non sono mancati, ma Gianluigi rimane un esempio e un monito da seguire per noi».

Segui accorgimenti dal punto di vista del look?
«Un aspetto che sto cercando di sistemare – ride, ndr – visto che ai tempi in cui ero inviata non prestavo particolare attenzione a cosa mettermi per andare in strada… lavorando a Quarto Grado, con situazioni e momenti di grande dolore. Da mezzobusto il discorso è diverso, eleganza e pulizia sono indispensabili per ‘entrare in casa’ della gente che ti guarda, quindi giacche mai troppo scollate e assolutamente vietato far vedere le spalle».

Che idea ti sei fatta di Telegiornaliste?
«Siete molto importanti per noi che facciamo questo lavoro, dandoci anche modo di parlare di noi e del nostro lavoro».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster