Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Daniela Valenzi   Tutte le interviste tutte le interviste
Daniela ValenziTelegiornaliste anno XIII N. 20 (530) del 7 giugno 2017

Daniela Valenzi, vi racconto la mia Passarella da Sogno
di Alessandra Paparelli

Incontriamo Daniela Valenzi, imprenditrice nella moda, curatrice e ideatrice di un importante evento quale Passerella Da Sogno.

Come hai iniziato la tua attività?
«Ho iniziato da piccola: studiavo ma la passione per il mondo dello spettacolo mi ha sempre attirata; inizio con le radio private e faccio la speaker per alcuni anni in radio molto note, successivamente giornalista pubblicista e lavoro per alcuni anni all'agenzia giornalistica Area. Sentivo però che mi mancava qualcosa dato che la mia passione è sempre stata quella della moda: iniziai quindi ad addentrarmi in questo meraviglioso seppur complicato mondo».

Sei una persona che usa molto la creatività?
«Sono una creativa, mi piace organizzare nonché stare dietro le quinte per poi vedere i risultati di ciò che ho prodotto: sono molto autocritica quindi con molta umiltà se commetto errori, ne traggo insegnamento».

Un mondo prettamente maschile aperto però ormai anche alle donne: che difficoltà hai trovato nel tuo percorso lavorativo, come donna?
«L'imprenditoria femminile è sicuramente in crescita, ma le difficoltà sono ancora tante: la donna deve fare i conti con una serie di problematiche poiché oltre al lavoro ci sono famiglia, figli e non è facile coniugare vita privata e lavoro, soprattutto quando si è a capo di un’impresa; la donna è forte e se vuole raggiungere un obiettivo ci mette tutte le proprie forze per raggiungerlo ed alla fine ci riesce».

Come si può risollevare, valorizzare e aiutare la piccola e media impresa?
«Credo che le piccole e medie imprese, che oggi purtroppo soffrono di una crisi evidente e palese, potrebbero risollevare le proprie sorti se solo le grandi aziende e le banche rischiassero maggiormente, dando fiducia e investendo in quei settori che stanno morendo; questo significherebbe produrre lavoro e dal lavoro si produce denaro. Ho semplificato molto, ma il concetto è questo: il denaro c'è ma non gira, o meglio gira sempre in grandi realtà e questo penalizza i più deboli; bisognerebbe aiutare chi vuole lavorare in maniera autonoma ad esempio rendendo più semplice l'accesso al credito per le imprese che, secondo un sondaggio, sembra essere maggiormente disponibile per gli uomini piuttosto che per le donne».

Parliamo di moda, entriamo nel tecnico: la creatività è appannaggio del mondo maschile?
«Se parliamo di moda posso dire che è una bella lotta: conosco stilisti che a livello creativo lo sono molto di più e hanno una grandissima creatività. Però la donna ha un tale universo dentro che la creatività e la fantasia sono proprio nel suo dna».

Parliamo di Passerella da Sogno, di che si tratta e come è nata?
«Passerella da Sogno è un contest per giovani stilisti emergenti patrocinato dalla Regione Lazio e dalla Camera Nazionale Moda e Costume: l’obiettivo primario è quello di dare un’opportunità agli emergenti fashion designer italiani ed essere una vetrina per le loro creazioni, sottolineando la vitale importanza della creatività giovane e del Made in Italy come fonte di sviluppo, crescita e rinascita; gli stilisti partecipanti non versano né quote né iscrizioni, per dare modo a tutti di partecipare».

A breve un evento importante che riguarda proprio Passerella da Sogno: parlaci dell’importante kermesse.
«Inizierà sabato 24 giugno nella suggestiva Street di Cinecittà World: alla sua II edizione, quest'anno vede partecipazioni di alto livello; i giovani fashion designers presenteranno le loro creazioni al cospetto di una giuria d'élite che vede come Presidente lo stilista di fama Internazionale Anton Giulio Grande il quale durante la serata verrà premiato dal consigliere della Regione Lazio per Forza Italia Adriano Palozzi; avremo anche la Dott.ssa Ling Yan in rappresentanza della Cina, produttrice cinema e settore moda italiana. A presentare la kermesse, il conduttore Sky e Rai Anthony Peth. Tante le presenze autorevoli in vari campi che ne prenderanno parte: un momento molto romantico sarà quello con le splendide creazioni dell'Atelier Spose, Paola Cipriani Couture. Inoltre, Passerella da Sogno sbarca anche a Napoli, presente una delegazione cinese in un contesto magico, da sogno».

Come riesci a conciliare i tuoi impegni di imprenditrice di successo con quelli di madre e moglie?
«Naturalmente lavoro molto e a volte il mio lavoro mi porta lontano dalla famiglia che, tengo a sottolineare, resta la mia priorità. Ho una figlia, un nipote che adoro e grazie a Dio ho ancora una mamma, riesco comunque a gestire e fare tutto».

Come coltivi i rapporti umani all’interno di un mondo bellissimo ma complesso come quello della moda?
«Le soddisfazioni, la credibilità, le proposte che sto ricevendo, la fiducia di tante persone con le quali oltre il lavoro si è instaurato un rapporto di grande affetto mi rendono entusiasta; credo che la parte umana, l’umanità, i valori e avere una squadra che ti supporta e crede nel mio lavoro e nei miei progetti sia già un grande traguardo»

Un sogno realizzato o ancora da realizzare? Cosa ti auguri per il futuro?
«Sogno, sogno molto e sognare aiuta: spero che il mio Contest un giorno possa diventare un punto di riferimento per tanti giovani che vogliono intraprendere questa professione, sono loro il nostro futuro. Colgo l’occasione per invitare le aziende sperando che tante altre ancora sposino questo progetto, per dare modo a Passerella da sogno di migliorare e cresce ancora».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster