Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Natascha Lusenti (2)   Tutte le interviste tutte le interviste
Natascha LusentiTelegiornaliste anno XIV N. 17 (564) del 23 maggio 2018

Natascha Lusenti voce di Radio2 ci racconta
Al mattino stringi forte i desideri

di Tiziana Cazziero

Natascha Lusenti racconta Al mattino stringi forte i desideri pubblicato con Garzanti.

Voce costante della radio, giornalista e scrittrice, una storia professionale importante e diversificata, quale esperienza del passato ricordi con affetto?
«I miei anni di giornalista praticante nella redazione del Diario diretto da Enrico Deaglio. Lì ho imparato il gusto di raccontare l’attualità da un punto di vista laterale, lontano da quello dove si concentravano tutti gli altri. E poi Deaglio dava spazio a scrittori, a uno sguardo poetico, alla musica classica. È stato un grande maestro ed è una persona a cui voglio bene. Ero molto giovane e quel giornale diventò per me la mia famiglia in una città nuova e per me, all’epoca, immensa, come Milano».

Parliamo di Al mattino stringi forte i desideri, di cosa parla? Emilia è la protagonista del romanzo, chi è, puoi raccontarci qualcosa di lei?
«Emilia è una giovane donna disorientata, che ha deciso di cambiare città per ritrovare la bussola della propria vita. La conosciamo mentre sta per entrare nel condominio in cui abiterà, nella casa di un’amica che è partita. Ha con sé i suoi due gatti e si nasconde dietro una frangia lunga che la copre quasi come una tenda. Emilia è timida, si muove senza fare rumore sulle sue scarpe, le ballerine, e le piace ascoltare gli altri, osservare quello che ha intorno. Vuole farsi dei nuovi amici e perciò decide di cominciare proprio dal condominio: ogni giorno scende nell’androne, presto, quando gli altri ancora dormono, e appende sulla bacheca un foglio su cui scrive i suoi pensieri del mattino. Il papà di Emilia le ha insegnato a voler bene ai propri pensieri e lei pensa che quelli del mattino siano particolarmente importanti perché sono un nuovo inizio. Li scrive in forma anonima, senza firmarsi. E così le persone cominciano a leggere quelle storie che cominciano sempre con Questa mattina mi sono svegliata e qualcuno si incuriosisce, qualcuno si affeziona, ma nessuno reagisce. Fino a che non lo fa un bambino, che appende una figurina. Sarà lui il primo, nuovo amico di Emilia e il suo alleato».

Al mattino stringi forte i desideri, puoi rivelarci qualcosa su questo titolo?
«Quando attraversi grandi sofferenze, fai fatica ad avere desideri. Quasi ti quieti, nella rassegnazione. Il libro è costruito su due piani narrativi: c’è un narratore in terza persona che ci racconta di Emilia, del bambino Nicola, della signora Gina che abita al quinto piano e degli altri condòmini e c’è un racconto in prima persona che fa Emilia stessa, attraverso cui scopriamo piano piano il suo passato. Emilia ha sofferto molto, e ha dovuto quasi rinunciare ai suoi desideri, ma questo passato viene portato alla conoscenza del lettore con grazia perché Emilia non soffre più. Ma da lì a imparare ad avere di nuovo dei desideri… c’è della strada da fare, e il romanzo racconta proprio questo e come Emilia abbia imparato a stare bene avendo cura delle piccole cose di ogni giorno: una pianta, il canto di un uccellino, il tram su cui osservare gli altri, una maglietta di un colore che ti fa stare bene, salutare il tuo vicino di casa».

Sogni e desideri si possono davvero realizzare?
«Qualche volta. Da bambina, da molto piccola, sognavo di scrivere un romanzo. Poi ho buttato via quel sogno perché dovevo lavorare, mantenermi da sola e pensavo che non avevo tempo né modo di baloccarmi con quel sogno infantile. Dopo moltissimi anni, ce l’ho in casa. Il romanzo che ho scritto. Lo prendo in mano. Guardo la copertina. Lo sfoglio. Lo rimetto sul tavolo. Sì, talvolta i sogni si avverano, ma la strada può essere davvero lunga, e faticosa, e molto spesso in salita. I sogni ti aspettano magari dietro l’ennesima curva, se tu hai la forza di percorrerla. Ancora una. E un’altra».

Nel tuo percorso fino a oggi quali sono state le difficoltà maggiori che hai incontrato nel tuo lavoro?
«Voglio molto bene al mio lavoro e lo faccio con passione e disciplina. Leggo, studio in continuazione, approfondisco, e poi c’è la quotidianità del programma da seguire che in certi periodi si prende tutto il tempo e tutte le mie forze. In tv o in radio o prima ancora, quando scrivevo per la carta stampata. È un lavoro bellissimo e mi ha permesso di realizzare l’altro mio grande sogno che era viaggiare, per conoscere il mondo e gli esseri viventi che ci sono dentro, non solo gli umani».

Essere giornalista e scrittrice erano i tuoi desideri di bambina?
«Scrittrice, sì, come ho detto. Giornalista no. Ero una bambina con la testa per aria, badavo poco alla realtà, leggevo tantissimi romanzi, mi chiudevo nella mia cameretta, ascoltavo la musica. Il giornalismo mi ha costretta a tenere anche i piedi per terra e non restarmene lì solo con il naso all'insù, a guardare le nuvole e a fantasticare e per questo mi ha reso una persona più consapevole e migliore. E poi mi ha fatto incontrare tantissime persone, ognuna con la sua storia di cui avere cura, per poterla restituire a chi la racconti con lealtà, con profondità, con rispetto. Non sarei quella che sono senza questo lavoro a cui sono profondamente grata».

Manca qualcosa alla tua vita professionale per sentirti completa?
«Mi affido alla vita. Ho imparato a fidarmi della vita. Io faccio del mio meglio, sempre, con tutti i miei limiti, e poi aspetto che arrivi quello che deve arrivare. In ogni caso questo è un periodo di grande gioia e raccolto».

Nel libro si parla di fiducia, quanto può essere difficile secondo te tornare a fidarsi delle persone?
«Può essere molto difficile, se hai sofferto, e magari ti dici che non lo farai più. Non ti fiderai più. Non aprirai più la porta di casa né quella del tuo cuore. A un nuovo amore. A un nuovo amico. A un nuovo collega. Eppure, se vuoi continuare ad essere vivo, devi mischiarti agli altri. Devi proprio, è un dovere nei confronti della vita. Si può però imparare a fidarsi per gradi, ad andare piano, in modo da proteggersi di più. Questo è importante e secondo me è un segno di maturità. Per non sprecare energie a rialzarsi, visto che ci sono tante cose belle da fare».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster