Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Valentina Mari   Tutte le interviste tutte le interviste
Valentina MariTelegiornaliste anno XII N. 26 (499) del 21 settembre 2016

Valentina Mari.
Selvaggia Lucarelli per me la Gossip girl italiana

di Giuseppe Bosso

Veronica Mars, Gossip Girl; e poi Natalie Portman, Mischa Barton solo per citarne alcune. Personaggi di serie cult o attrici di successo che, nelle loro versioni italiane, sono riconducibili alla sua voce. Incontriamo Valentina Mari.

Dove potremo ‘ascoltarla’ prossimamente?
«Tra le ultime cose tengo molto a Il Papa giovane, serie realizzata da Paolo Sorrentino, che sono sicura piacerà».

Una nuova generazione di doppiatori si sta affermando, senza avere alle spalle un cognome pesante o già inserito nel mestiere: come si trova a confrontarsi con queste nuove leve?
«Dipende dalla persona: può capitare sia il ragazzo (o ragazza) voglioso di imparare così come chi pensa già di essere arrivato… invece non si finisce mai; i professionisti che valgono per me sono tali anche nel modo di comportarsi, nel rapportarsi alle persone e paradossalmente i più presuntuosi sono proprio quelli che valgono di meno alla fine».

Molti figli di sue colleghe si stanno avventurando nei loro primi lavori: è così anche per i suoi?
«Ho un maschio e una femmina, stanno cominciando: a uno piace di più, all’altro di meno, fanno anche tante altre cose... l’importante è che facciano quello che vorranno e che sapranno fare, e lo facciano bene».

Laura Latini, Vittorio De Angelis, Dante Biagioni sono alcuni dei suoi colleghi purtroppo venuti a mancare negli ultimi anni: come li ricorda?
«Non è facile rispondere a una domanda che ti colpisce al cuore; preferisco limitarmi a degli aggettivi per loro: Laura donna gioiosa, Vittorio pacato e pungente, Dante ironico.

Come a molte sue colleghe agli inizi le è capitato anche di prestare voce a personaggi maschili, e ha dichiarato in un’altra intervista di averlo fatto con poco piacere: si è mai confrontata su questo aspetto con le sue colleghe?
«No. Era una cosa che facevo agli inizi, da piccolina, ormai è passato tanto tempo (ride, ndr) non credo lo potrei fare ancora, e non per una questione vocale ma piuttosto di maturità... i bambini sono freschi, veri , spontanei, ingenui...».

Quali sono le attrici e i personaggi a cui si sente maggiormente legata?
«Più che un’attrice o un personaggio in particolare posso dire che mi riconosco maggiormente in ruoli romantici e sognatori, come Claire Daniels in Romeo e Giulietta o Natalie Portman in Leon, in cui malgrado la durezza della trama c’era anche tanto sentimento dietro; meno mi piacciono i ruoli piatti, dove c’è poco da esprimere».

Chiudiamo con una battuta: chi potrebbe essere secondo lei la Gossip girl italiana?
«Selvaggia Lucarelli!».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster