Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Jessica Maccario   Tutte le interviste tutte le interviste
Starlight Jessica MaccarioTelegiornaliste anno XIV N. 8 (555) del 28 febbraio 2018

Jessica Maccario, vi presento Starlight
di Tiziana Cazziero

L’autrice Jessica Maccario ci parla della nuova collana editoriale Starlight.

Ciao Jessica e grazie per aver accettato di scambiare quattro chiacchiere. Autrice di romance e fantasy, decidi di occuparti di una nuova collana editoriale la Starlight, come mai questa scelta e com’è avvenuto questo incontro con l’editore di questa collana?
«Ciao, grazie mille a te per l’invito! Pubblico da poco più di quattro anni, ma sono entrata nel mondo editoriale cinque anni fa come valutatrice di manoscritti per diverse case editrici, ho avuto occasione di lavorare con Libro Aperto, la Butterfly e la Ruota edizioni e di collaborare con più autori nella correzione dei testi. Sono approdata a questa collana attraverso una selezione di Pubme che cercava direttori per i diversi generi, io ho scelto il fantasy e ho iniziato a pensare al nome, al sito, alla pagina facebook e via dicendo. La collana è nata a ottobre ma c’è bisogno di tempo per organizzarsi il lavoro, i primi due mesi sono stati intensi e hanno riguardato principalmente la promozione, la ricerca di collaborazioni e l’organizzazione generale, poi sono cominciate le prime letture e pubblicazioni. Ora fa ufficialmente parte, insieme ad altre collane, del marchio PubGold attraverso il quale Pubme ha pubblicato in passato dei libri; tuttavia, ciascuna collana si muove in modo indipendente nel suo genere. La mia pubblica soltanto racconti e romanzi fantasy, di qualsiasi sottogenere. Io valuto, correggo e aiuto nella promozione mentre Pubme si occupa della distribuzione e degli aspetti più burocratici».

Parlaci di te come autrice? Quando hai cominciato a fare i primi passi nel mondo editoriale?
«Ho iniziato a scrivere romanzi alle scuole medie, ma l’idea di pubblicare è venuta dopo, alla fine delle superiori. Sono un’autrice romantica, quindi nei miei scritti non mancano mai i sentimenti, e mi piace trattare tematiche attuali che possano condurre alla riflessione. Ho parlato del mondo della droga, dell’omosessualità, dell’emarginazione, delle proprie paure e del coraggio di affrontarle, della realizzazione dei propri sogni. Nel fantasy sono meno ancorata alla quotidianità, mi piace spaziare di più con la fantasia, ma i personaggi fanno comunque un percorso di crescita, in particolare Peter, che da timido e solitario ragazzo impara ad aprirsi con gli altri, allacciare amicizie e contare di più sulle sue capacità».

Quali sono le tue opere fin ora pubblicate? Chi sono i lettori cui ti rivolgi?
«Ho esordito nel 2013 con Bibliotheka edizioni pubblicando il fantasy Insieme verso la libertà, scelto durante un concorso. In seguito sono passata al self publishing e, affidandomi a grafici e correttori che potessero aiutarmi a rendere migliore il lavoro, ho pubblicato la duologia rosa In volo con te e Questo viaggio è per sempre, il romantic suspense Io ti libererò e ho continuato la serie fantasy de Gli Elementali, che quest’anno terminerò. Ho scritto anche diversi racconti usciti in antologie con altri autori, che mi hanno arricchita molto. L’ultima in ordine di tempo è l’antologia Non c’era una volta con la rivisitazione delle fiabe in chiave moderna in cui si trova il mio racconto La Sirenetta al College, curata dall’Associazione Seu (Scrittori Emergenti Uniti) di cui faccio parte. Pubblico sia online che in cartaceo, quindi il mio pubblico è soprattutto di donne che frequentano i social o di persone che incontro alle fiere, ma mi è capitato anche di conoscere dei ragazzi e i fantasy sono perlopiù per giovani adulti».

Torniamo alla collana editoriale Starlight, come avviene la selezione? Leggi personalmente i manoscritti che pervengono alla casa editrice? Hai collaboratori?
«Sì, li leggo personalmente e per adesso riesco a gestire la mole di lavoro, anche se sto iniziando a pensare a collaborazioni anche in tal senso. Vado molto a periodi, ci sono dei periodi in cui mi concentro maggiormente sull’editing e la promozione dei testi e altri in cui ho più tempo per la valutazione. Mi sono riproposta di rispondere a tutti, quindi anche chi non è stato selezionato ha ricevuto una risposta con consigli su cosa lavorare e motivazioni sul rifiuto. Collaborano con me molti blogger nelle segnalazioni e recensioni dei libri e li ringrazio davvero per la disponibilità e la gentilezza dimostrata».

Come descriveresti questa nuova esperienza?
«Stancante e sotto molti aspetti soddisfacente. È un lavoro a tutti gli effetti perché mi occupa gran parte della giornata, il materiale su cui lavorare per fortuna c’è e questo mi ha portata a stabilire un calendario dell’anno in corso, quindi avrò pubblicazioni per parecchi mesi. Mi sta arricchendo ma soprattutto mi sta mettendo alla prova, mi confronto spesso con le altre direttrici di collana alla ricerca di soluzioni e con Pubme quando mi trovo in difficoltà su qualcosa. Sono felice delle mie prime uscite: a fine dicembre ci sono stati due racconti lunghi, Silvia Castellano con Die Party e Alessandra Leonardi con La fine del Tempo, la fine del Mondo, mentre a fine febbraio escono l’epic fantasy Aurora d’Inverno di Alessandro Del Gaudio e l’urban fantasy Cuore di tenebra – Hope in the darkness di Mariarosaria Guarino».

Leggere nuovi autori, valutare i loro testi e prendere una decisione non deve essere semplice, inoltre sei anche autrice, come gestisci tutto questo?
«Valutare manoscritti mi è sempre piaciuto e una cosa che non sempre potevo fare e che mi sarebbe piaciuta era proprio quella di contattare l’autore e parlarne insieme. Lo scambio, il confronto con gli altri è quello che mi ha arricchita di più. Come autrice sono ferma da un po’, a eccezione di alcuni racconti, non ho più pubblicato. Ho rifatto una versione aggiornata della mia prima uscita e sto attendendo di poterlo ripubblicare in modo da terminare la serie. Tra qualche mese sarà quindi completa la serie de Gli Elementali: Insieme verso la libertà, La spada degli elfi e L’amore non si arrende».

Qual è il tuo pensiero sull’editoria moderna? Si parla tanto di self ma sono ancora molti gli autori che si affidano alla classica editoria, come mai questo spaccato contrapposto?
«Sì, mi capita spessissimo di ricevere email da parte di autori autopubblicati che sono insoddisfatti, non sanno promuoversi e chiedono aiuto a un editore. Preferisco inediti ma a seconda dei casi li valuto, se penso di poterli aiutare o rilanciare in qualche modo. Due libri che usciranno più avanti hanno avuto questo percorso, ora saranno sottoposti a editing e riproposti in una nuova versione».

Fin adesso, da quando hai cominciato, qual è stato il riscontro dei lettori che hai notato nei confronti della Starlight?
«L’aspetto più bello è stato l’entusiasmo dei blogger, sia di chi mi seguiva già sia di chi ho conosciuto dopo, mi ha fatto molto piacere ricevere l’appoggio di molti. Poi la voglia di mettersi in gioco di molti autori e la curiosità dei lettori. La Starlight è una piccola realtà che affronta le difficoltà di tutti i giorni, ma lo faccio con passione e questo non me lo fa pesare. Sono consapevole di essere all’inizio in confronto a molti altri, di non avere il sostegno di tanti e di dovermi un po’ arrangiare. Eppure ogni volta che c’è una nuova uscita o un nuovo giudizio mi emoziono insieme agli autori e queste sono sensazioni che rimangono dentro».

Chi è l’autore di oggi? Consiglieresti questo mestiere agli aspiranti scrittori?
«Penso che oggi molti autori che anni fa hanno deciso di sperimentare il self abbiano trovato la strada giusta per promuoversi e arrivare al cuore dei lettori. La maggior parte chiede il sostegno dell’editore, ha timore di aprirsi ai lettori o semplicemente non dà importanza al web, altri invece sono ormai in grado di essere editori di se stessi. L’aspetto che mi preme di più è che l’autore possa capire i propri errori e migliorarsi, quindi do molta importanza all’editing, cosa che tanti self non fanno ancora. Il mio consiglio è proprio questo: curate i vostri testi, non abbiate paura a chiedere aiuto e scrivete quello che più vi fa stare meglio. La scrittura è una passione che va coltivata e che può regalare tante gioie, imparate ad apprezzarvi, a migliorarvi, a sperimentare e a emozionarvi già durante la stesura. Le soddisfazioni alla fine arrivano sempre, fosse anche solo un messaggio inaspettato o il desiderio di un lettore di leggere il seguito di un libro. Curatela come fate con una pianticella o un bambino e non smettete mai di studiare, fare ricerche e imparare dagli altri. Grazie davvero per avermi ospitata, è stato un piacere!».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster