Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Vittoria Tomasi   Tutte le interviste tutte le interviste
Vittoria TomasiTelegiornaliste anno XIV N. 30 (577) del 14 novembre 2018

Vittoria Tomasi, comunicatrice a tutto tondo
di Tiziana Cazziero

Abbiamo il piacere di incontrare la giornalista e scrittrice Vittoria Tomasi.

Ciao Vittoria e grazie per il tuo tempo. Scrittrice, giornalista, conduttrice televisiva, come concili le tue attività?
«Qui si parte con le domande difficili! Non sempre è facile, ma posso dire con il tempo di aver trovato una certa sintonia tra queste attività diverse, ma allo stesso tempo simili, legate dal filo diretto della comunicazione. Il segreto è sapersi organizzare. Certo, le notizie non sempre sono prevedibili, ma le registrazioni televisive sì, e nei ritagli di tempo mi dedico alla stesura dei miei romanzi».

Quando hai capito che il tuo futuro sarebbe stato nella comunicazione?
«Sin da bambina. Ho sempre amato il mondo della scrittura e mi divertivo a inventare storie e a scriverle su un quadernino. Per quanto riguarda l’amore per la conduzione televisiva, invece, è nato dopo la partecipazione al concorso di Miss Italia, un’esperienza che mi ha aiutato tantissimo a vincere la timidezza».

Presentatrice e scrittrice, se dovessi scegliere, in quale tra queste due figure ti senti più affine?
«Spero di non doverlo mai fare perché non saprei cosa scegliere. Adoro scrivere e inventare nuove storie per emozionare i lettori, ma anche raccontare al pubblico vere storie di vita mi dona una sensazione impagabile».

Il mondo editoriale è molto cambiato negli ultimi anni, cosa ne pensi? Internet prenderà il controllo sulla carta stampata?
«È probabile. Ormai dipendiamo da Internet per fare qualsiasi cosa, inclusa questa intervista. Però penso che la carta stampata possa ancora dare ‘filo da torcere’ al web. Ha dalla sua parte la tradizione e le sensazioni tattili e olfattive che non ci può donare nessun device».

Parliamo dei tuoi libri. Quale genere ti piace trattare e a chi sono rivolti?
«Sono partita con due racconti fantasy-storici, la saga di Anita e la Setta dei Padroni del Tempo, per poi dedicarmi al mondo del rosa, con due storie d’amore totalmente diverse, entrambe dedicate a un pubblico giovane, ma non solo: Welcome to Chrissi Island, scritto sotto forma di diario, e Lasciata all’altare».

Da dove arriva l’ispirazione per le tue storie?
«Direi dalla vita di tutti i giorni. A volte mi capita di prendere ispirazione da fatti realmente accaduti, luoghi che visito (come nel caso di Chrissi Island), ma anche da persone che incontro. In certi casi l’idea mi arriva come un fulmine a ciel sereno, in altri basta qualche notte di sonno».

Lasciata all’altare è una delle tue ultime opere pubblicata con Delos Digital, vuoi raccontarci qualcosa di questa storia?
«Si tratta di una commedia romantica che racconta le disavventure di Sofia, una giovane giornalista (guarda caso) che ha deciso di intraprendere la carriera di wedding planner per sbancare il lunario. Il suo banco di prova sarà il matrimonio del fratello che, come potrete immaginare dal titolo del libro, si rivelerà un vero disastro. Inoltre, a tentare la protagonista avremo un affascinante ufficiale di crociera e un misterioso cavaliere mascherato, Messer John…».

Sei una comunicatrice a tutto tondo, ma qual è la prima definizione di te stessa in ambito professionale che ti viene subito in mente?
«Proprio quella che hai dato tu! Mi sono sempre definita comunicatrice a tutto tondo, anche perché non credo ci sia altra espressione per riassumere quello che faccio: giornalista, conduttrice televisiva, scrittrice, copywriter, ufficio stampa e anche blogger di viaggi: per passione ho aperto il blog Una penna in valigia in cui propongo itinerari alla scoperta dell’Italia ed Europa».

Gli ebook stanno diventando preponderanti rispetto ai cartacei, tu a quel formato sei più legata?
«Non posso dire di preferirli alla carta perché sarebbe una bugia. Il libro cartaceo ti regala sensazioni tattili che un ebook ancora non può dare. Però l’ebook vince in fatto di comodità: puoi avere centinaia di libri sempre con te, a portata di e-reader o smartphone. Un’ottima compagnia quando si viaggia da soli o si è in attesa».

Progetti per il futuro? Cosa dobbiamo aspettarci?
«Ce ne sono davvero tanti. Sul fronte televisivo, da novembre inizierò la conduzione della nuova edizione del programma Salute 3.0 che tornerà in veste totalmente rinnovata. Sul fronte letterario ho appena terminato la stesura di una nuova storia, molto diversa dalle precedenti, e ora sono alla ricerca di una nuova ispirazione».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster