Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

speciale telegiornalisti
ALFREDO MACCHI

Alfredo Macchi, nato a Sorengo (Svizzera), vissuto a Milano e quindi a Roma,  è giornalista professionista dal 1990. Dopo aver frequentato il VI biennio dell’Istituto per la formazione al giornalismo Carlo De Martino, a New York ha lavorato come free lance per alcune testate italiane. Rientrato in Italia ha collaborato con alcuni giornali (Corriere della Sera, L’Espresso) mentre si stava laureando in Scienze Politiche alla Statale di Milano. Nel 1991 passa a Raiuno dove lavora per la trasmissione Il supplemento di Rai Uno e quindi, l’anno seguente, approda al Tg4 chiamato da Emilio Fede. Negli anni ha condotto le edizioni del tg e come inviato ha seguito eventi importanti: dalla morte di Lady Diana all’alluvione di Sarno, dai delitti di Gravina e Novi Ligure al G8 di Genova. Negli ultimi anni ha seguito sul posto la guerra del Kosovo del 1999, l’intifada in Palestina e l’Afghanistan, primo giornalista televisivo italiano ad entrare a Kabul dopo la caduta dei talebani, vi è rimasto due mesi e poi tornato spesso. Vince nel 2002 il premio di Giornalismo Saint-Vincent per questi servizi. Per Rete 4 ha realizzato alcuni speciali quali Oltre la fede, La terra contesa e Gli Angeli del Tamil. Pubblica due libri, Come si entra nel mondo del Cinema e I Tg del futuro. E’ anche fotografo e collabora da anni con diverse organizzazioni umanitarie per le quali ha realizzato reportage dal Terzo Mondo. In Iran ha esposto sette fotografie alla Prima Biennale Internazionale di Fotografia del Mondo Islamico a Tehran.
intervista | sito ufficiale
 

3 immagini disponibili: clicca sulle foto per ingrandirle

gli altri tgisti

 


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster