Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

speciale telegiornalisti
EMILIO ROSSI

Emilio RossiTelegiornaliste anno IV N. 44 (169) del 8 dicembre 2008

Addio, Emilio Rossi di Silvia Grassetti

In Rai dal 1956. Primo direttore del Tg1 dal 1975. Vincitore di numerosi riconoscimenti, come il premio Ilaria Alpi alla carriera nel 2007, lo Scarfoglio, il premio Ischia. Autore di tanti libri, come il più recente, L'undecima musa. Navigando con Ulisse nel mare della comunicazione di attualità, ma anche il primo, Il pensiero politico di Jacques Maritain.

Gambizzato dalle BR nell’aprile del 1977: un commando gli sparò addosso 15 pallottole. Rossi stava andando in redazione, e camminando leggeva un testo di Pietro Ingrao. Ironico.
Dirà Adriana Faranda, l’ex terrorista rossa, che l’attentato a Emilio Rossi rientrava in una strategia di «contro i livelli intermedi della DC», che culminerà otto mesi dopo con il sequestro Moro. Emilio Rossi era appena rientrato al suo posto alla direzione del tg. In quei giorni “di sospensione” il direttore, attento al grande pubblico, realizzò un modello di tg che oggi viene definito il prototipo delle “all news”.

Vicedirettore generale Rai per la pianificazione dal 1980 al pensionamento. Presidente del Comitato di Controllo Tv e Minori. Di lui l’Associazione Ilaria Alpi ha detto: «Verso Emilio Rossi l'informazione e più in generale la società italiana hanno un debito di riconoscenza. Per il suo impegno professionale e civile, per la sua coerenza di giornalista rispettoso dei diritti di tutti, ma soprattutto dei ragazzi, i soggetti più esposti al cinismo opportunistico di un malinteso mercato, per aver formato e guidato generazioni di giornalisti televisivi, per aver sempre creduto in un modello alto del Servizio Pubblico radiotelevisivo».

Come è ormai noto, Emilio Rossi si è spento giovedì scorso nella sua casa di Roma. Era nato a Genova nel 1923, era laureato in giurisprudenza e in filosofia.
Vogliamo salutarlo ricordando come l’Associazione Ilaria Alpi aveva motivato il suo premio alla carriera: «La carriera di Emilio Rossi rappresenta un raro equilibrio fra la professionalità e l'etica, fra l'impegno culturale e la scelta civile».
In questo difficile momento per l’informazione italiana, pronunciare un “Addio, Emilio” ci pesa ancora di più.

versione stampabile

gli altri tgisti


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster