Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Laura Mambelli   Tutte le interviste tutte le interviste
Laura MambelliTelegiornaliste anno VI N. 30 (247) del 20 settembre 2010

Laura Mambelli, una carriera al Tg1 di Giuseppe Bosso

Questa settimana Telegiornaliste incontra Laura Mambelli del Tg1.

Come sei arrivata al Tg1?
«Era il '94. Il mio giornale - ultimo tentativo di rifondare il vecchio e glorioso Paese sera - aveva chiuso, ero appena diventata professionista ed ero già disoccupata. Cominciai con le collaborazioni esterne: l'agenzia Dire, settimanali, ma soprattutto Il Corriere della Sera, dove mi aveva aiutata ad entrare Bruno Tucci, oggi presidente dell'Ordine dei giornalisti del Lazio, al quale mi rivolsi come membro del cdr del Corriere. Senza conoscermi e senza alcuna segnalazione, ma solo con un pezzo di prova, mi offrì l'opportunità di scrivere per due anni per il più grande quotidiano italiano. Ad agosto, il Tg1 mi chiamò per una sostituzione di un mese. Pausa di un anno, poi quando non ci pensavo più mi richiamarono, e poi ancora e ancora con pause continue fino a otto snervanti anni di contratti a termine. Alla fine, nel 2001, grazie alle liste dei precari dell'Usigrai, venni finalmente assunta».

Per te è stato un punto di arrivo o di ripartenza?
«Un punto di arrivo, ma è chiaro che in questo mestiere bisogna vivere di ripartenze altrimenti è finita».

Ti senti più inviata o anchorwoman?
«La prima volta che mi sono seduta sulla sedia della conduttrice ero emozionata, ma una volta finita la conduzione ho pensato "sì, bello, ma che ho fatto? Tutto qui?". Insomma, il mestiere del giornalista non è quello del conduttore. Il giornalista è il giornalista, che è un'altra cosa».

Come hai vissuto i recenti cambiamenti che hanno riguardato la tua testata?
«Cambiamenti? Ad ogni cambio di governo il Tg1 cambia, è così da sempre. Sta a noi che ci lavoriamo non cambiare, a volte ci riusciamo, a volte no».

In un tg importante come il vostro avverti più complicità o competizione con i tuoi colleghi?
«Competizione, ovvio. Ma se un collega fa una cosa buona la fa per il giornale per cui lavoro anch'io. Questo è un bene per tutti».

E con le donne, più solidarietà o più rivali?
«Noi donne sappiamo che le donne sono più brave».

Quale, tra le tante notizie che hai avuto modo di riportare, ti è rimasta più impressa?
«La cronaca nera mi fa sempre impressione; anche se è il mio lavoro da tanti anni, non mi abituo. Il ricordo incancellabile è quello dei bambini morti nella scuola di San Giuliano di Puglia. Succedeva sotto i miei occhi e non potevo crederci: i genitori seduti davanti alla scuola dove i vigili del fuoco scavavano, i loro figli forse morti, forse vivi».

E quale notizia vorresti dare?
«Cure trovate, vaccini scoperti, la liberazione dalle malattie e dalle sofferenze. Ma qui il giornalismo c'entra ben poco».

L'apprezzamento più bello e la critica più amara che hai ricevuto?
«I complimenti pubblici ricevuti per il mio lavoro da Michele Santoro nella conferenza stampa che segnava il suo ritorno in tv e l'inizio di Annozero, dove ho lavorato per due anni in distacco dal Tg1. Ma anche un fondo di Barbara Spinelli che, su La Stampa, scriveva in termini lusinghieri di un mio servizio e anche di me, mi ha riempito d'orgoglio. Le critiche più amare, ovvio, quelle sul benedetto Shuttle che in un tg della notte dissi essere 'esploso' e invece era stato solo lanciato. Vecchia storia ma continua a girare su YouTube in tutto il mondo. Approfitto di questo spazio per spiegare cosa accadde realmente: si trattò di un errore di traduzione dell'agenzia Apcom e di chi mi disse di leggerla. Non è che un conduttore possa fare in onda le verifiche o rifiutarsi di leggere le notizie che un superiore indica. Un'altra precisazione sulla smentita: parlai di "un'agenzia che purtroppo era sbagliata" e non di "una notizia purtroppo sbagliata". Quel 'purtroppo' si riferiva al fatto di aver fornito al telespettatore un'informazione errata. Spero di aver chiarito la differenza».

Chiarito questo punto. Cosa pensi invece di Telegiornaliste?
«È un sito buffo, sembra che abbiate il mito dei giornalisti televisivi, e in particolare dei conduttori. Siamo persone comuni, e quando cominciamo ad andare in televisione dobbiamo essere capaci di tenere al guinzaglio la vanità, altrimenti cresce troppo e si mangia il resto. Però nel vostro sito ci sono bravi moderatori e quando qualcuno esagera, nell'uno o nell'altro senso, interviene a ristabilire l'equilibrio con molto garbo e rispetto».

versione stampabile

Pallavoliste volley femminile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster