Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Elena Pontoriero   Tutte le interviste tutte le interviste
Elena PontorieroTelegiornaliste anno VIII N. 34 (336) del 22 ottobre 2012

Elena Pontoriero: spazio anche a cultura e spettacolo in tv
di Giuseppe Bosso

Pubblicista dal 2005, Elena Pontoriero quest'anno ha condotto su Metropolis tv le rubriche Cultura e spettacolo flash e Special guest. Prossimamente, a metà novembre, la vedremo, sulla stessa emittente, con un nuovo format, La tela dell'artista.

Come nascono i programmi che hai condotto quest'anno?
«Special guest è nato in una notte, dopo una chiacchierata al telefono con Simeri, mio carissimo amico, Cultura e spettacolo flash è una mia idea, che nasce dalla voglia di dare spazio e visibilità a tanti artisti campani che meritavano maggiore visibilità. Dopo tanti anni di lavoro sulla stampa ero un po' incerta di questa nuova esperienza davanti alle telecamere, ma alla fine mi è stato d'aiuto il fatto che da assidua telespettatrice non ho avuto difficoltà ad assimilare i tempi. La tela dell'artista è un progetto a cui tengo molto, in cui sarò affiancata dagli speaker Reika Hinch e Mino Monelli. Sono felicissima di dare un mano all'ampliamento dei format di Metropolis, la mia palestra».

In tempo di crisi come si può parlare di cultura e spettacolo?
«Mi rendo conto che la crisi c'è e si sente, ma è giusto anche trovare momenti di svago per andare avanti; il pubblico avrebbe bisogno di più contenuti, ed è quello che cerco di trasmettere, a maggior ragione in un'area come quella campana che da sempre è fucina di grandi talenti».

Quali sono, tra quelli che hai intervistato, gli artisti che ti hanno maggiormente colpito?
«Non vorrei sembrarti buonista, ma lo posso dire con convinzione: da tutti ho avuto risposte positive e grande disponibilità; molti sono diventati anche grandi amici che mi hanno presentato, per altre interviste, loro colleghi. Mi sono sentita davvero 'adottata' da questo ambiente».

Metropolis è una vetrina conciliabile con le tue ambizioni?
«Si. Essendo una tv regionale lavora molto sulla notizia. Ci sono cresciuta, ho imparato questo mestiere e sto avendo un grande riscontro anche dal punto di vista del seguito, dei fans».

Sul tuo profilo facebook di recente hai parlato di grandi novità in arrivo sul versante professionale e privato.
«Sì. Oltre al nuovo programma, sempre per Metropolis, sto per realizzare un altro programma, in cui mostrerò ciò che succede intorno all'area vesuviana. I miei sacrifici iniziano finalmente ad essere ripagati, anche nel privato, dove sto trovando molte conferme. Sembrerà banale dirlo, ma per una donna, una mamma quale sono, è importante anche trovarne».

Hai anche un canale su Youtube. Cosa ti piacerebbe trovarci, tra dieci anni?
«Non saprei... Spero solo di poter continuare a crescere professionalmente e fare del mio meglio».

Hai mai ricevuto proposte indecenti?
«Sfortunatamente sì... purtroppo un carattere aperto e socievole come il mio si presta ad essere frainteso. Ma per fortuna chi ha imparato a conoscermi davvero sa come sono e non confonde la cordialità con altro».

Come concili l'Elena mamma con l'Elena giornalista?
«Non sempre ci riesco. È un lungo percorso da seguire, ora soprattutto che mio figlio sta iniziando ad andare a scuola e la mia presenza è più che mai necessaria. Anche mio marito lavora in tv, come tecnico per la Rai. Tra qualche anno, quando sarà più grande, magari ripenserò a questi momenti chiedendomi se sono riuscita a conciliare le due sfere come avrei dovuto».

Come ti descrivi?
«Impulsiva».

Oltre allo spettacolo, a quale altro ramo dell'informazione vorresti dedicarti?
«Cronaca bianca».

La Campania non ti sta stretta?
«No, anzi, sono molto legata alla mia terra».

versione stampabile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster