Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Barbara Scarpettini (3)   Tutte le interviste tutte le interviste
Barbara ScarpettiniTelegiornaliste anno XIII N. 24 (534) del 6 settembre 2017

Barbara Scarpettini, il mio traguardo nel cuore
di Giuseppe Bosso

Abbiamo nuovamente il piacere di incontrare Barbara Scarpettini, per parlare di Il traguardo nel cuore – due minuti che valgono una vita, edito da Eclettica, in libreria da poco ma già grande successo. Un racconto intenso e coinvolgente con cui la giornalista apre il cuore agli ultimi, difficili, anni che ha vissuto.

Barbara, cosa ti ha spinto a raccontare la tua storia in questo libro?
«Avevo il desiderio di dedicare una vittoria alla mia mamma, una maratoneta, che era considerata un vero e proprio fenomeno; ho praticato anch’io atletica leggera, salto in lungo, con lei che mi accompagnava, ma alla fine capii che piuttosto che praticarlo lo sport mi piaceva raccontarlo, e così ho iniziato la mia carriera da giornalista; e nel libro racconto proprio questo ‘viaggio’ che ho vissuto fin da ragazzina; poi ho iniziato ad occuparmi di ippica, e siccome per raccontare questa disciplina è bene anche saperla praticare ho iniziato anche a partecipare a qualche gara al trotto, cosa che mi è piaciuta; poi nel 2012, finita l’esperienza a Canale 21 con Michele Plastino ho scoperto di avere il cancro; dopo nemmeno un mese anche mia madre scopre purtroppo di avere incontrato quello che chiamo “bastardo”; abbiamo così iniziato a fare insieme chemioterapia, finché lei è morta. Io ho continuato le cure, le terapie, andando in video con la parrucca; sentii che mancava qualcosa alla mia via, la morte di mia madre seguita a quella di mio padre che persi giovanissima a metà degli anni ’90 era stata un’ulteriore mazzata; il solo fatto di non poter dire più mamma è una tortura; così, quando ho iniziato a riprendere in mano la mia vita, ho deciso di onorare il suo ricordo risalendo a cavallo, al trotto; l’oncologa che mi seguiva non era molto convinta di questa mia scelta, appena due anni dopo l’intervento; ma il richiamo della pista è stato come il canto delle sirene per i marinai, ed ecco quello che è il sottotitolo del libro, due minuti che valgono una vita».

Parlare di un argomento doloroso come la perdita di tua madre non ti ha creato difficoltà?
«Andare in video con la malattia e il dolore per la sua perdita è stato il mio inferno, non lo nego. Proprio per questo ho cercato di dare un senso a questa tragedia con il libro. La cosa più difficile è stato il fatto di dover andare a rileggere tutte le cartelle cliniche, mie e sue, fin dal primo giorno, quella diagnosi; è stato come riaprire una ferita, ma era importante onorare la sua memoria come ti dicevo, continuare a vivere e a correre per lei, che quando ha saputo della mia malattia ha fatto un voto, prima di scoprire di essere malata anche lei, e cioè che avrebbe smesso di correre purché guarissi. Così ho ripreso a correre proprio perché attraverso questo lei potesse rivivere attraverso me».

Un gesto d’amore verso tua madre ma anche un messaggio per chi, come voi, ha incontrato lo stesso ‘bastardo’.
«Sì, ho cercato anche di dare speranza, con l’amore si può guarire».

Prefazione di Giancarlo Antognoni, un campione del mondo: com’è nata?
«Anzitutto per la nostra amicizia che dura da anni; e poi per la stima che nutro per Giancarlo, un uomo e uno sportivo che ha sofferto anche lui nella sua carriera, infortuni gravissimi come lo scontro con Silvano Martina (portiere del Genoa, in una partita di campionato proprio pochi mesi prima del Mondiale di Spagna ’82 vinto dall’Italia, ndr); solo un campione come lui che ha sofferto e ha saputo sempre rialzarsi poteva fare una prefazione che riuscisse come il resto del libro a trasmettere il messaggio che l’amore per la vita aiuta a superare tutto».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster