Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Grazia Rongo   Tutte le interviste tutte le interviste
Grazia RongoTelegiornaliste anno XIV N. 8 (555) del 28 febbraio 2018

Grazia Rongo, la mia vita tra Telenorba e Greis
di Giuseppe Bosso

Volto di Telenorba da 10 anni, incontriamo Grazia Rongo.

La tua giornata tipo.
«Dipende dai turni, posso alzarmi alle 3.15 per essere alle quattro in redazione se ho la prima diretta delle sei, fino alle 10.30; in ogni caso le mie giornate sono caratterizzate dal lavoro, cambia in base agli impegni; quando ho turni diversi, mi alzo comunque presto (ho un gatto che mi fa da sveglia! ride ndr) leggo i quotidiani, vedo i notiziari… facciamo un mestiere che non ci fa mai smettere di lavorare».

Ti sta stretta la tv locale?
«No, anzi, mi piace tantissimo. Penso che l’informazione locale sia importantissima, la gente vuole sapere cosa succede attorno a sé, ed ho la fortuna di lavorare in un network seguito con molto affetto dalla gente. Una cosa che mi inorgoglisce molto».

Cosa rappresenta per te Telenorba?
«Fin da ragazzina sognavo di lavorare qui, per me era un punto d’arrivo, sono felice di averlo raggiunto e di esserci rimasta».

Ad Apulia tv eri l'unica giornalista: è stata per te una buona palestra questa situazione?
«Lavorare da soli non è mai una buona palestra: professionalmente si può crescere solo grazie al confronto con i colleghi e sotto la guida di un direttore. Ero molto giovane, erano i primi passi ed è stata comunque un'esperienza importante».

In questi anni quali sono state le esperienze che ti hanno maggiormente coinvolta?
«Non posso dimenticare quando stavo per andare in onda e arrivò la notizia di un bambino caduto in un pozzo a Gravina. Durante le operazioni di soccorso per tirarlo fuori, furono scoperti i corpi di Ciccio e Tore, scomparsi quasi due anni prima. O anche il ritrovamento di Sarah Scazzi, la tragedia ferroviaria...per non citare solo momenti tragici, ricordo anche la diretta dal Molise per la visita di Papa Francesco».

Cronaca nera, negli ultimi giorni purtroppo alla massima attenzione dopo i fatti di Macerata: a livello locale come pensi debba comportarsi l’informazione?
«L'informazione locale deve essere la prima ad arrivare sul posto; ricorderete nell’estate 2012 la bomba alla scuola Morvillo di Brindisi. Ero in redazione quella mattina quando la collega che era sul posto chiamò per avvisarci di quello che stava succedendo; alle 7 e mezza eravamo in diretta e proseguimmo ad oltranza. Non so come abbiano lavorato i colleghi di Macerata, ma posso immaginare come si siano sentiti di fronte a questa tragedia. Sta tutto nel tempismo, nell’esserci. I nuovi strumenti di lavoro, come gli smartphone per esempio, permettono una maggiore reattività. Il fine deve essere la lealtà verso il pubblico, informare in modo corretto, puntuale e obiettivo».

Greis Grazia RongoQuanto è importante per te l’immagine?
«È importante, perché andare in televisione significa entrare in casa delle persone, e occorre presentarsi in modo sempre curato ed ordinato, per rapportarsi con la gente in modo appropriato».

Hai anche ispirato un fumetto...
«Sì – ride, ndr – il personaggio di Greis. Non l'ho ispirato, Greis sono io. Ho iniziato a disegnarla quando avevo sedici anni; lo avevo un po’ accantonato, poi un anno e mezzo fa ho ricominciato a disegnarla, in veste giornalista, con una pagina Facebook sempre aperta dove pubblico questi disegni. Non mi aspettavo che potessero piacere; recentemente mi è capitato durante una conferenza stampa di essere avvicinata da una donna che non conoscevo e che mi ha fatto i complimenti per i fumetti, non me lo sarei mai aspettata. È una cosa divertente, un hobby. Nei miei disegni c'è il lavoro ma anche la mia vita di donna di tutti i giorni e poi il mio gatto, Otello. Fa sorridere e questo mi piace molto».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster