Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Maria Consiglia Izzo   Tutte le interviste tutte le interviste
Maria Consiglia IzzoTelegiornaliste anno XIV N. 33 (580) del 5 dicembre 2018

Maria Consiglia Izzo, borderline d’eccellenza
di Giuseppe Bosso

Incontriamo la giornalista Maria Consiglia Izzo, originaria di Torre del Greco, volto di Tvcity e del portale Gnam gnam style.

Com’è la tua giornata tipo?
«Non c’è in verità – ride, ndr – per sommi capi si inizia sempre presto e si finisce tardi. E non sono quasi mai in ufficio, sebbene fortunatamente lo abbia, in giro tra interviste ed incontri con i clienti che hanno esigenza di essere sempre seguiti. Poi in alcuni ‘felici’ momenti mi capita di stare in ufficio, boccate di ossigeno diciamo… le attività mattiniere sono per lo più legate alla redazione di articoli, sbobinare interviste».

Come ti sei avvicinata all’enogastronomia?
«Da piccola, come tutte le bambine, amavo ‘tenere le mani in pasta’, volendo emulare la mia mamma. Leggevo i libri di cucina piuttosto che le riviste, e l’esperienza in una casa editrice mi ha fatto appassionare, ma dal punto di vista fotografico; amavo vedere come immortalavano le pietanze e come rendevano, e con il passare degli anni ho ‘ereditato’ queste tecniche comprando del materiale che uso per passione; negli anni ho seguito corsi per diventare sommelier, assaggiatore di formaggi, e quindi posso dire di essermi appassionata al punto di cavalcare, complice il fatto anche che è uno dei campi sempre più floridi, dove se lavori con competenza e passione puoi emergere».

Quindi nonostante tante problematiche è un settore che sarà sempre un’eccellenza?
«Sì, per il sud e per l’Italia per fortuna, tutto lo stivale vanta grandi tradizioni e giovani che nel mondo della cucina vera e propria e della produzione stanno ottenendo il ritorno dei loro sacrifici e del loro impegno. Siamo molto apprezzati all’estero, si è capito quanto sia importante esportare il nostro know-how».

Quali difficoltà hai incontrato nell'inserirti in questo settore?
«Sono tante, ancora oggi dove pure mi sento un po’ più tranquilla rispetto all’inizio della gestione dell’agenzia; essere donna non è facile in un settore dove i colleghi o comunque le persone con cui collabori rischiano di sottovalutarti o di fraintenderti».

E da questa passione nasce, negli ultimi mesi, la tua collaborazione con Sonia Sodano e la sua trasmissione radiofonica del sabato, unendo editoria ed enogastronomia.
«Sì. Sonia è una carissima amica anzitutto, e una collega molto competente e creativa che mi ha proposto questa idea, “Libri di..vini” unendo la mia passione per i vini alla sua per la lettura, abbinando un vino ad un libro; è un modo per me anche per passare tempo con lei, visti i tempi che non sempre sono conciliabili. Continueremo anche quest’anno, ma con Sonia ho in essere già una collaborazione con la sua rivista Cultura a colori; diciamo che eravamo già un po’ pappa e ciccia».

E anche compagne di squadre nella formazione calcistica femminile dell’ordine…
«Sì, anche qui è Sonia, che definisco il mio angelo – ride, ndr – ad avermi coinvolta in questa esperienza; è un bellissimo progetto ideato dal presidente Lucarelli, non solo grande tifoso del Napoli ed appassionato di calcio ma soprattutto persona attenta alle esigenze di un gruppo qual è il nostro ordine, anche se qualcuno è un po’ più recalcitrante. Lui invece ha cercato di unire tante professioniste, con esperienze anche diverse, che si incontrano settimanalmente per allenarsi, per partecipare a tornei e anche incontrarsi per una pizza con il presidente… ci ha anche cambiato la vita sul lato professionale, visto che tra di noi ci aiutiamo magari quando qualcuna deve occuparsi di un settore in cui non ha molta dimestichezza e un’altra invece è più addentro».

Ti sta stretta la dimensione locale?
«Non la definirei dimensione locale. La mia fortuna è stata quella di iniziare a lavorare nel mondo dell’enogastronomia a Milano, con la casa editrice che mi mandava spesso lì; quell’ambiente mi ha aiutata ad allargare le mie prospettive, anche se poi quando ho avviato la mia agenzia ho dovuto fare un po’ di fatica in più per portare il modo di fare ‘milanese’ a Napoli… avverto ancora qualche titubanza, ma è il mio modo di svolgere il mio lavoro, forse più tipico del nord».

Quanto è importante per te il look?
«Mi fai una domanda un po’ borderline… questa estate ho fatto il cammino di Santiago, in Spagna; prima ero un po’ più attenta al trucco, ai tacchi, adesso cerco di essere molto più free. Importante è l’immagine, certo, ma senza eccedere; dipende dai contesti, ovviamente, una cena di lavoro ti può richiedere un certo tipo di look, altri no. Sempre meglio comunque i contenuti, il saper fare».

Hai mai dovuto scontrarti con compromessi o proposte indecenti?
«No, non ci sono mai stata. Si sono verificate situazioni in cui sono riuscita a resistere, sebbene mi abbia portato a rinunciare a contesti più importanti. Ma ho una famiglia che per fortuna mi supporta e mi appoggia e mi consente di seguire i miei sogni. Non condanno chi sottostà a qualche compromesso, ma non è il mio caso».

Cosa vedi nel domani?
«Ancora più borderline – ride, ndr – spero di avere quello che ho oggi, non pretendo di più o di meno, se non più serenità nella gestione della quotidianità, ma questo dipende anzitutto dai miei interlocutori. Spero di realizzarmi sul versante familiare, soprattutto moglie e madre, ed è quello che sceglierei se proprio dovessi trovarmi nelle condizioni».

Ti sei mai dovuta confrontare con la parola bavaglio?
«Sì, solo però all’inizio della mia esperienza. Ma si trattava di direttori che cercavano di imporre qualcosa che nella loro prospettiva non sembrava un obbligo come invece lo era per chi lo riceveva, e da questo punto di vista mi toccava di mediare un po’ di più. Oggi essendo autonoma non cerco io di imporre le mie vedute che potrebbero non essere condivise».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster