Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Luisa Destobbeleer   Tutte le interviste tutte le interviste
Luisa DestobbeleerTelegiornaliste anno XIV N. 32 (579) del 28 novembre 2018

Diritto in diretta con Luisa Destobbeleer
di Giuseppe Bosso

Intervistiamo l’avvocato Luisa Destobbeleer, che da circa un anno conduce sull’emittente salernitana Lira tv la striscia settimanale Diritto in diretta in cui affronta varie problematiche.

Come nasce Diritto in diretta?
«Da un’idea improvvisa, direi: avevo fatto dei video su YouTube, e la gente che mi seguiva mi ha incoraggiato a sviluppare questo progetto divulgativo, che Lira tv ha accolto con entusiasmo. Mi ha dato molte soddisfazioni».

A chi si rivolge soprattutto la trasmissione?
«Sono autrice e ideatrice, gli argomenti sono attualità ma anche proposti da cittadini e da colleghi; sono argomenti che tratto a seconda del momento storico, delle persone che dedicano attenzione».

Qual è stato il riscontro che hai avuto, dal pubblico e per la tua attività professionale?
«Sicuramente positivo: entrare nelle case delle persone non è facile, o piaci o non piaci. La gente mi chiama ormai Luisa, si fida, ed è un onore e un piacere per me».

Il delitto di Desirée è purtroppo l’ultimo tragico fatto di cronaca che da anni programmi come Quarto Grado affrontano, non sempre in modo appropriato: qual è la tua opinione, come donna e avvocato?
«I casi di femminicidio e di violenza in generale toccano la nostra coscienza, fanno male soprattutto se vittime sono giovanissime donne e mamme. Parlarne in tv, sensibilizzare le persone va bene, ma penso che occorra fare di più a livello normativo, bisogna intervenire in modo più incisivo su questi reati, su queste persone che per me, come donna e come madre, non sono tali».

Molti avvocati scrivono libri e fanno altre attività, anche politiche: queste commistioni possono coesistere con la professione?
«Parlavo con un collega che ha la passione per il piano, che coltiva con passione. Credo che se una persona abbia una predisposizione, una passione, al di là della professione che esercita, vada coltivata e vista di buon grado. Non significa certo venir meno ai propri doveri questo».

In futuro pensi di proseguire con progetti simili alla trasmissione?
«Sono un vulcano di idee in questo periodo – ride , ndr – ci si arriva piano, con la collaborazione di una redazione forte fatta di persone fidate che ti seguono. I progetti per Diritto in diretta sono tanti, spero di crescere sempre di più, è un sogno che spero di continuare».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster